SPREMUTA DI LIMONOV: "UN FASCISTA", "UN GENIO ASSOLUTO", "UN PERFETTO STRONZO". ALLA DOMANDA: QUALE DEFINIZIONE LE SEMBRA LA PIÙ CORRETTA? RISPOSE: “BELLISSIME TUTTE E TRE, MA ASSIEME. SEPARATE NON VALE” - LA VITA ESAGERATA DI UN CRIMINALE E ARTISTA CHE SI E' FATTO ROMANZO: RIBELLE NELL’URSS DI BREZNEV, ANTI-PUTIN POI SUO SOSTENITORE, LIBERTINO, IMBROGLIONE. L’ULTIMA FUGA? DAL “CREMLINO” (DI TESTACCIO). LA CRONACA DI UNA ROCAMBOLESCA SERATA VERY ROMANELLA...

-

Condividi questo articolo


 

https://m.dagospia.com/cafonal-limonov-gran-folla-a-roma-per-la-presentazione-by-dago-del-nuovo-libro-di-uno-scrittore-173293

 

 

https://www.dagospia.com/rubrica-2/media_e_tv/limonov-fuga-ldquo-cremlino-rdquo-testaccio-ndash-cronaca-221560.htm

 

 

 

 

Da www.liberoquotidiano.it

limonov limonov

 

Addio a Eduard Limonov. Scrittore, poeta ma anche attivista politico, fondatore insieme ad Aleksandr Dugin del Partito dei Nazional bolscevichi (NashBol), schierato per la difesa dei diritti civili, e campione della cultura underground fra gli Anni Ottanta e Novanta è morto a 77 anni a Mosca.

 

limonov limonov

L'intellettuale più "punk", provocatore, illuminato e "anti-sovietico" di tutta l'Unione sovietica prima e della Russia post-comunista poi. Nella sua vita movimentata, ha vissuto a Mosca e poi a New York e Parigi prima di tornare a Mosca con il crollo dell'Unione sovietica. Pur avendo pubblicato decine di libri ("Il poeta russo preferisce i grandi negri" , "Diario di un fallito", "Libro dell'acqua"), deve la sua fama in tutto il mondo alla biografia romanzata di Emmanuel Carrère (che diceva di aver interrotto dopo poche pagine).

 

EDUARD LIMONOV EDUARD LIMONOV

Ma anche allo spezzone di un documentario in cui lo si vede sulle colline di Sarajevo seduto davanti a un obice dei serbo bosniaci durante la guerra.  Si è schierato con gli indipendentisti nel Donbass e ha criticato Putin per non aver sostenuto a fondo la loro causa. Arrestato più volte, ha trascorso diversi mesi in carcere, una esperienza da cui è uscito indebolito, come non aveva problemi a confessare.

Fulvio Abbate con Eduard Limonov Fulvio Abbate con Eduard Limonov sandro teti marc innaro giulietto chiesa sandro teti marc innaro giulietto chiesa sandro teti dago eduard limonov e olga mazzina sandro teti dago eduard limonov e olga mazzina sandro teti roberto d agostino eduard limonov olga mazzina sandro teti roberto d agostino eduard limonov olga mazzina limonov limonov roberto d agostino eduard limonov sandro teti alessandro politi giulietto chiesa roberto d agostino eduard limonov sandro teti alessandro politi giulietto chiesa limonov limonov limonov limonov limonov limonov limonov limonov Sandro Teti (a destra) con Eduard Limonov Sandro Teti (a destra) con Eduard Limonov emmanuel carrere e limonov emmanuel carrere e limonov limonov limonov limonov limonov LIMONOV A FIANCO DEI SERBI DURANTE LA GUERRA IN EX JUGOSLAVIA 214958 LIMONOV A FIANCO DEI SERBI DURANTE LA GUERRA IN EX JUGOSLAVIA 214958 limonov limonov limonov limonov limonov limonov limonov limonov limonov limonov roberto d agostino eduard limonov sandro teti roberto d agostino eduard limonov sandro teti limonov limonov sandro teti roberto d agostino eduard limonov e olga mazzina sandro teti roberto d agostino eduard limonov e olga mazzina limonov cover limonov cover limonov limonov limonov limonov limonov cover limonov cover

 

Condividi questo articolo

media e tv

“CHIUDERE CARTABIANCA È FOLLIA, IN ITALIA C’È UNA CHINA PERICOLOSA. DOMANI QUALCUNO SI FARÀ VIDIMARE LE DOMANDE DA PALAZZO CHIGI?” - MARIO GIORDANO A TUTTO SPIANO: “IL COPASIR INDAGA SUGLI OSPITI? SE C’È UNA SPIA E LO PROVI, LO DENUNCI ALLA POLIZIA” - IL PRIMO LAVORO A “IL NOSTRO TEMPO” INSIEME A TRAVAGLIO: “IO ERO IL CLASSICO TERZOMONDISTA, LUI TRADIZIONALISTA” - GAD LERNER, “LUCIGNOLO”, FELTRI E L’ASPETTO: “IN TUTTA LA MIA VITA MI HANNO SEMPRE PRESO PER IL CULO. ORA CI SCHERZO MA HO SEMPRE SOFFERTO. UNA VOLTA BISOGNAVA RICEVERE DEI RUSSI, E IL DIRETTORE MI DISSE…”

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

“CHI NON È VACCINATO NON È COPERTO” - BASSETTI PROVA A RASSICURARE SUI PRIMI CONTAGI DI VAIOLO DELLE SCIMMIE, MA OTTIENE L’EFFETTO OPPOSTO: LE INIEZIONI OBBLIGATORIE CONTRO LA MALATTIA SONO STATE ABROGATE NEL 1981 E NON VENGONO FATTE PRATICAMENTE DAL 1974 - "È UN PROBLEMA EUROPEO E GLOBALE, DOBBIAMO FARE MOLTO BENE IL TRACCIAMENTO E FERMARE IL FOCOLAIO. NON C'È UNA CURA SPECIFICA, IN GENERE QUESTE FORME SI AUTOLIMITANO. SI TRASMETTE ANCHE ATTRAVERSO IL RESPIRO, MA SOLO SE…”