RECALCATI VUOLE QUERELARE “LA VERITÀ” E “IL GIORNALE”: “MI HANNO ATTRIBUITO PAROLE MAI SCRITTE E PRONUNCIATE ("I SOVRANISTI SONO MALATI DI MENTE"; "CI SONO ALCUNI CHE HANNO L' INCONSCIO FASCISTA") CHE HANNO SCATENATO INSULTI E ODIO SUI SOCIAL NEI MIEI CONFRONTI” - LA REPLICA: "DOVREBBE RISPARMIARCI LE PREDICHE SUL GIORNALISMO 'FACINOROSO'. O QUERELARE “REPUBBLICA”, IL GIORNALE CON CUI COLLABORA”. ECCO PERCHE’ - IL LIBRO E LE FRASI "INCRIMINATE"

-

Condividi questo articolo


F. Bor. per “la Verità”

 

recalcati 4 recalcati 4

Massimo Recalcati vuole querelarci. Lo ha comunicato ai suoi fan tramite Facebook: «I quotidiani La Verità e Il Giornale mi hanno attribuito parole mai scritte, né mai pronunciate ("I sovranisti sono malati di mente"; "Ci sono alcuni che hanno l' inconscio fascista") che hanno scatenato insulti e odio sui social nei miei confronti», ha scritto.

 

Secondo il noto psicanalista, il nostro articolo uscito un paio di giorni fa «è la cifra della condizione penosa in cui versa un giornalismo facinoroso che non è nemmeno in grado di controllare le sue fonti».

 

Motivo per cui il saggista e conduttore televisivo ha deciso di avviare un' azione legale: «Ho incaricato i miei legali di procedere per ottenere giustizia e risarcimento», spiega sul social network.

 

recalcati cover recalcati cover

Purtroppo per Recalcati, le fonti le abbiamo controllate eccome. Nel suo libro Le nuove melanconie (Raffaello Cortina) egli parla di «inconscio fascista» o, meglio, di «una tendenza fascista immanente al desiderio inconscio», che sarebbe una spinta a «ri-territorializzare quello che la dinamica propulsiva del desiderio di vita tende a fluidificare e de-territorializzare». Nello stesso volume, lo psicoanalista descrive l'«affermazione di un nuovo paradigma paranoico sul quale si è cementato il volto sovranista della destra italiana».

 

recalcati recalcati

Ed è sempre a sovranisti e affini che egli attribuisce una «spinta compulsiva alla chiusura, alla solidificazione dei confini, alla loro trasfigurazione psicopatologica in muri propria di una nuova clinica securitaria».

 

«Trasfigurazione psicopatologica», «paradigma paranoico»... Non ci sembrano proprio frasi di grande gentilezza nei confronti di chi vota a destra. Anzi, a dire il vero ci sembra che Recalcati ce la metta tutta per patologizzare quelli che a tutti gli effetti appaiono come i suoi avversari politici, ovvero i sovranisti.

 

Sintetizzare con la formula «malati di mente», che noi abbiamo utilizzato, non è così fuorviante, che ne dite? Eppure, Recalcati si è risentito, sostiene che il suo pensiero sia stato pervertito e ci ha fatto scrivere dal suo legale. Ci sentiamo tuttavia di dargli un suggerimento: se deve querelare qualcuno per avergli attribuito pensieri non suoi, allora dovrebbe querelare anche Repubblica, cioè il giornale con cui collabora.

massimo recalcati massimo recalcati

 

Nel pubblicare sull' edizione online l' intervista di Recalcati a Radio capital con Massimo Giannini, infatti, Repubblica.it ha titolato: «Massimo Recalcati: "Il sovranismo è una nuova malattia, un fatto psichico"». Beh, se il sovranismo è una nuova malattia, allora i sovranisti sono dei malati. Se il sovranismo è un fatto psichico, ne deduciamo che i sovranisti siano malati di mente. Il titolo in questione è rimasto online molto a lungo, e non ci risulta che lo psicoanalista abbia avviato azioni legali.

 

massimo recalcati massimo recalcati

Visto che ora vuole querelarci, lo invitiamo a fare altrettanto con Repubblica. O, in alternativa, a risparmiarci le prediche sul giornalismo «facinoroso».

RECALCATI COVER RECALCATI COVER massimo recalcati massimo recalcati massimo recalcati massimo recalcati massimo recalcati massimo recalcati RECALCATI RECALCATI RECALCATI 1 RECALCATI 1 RECALCATI RECALCATI MASSIMO RECALCATI ALLA LEOPOLDA MASSIMO RECALCATI ALLA LEOPOLDA RECALCATI RECALCATI massimo recalcati massimo recalcati massimo recalcati massimo recalcati

 

Condividi questo articolo

media e tv

"IO, RIBELLE VOGLIO SOLO NORMALITÀ" - PARLA SLAVOJ ZIZEK, L'INTELLETTUALE IDOLATRATO COME UN GURU: “LA NORMALITÀ COME LA CONOSCEVAMO NON TORNERÀ, DOVREMO REINVENTARNE UNA NUOVA. LE VECCHIE ABITUDINI STANNO SALTANDO, PER QUESTO STO DIVENTANDO UN PO' CONSERVATORE. ABBIAMO BISOGNO DI REGOLE – ALLA PROMISCUITÀ, CHE È DIVENTATA NATURALE, PREFERISCO LA SICUREZZA BUROCRATICA DEL MATRIMONIO. OGGI È IL VERO AZZARDO, NON LA TRASGRESSIONE - TRUMP NON È AFFATTO UN CONSERVATORE, È PARADOSSALMENTE UN POSTMODERNO: ROMPE LE REGOLE, DICE BUGIE, USA L'IRONIA A SPROPOSITO”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA DECISIONE DELL'UE DI NON RINNOVARE IL CONTRATTO CON ASTRAZENECA NON E' LEGATO ALL'EFFICACIA DEL VACCINO MA ALLE INEFFICIENZE DELL'AZIENDA CHE NON HA RISPETTO TEMPI E VOLUMI DELLE CONSEGNE, VIOLANDO SISTEMATICAMENTE IL CONTRATTO - A BRUXELLES CONTESTANO AD ASTRAZENECA DI NON AVERE NEMMENO UN PIANO "AFFIDABILE" PER GARANTIRE CONSEGNE PUNTUALI IN FUTURO - L'INCOGNITA SUI RICHIAMI, PREVISTI DOPO TRE MESI: DA QUI A FINE GIUGNO DOVREMMO RICEVERE CIRCA 6 MILIONI DI DOSI, DA USARE IN GRAN PARTE PER FAR COMPLETARE IL CICLO AGLI OLTRE 5 MILIONI DI ITALIANI CHE HANNO RICEVUTO LA PRIMA DOSE…