KANYE SCIOLTO – IL DOCUMENTARIO SU NETFLIX, IL NUOVO ALBUM E I RECENTI SFOGHI SOCIAL CONTRO IL RAGAZZO DELLA SUA EX KIM KARDASHIAN: QUANDO C’È DA ATTIRARE L’ATTENZIONE, KANYE WEST SA COSA FARE -L’ALBUM “DONDA 2” IN USCITA OGGI, SARÀ DISPONIBILE SOLAMENTE SU “STEM PLAYER”, UN DISPOSITIVO DA 230 EURO DA LUI PRODOTTO – IL RAPPER HA GIUSTIFICATO LA SCELTA CRITICANDO LE PAGHE DA MISERIA DEI SERVIZI STREAMING AGLI ARTISTI – MA CHI SARÀ DISPOSTO A PAGARE CENTINAIA DI EURO PER ASCOLTARE UN ALBUM? – DI QUESTO PASSO “DONDA 2” POTREBBE DIVENTARE L’ALBUM PIÙ PIRATATO DELLA STORIA… - VIDEO

-

Condividi questo articolo


1. JEEN-YUHS

jeen yuhs jeen yuhs

Simona Siri per "la Stampa"

 

È il 1998 quando Clarence Simmons, noto come Coodie, comico e conduttore di una tv locale, punta per la prima volta la macchina da presa su un giovane produttore della scena rap di Chicago. Convintosi che quel ragazzo farà strada, incomincia a seguirlo ovunque, accumulando ore di girato, riprendendo ogni momento della sua vita, tra lo stupore un po' di tutti, sorpresi che un semi sconosciuto riceva tanta attenzione. 

 

Kanye West e il servizio domenicale Kanye West e il servizio domenicale

Un'operazione che all'epoca sembra solo una scommessa, un'intuizione figlia del caso, ma che oggi ci regala una delle testimonianze più ricche e interessanti sugli albori del successo di uno degli artisti più importanti di questo secolo: Kanye West. Diviso in tre parti (la prima è già su Netflix, la seconda lo sarà domani e la terza a marzo) Jeen-yuhs: A Kanye Trilogy è un documentario con una storia nella storia e una gestazione a dir poco difficile, tanto che per anni la sua realizzazione è stata in forse. 

 

Kanye West 3 Kanye West 3

Nell'idea originaria di Coodie le riprese si sarebbero dovute fermare con l'affermazione definitiva di Kanye, la vittoria del Grammy nel 2005 con il suo primo disco, The College Dropout. In realtà dopo un'interruzione dovuta al raffreddarsi dei rapporti tra i due, la terza parte è tutta dedicata agli anni recenti, all'affermazione di West come figura multi talentuosa e globale, il suo matrimonio con Kim Kardashian, le polemiche per le sue dichiarazioni sulla schiavitù, l'amicizia e il supporto a Trump, la sua candidatura di breve durata alle elezioni presidenziali del 2020, l'ammissione della diagnosi di disturbo bipolare. 

kanye west vestito come un rapinatore al listen party donda atlanta 3 kanye west vestito come un rapinatore al listen party donda atlanta 3

 

Tutte cose che definiscono il Kanye recente e rischiano di far dimenticare l'altro, il musicista in grado di influenzare musica e moda come forse nessun altro. Per ritrovare quello, basta guardare la prima parte del documentario, non a caso intitolata «vision». È lì che si ritrova non solo la musica, l'essenza attorno a cui ruota tutto, ma anche la vulnerabilità di un artista che nonostante sia convinto del suo talento ha dentro di sé la fragilità che deriva dal dover convincere gli altri. 

 

jeen yuhs jeen yuhs

Una delle scene più significative è infatti quella di Kanye che, alla disperata ricerca di un contratto discografico come rapper, si aggira per gli uffici della Roc-A-Fella Records, l'etichetta discografica di Jay Z, facendo sentire agli impiegati i suoi pezzi, tra l'indifferenza generale. Eppure lui ci crede. Così come a quel punto ci crediamo anche noi. «Può sembrare che stia vivendo il sogno americano - dice lui - ma non sono affatto vicino al mio, di sogno. Ho delle aspirazioni». 

kanye west con la madre donda kanye west con la madre donda

 

Oppure quando parla con la madre Donda, morta nel 2007 e a cui sono intitolati i suoi ultimi due dischi tra cui quello in uscita oggi - disponibile solo sulla piattaforma del cantante e non (polemicamente) su Apple Music: «Vorrei congratularmi con te per l'ottimo lavoro che hai fatto nel crescermi». Un personaggio diverso da quello che vediamo più avanti, immerso nel suo narcisismo, protagonista di discutibili uscite pubbliche, tanto che a un certo punto Coodie spegne la telecamera. 

kanye west kanye west

 

Come se vederlo così fosse troppo doloroso per chi l'ha conosciuto, amato e apprezzato. Che è un po' la stessa sensazione che hanno i fan oggi di fronte a certi deliri pubblici, alla pubblicazione su Instagram dei messaggi privati con l'ex moglie (poi cancellati), agli insulti contro il comico Pete Davidson, il nuovo fidanzato di Kim Kardashian (i due sono in fase di divorzio, separati da più di un anno), poi cancellati anche quelli. 

KANYE WEST 1 KANYE WEST 1

 

Ma se quel Kanye degli esordi sembra diverso da quello di adesso, in realtà uno non esiste senza l'altro. In realtà era già tutto lì. In una delle riprese di Coodie del 1998 a un certo punto dice: «Voglio arrivare a un livello da poter cancellare il cognome dal mio nome». Nell'agosto 2021, più di vent' anni dopo, l'ha fatto davvero. Il suo nome - anche legalmente - ora è solo Ye.

 

2. DONDA 2 E LO STEM PLAYER

Da www.105.net 

kanye west con la madre donda kanye west con la madre donda

 

C’è grande attesa per "Donda 2", il prossimo album di Kanye West. Ma i fan del producer e rapper di Chicago dovranno fare i conti con quella che potrebbe essere una complicazione non da poco e trovarsi costretti a spendere la bellezza di 230 dollari per poter ascoltare la sua prossima fatica artistica. West ha infatti annunciato che il nuovo disco sarà disponibile solo su Stem Player, un dispositivo in vendita dallo scorso autunno. 

 

stem player stem player

A meno di averne già uno a casa, dunque, sarà necessario acquistarlo per poter ascoltare l’album. E il prezzo non è esattamente dei più economici. “Donda 2 sarà disponibile solo sulla mia piattaforma, lo Stem Player – ha annunciato il rapper – non su Apple, Amazon, Spotify o Youtube. Oggi gli artisti ricevono appena il 12% dei soldi realizzati dall’industria. È arrivato il momento di liberare la musica da questo sistema oppressivo. È arrivato il momento di prendere il controllo e costruirci il nostro”.

stem player stem player

 

stem player stem player KIM E KANYE WEST KIM E KANYE WEST carine roitfeld, kanye west, kim kardashian, alber elbaz carine roitfeld, kanye west, kim kardashian, alber elbaz kim kardashian e kanye west kim kardashian e kanye west kanye west con la madre yonda kanye west con la madre yonda kanye west da david letterman kanye west da david letterman la messa di kanye west al coachella la messa di kanye west al coachella kanye west con la moglie kim kardashian e i figli kanye west con la moglie kim kardashian e i figli kanye west 1 kanye west 1 kanye west 2 kanye west 2 kanye west e kim kardashian 4 kanye west e kim kardashian 4 kanye west e kim kardashian 1 kanye west e kim kardashian 1 kanye west e kim kardashian 2 kanye west e kim kardashian 2 kanye west e kim kardashian 3 kanye west e kim kardashian 3 kanye west e kim kardashian 7 kanye west e kim kardashian 7 kanye west e kim kardashian 6 kanye west e kim kardashian 6 kanye west e kim kardashian 5 kanye west e kim kardashian 5 kanye west kanye west kanye west kanye west kim e kanye aglo mtv vma kim e kanye aglo mtv vma kim kardashian e kanye west 5 kim kardashian e kanye west 5 kim kardashian - kanye-west kim kardashian - kanye-west kim kardashian - kanye-west kim kardashian - kanye-west kim kardashian - kanye-west kim kardashian - kanye-west trump e kanye platinato trump e kanye platinato kim e kanye insieme a parigi kim e kanye insieme a parigi kim e kanye rientrano in america kim e kanye rientrano in america kim mostra l anello regalato da kanye kim mostra l anello regalato da kanye rientro a new york per kim e kanye rientro a new york per kim e kanye kanye west prossimo presidente kanye west prossimo presidente

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)

C’EST FINI: DALLA CASA DI MONTECARLO ALLA SEPARAZIONE IN CASA - LA VICENDA MONEGASCA È STATA LA MINA CHE HA FATTO SALTARE IL MATRIMONIO DI GIANFRANCO FINI ED ELISABETTA TULLIANI - NON C’È NULLA DI UFFICIALE MA CHI ERA AMICO DELLA COPPIA DICE: “SI SONO LASCIATI DA UN BEL PO'” – GIÀ, A VEDERLI INSIEME NELL’AULA DEL PROCESSO SULLA CASA DI MONTECARLO, LONTANI E SENZA MAI INTRECCIARE UNO SGUARDO, ERANO LA RAPPRESENTAZIONE DI DUE CHE NON STANNO PIÙ INSIEME – NEGLI ULTIMI TEMPI, ALLA CENE IN CASA DEGLI AMICI, FINI SI PRESENTA SOLO, IL VOLTO SEMPRE PIÙ SOLCATO DA RUGHE E DAL DOLORE DI AVER BUTTATO VIA UNA CARRIERA POLITICA PER AMORE…

LE LODI A GIORNALI UNIFICATI PER ELISABETTA BELLONI, SHERPA AL G7, HANNO MANDATO IN TILT GLI OTOLITI FRAGILI DI GIORGIA MELONI - DELLA SERIE: MA ‘STA BELLONI LAVORA PER LO STATO O PER SE STESSA? - LA DUCETTA NON VUOLE NESSUNO A FARLE OMBRA, TANTOMENO UNA “SERVITRICE DELLO STATO” DALLE AMICIZIE TRASVERSALI CHE HA IL QUIRINALE NEL MIRINO - IL “DINAMISMO DI POTERE” DI ELISABETTA BELLONI, CHE HA APPESANTITO IL FEGATO DELLA MELONI, E’ DILAGATO SUI MEDIA GRAZIE ALL’OPERA DEL SUO CAPO DELLA COMUNICAZIONE AL DIS, LUCREZIA PAGANO - IL DAGOREPORT SU VITA, MIRACOLI E SUCCESSI DI LADY BELLONI, SEMPRE ABILE A DESTREGGIARSI NEL MARE AGITATO DELLA POLITICA ITALIANA