LO STREGA DELLA MESTIZIA! A BENEVENTO VIENE PROCLAMATA LA SESTINA DEI FINALISTI: TRE UOMINI E TRE DONNE. IN TESTA C’E’ DONATELLA DI PIETRANTONIO-EINAUDI CHE, COME DAGO DIXIT, E’ LA VINCITRICE ANNUNCIATA (IN CORSA ANCHE DARIO VOLTOLINI, CHIARA VALERIO, PAOLO DI PAOLO, RAFFAELLA ROMAGNOLO E TOMMASO GIARTOSIO). RESTA FUORI MELISSA PANARELLO – NON SI SA ANCORA SE IL MINISTRO DELLA CULTURA GENNARO SANGIULIANO ABBIA GIÀ LETTO I LIBRI FINITI IN FINALE. HA TEMPO FINO AL 4 LUGLIO…

-

Condividi questo articolo


Davide Turrini per ilfattoquotidiano.it

 

donatella di pietrantonio donatella di pietrantonio

Di Pietrantonio, Valerio, Di Paolo, Voltolini, Romagnolo e Giartosio. Non ci sono grosse sorprese per la cinquina, quest’anno sestina, dei finalisti del Premio Strega 2024. Tre donne (le favorite) e tre uomini (permetteteci: con opere migliori rispetto alle colleghe) che oramai certificano come l’editoria italiana, che porta i propri titoli al più importante premio letterario, abbia raggiunto una naturale e ovvia parità di genere.

 

A vedere poi le infornate di voti che hanno ridotto i dodici candidati a sei, per la 62enne Donatella Di Pietrantonio e il suo L’età fragile (Einaudi) lo Strega sembra davvero ad un passo. La scrittrice abruzzese, già arrivata seconda dietro Emanuele Trevi nel 2021 con Borgo Sud (sempre Einaudi), ha raccolto in tutto 248 voti.

 

Al secondo posto una vecchia conoscenza del mondo editoriale come Dario Voltolini e il suo Invernale (La Nave di Teseo), autentico gioiello di scrittura, che ha raccolto 243 voti.

chiara valerio chiara valerio

 

Al terzo posto Chiara Valerio con Chi dice e chi tace (Sellerio): per lei 213 voti. Mentre quarto è lo scrittore e drammaturgo il 40enne Paolo Di Paolo che con Romanzo senza umani (Feltrinelli) racimola 195 voti. Infine quinta Raffaella Romagnolo con Aggiustare l’universo (Mondadori) a 193. Come si sa, da regolamento, se in cinquina non risulta una casa editrice medio piccola i cinque finalisti diventano sei. Ed ecco allora sbucare Tommaso Giartosio con Autobiogrammatica (Minimum Fax), altrimenti ottavo con 126 voti.

 

 

Rimangono fuori dalla sestina finalista un gruppo di autori molto giovani come Daniele Rielli, Sonia Aggio, Melissa Panarello, Valentina Mira e Antonella Lattanzi. Einaudi ha vinto 4 delle ultime dieci edizioni dello Strega

 

(...) Il vincitore dello Strega 2024 verrà proclamato il 4 luglio a Roma al Ninfeo di Villa Giulia come da tradizione. Non si sa ancora se il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano ha già letto i sei libri finiti in finale. Comunque, si sappia, da oggi a luglio di tempo ce n’è.

paolo di paolo paolo di paolo

ARTICOLI CORRELATI

donatella di pietrantonio cover donatella di pietrantonio cover chiara valerio cover chiara valerio cover donatella di pietrantonio donatella di pietrantonio

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)