ARMAGEDDON A 5 STELLE – DI MAIO STOPPA LA VOGLIA DI URNE DEL TRAVAGLINO CONTE: “IL GOVERNO DEVE ARRIVARE FINO ALLA FINE, NON CI POSSIAMO PERMETTERE UN PAPEETE 2, DOBBIAMO DARE STABILITÀ AL PAESE” - IL RICHIAMO POCHE ORE DOPO CHE IL M5S SI È VISTO BOCCIARE DALLA MAGGIORANZA DI CUI FA PARTE LA RICHIESTA DI SENTIRE AL SENATO IL PREMIER DRAGHI (CON PEPPINIELLO APPULO CHE FA ASSE ORMAI CON SALVINI SULLA QUESTIONE DELLE ARMI ALL’UCRAINA) – IL PIANO DI TRAVAGLINO CONTE PER IL VOTO ANTICIPATO E IL NIET DI MATTARELLA: DAGOREPORT

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/ldquo-voto-voto-rdquo-perche-voglia-travaglino-conte-310002.htm

 

 

Cesare Zapperi per corriere.it

 

di maio conte di maio conte

«Bisogna evitare un Papeete 2». È un altolà sibillino quello che il ministro degli Esteri Luigi Di Maio intima alle forze politiche della maggioranza. A prima vista, per l’immagine evocata (le esternazioni balneari dell’estate 2019 dell’allora ministro dell’Interno), sembra diretto a Matteo Salvini, ma chi è abituato a leggere in controluce le uscite dell’ex capo politico del M5S vi vede una stoccata indiretta anche per Giuseppe Conte.

 

«Ci sono delle fibrillazioni? Sì, ma non ci possiamo permettere un Papeete 2, che abbiamo già vissuto in altre epoche ed erano tempi di pace — spiega il ministro — Se non ce lo potevamo permettere all’epoca, figuriamoci adesso. Il lavoro che dobbiamo fare è portare questo governo fino alla fine, per dare stabilità al Paese ed evitare scossoni economici e finanziari che poi pagherebbero le famiglie».

 

LUIGI DI MAIO - BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE LUIGI DI MAIO - BEPPE GRILLO - GIUSEPPE CONTE

Certo non è casuale che Di Maio lanci il suo richiamo poche ore dopo che il Movimento 5 Stelle si è visto bocciare dalla stessa maggioranza di cui fa parte la richiesta (condivisa da Fratelli d’Italia) di sentire al Senato il premier Mario Draghi la prossima settimana prima del Consiglio europeo.

 

In Aula il Pd, per bocca di Luigi Zanda, richiama i 5 Stelle alla prudenza per evitare di mettere in difficoltà il governo. Il tema Ucraina è caro anche a Salvini che ribadisce la linea, di pungolo se non di critica nei confronti del presidente del Consiglio, adottata nelle ultime settimane. «L’ho detto a Draghi, non capisco perché ancora non abbia detto o fatto nulla: la pace! Prima si fermano le armi e torna a parlare la diplomazia, più vite si salvano là e più posti di lavoro si salvano qua. Chi parla di armi, armi, armi non fa il bene né dell’Ucraina, né della Russia, né dei lavoratori italiani».

 

conte di maio conte di maio

Ospite di Porta a Porta, il segretario leghista non ha dubbi: ««Ho la certezza che se mandiamo armi, siamo qui tra tre mesi ancora a contare i morti... Mandare altre armi credo sia un errore madornale che allarga il conflitto.. Più mandiamo armi, più dura il conflitto e aumentano i morti». Con una postilla riservata a chi trova strana la convergenza su questo tema tra Lega e Movimento 5 Stelle: «Pur di arrivare alla pace, io voto con chiunque. La pace non mi imbarazza mai».

 

Da Di Maio sul tema armi arriva solo una puntualizzazione : «Fino ad ora tutto il sostegno che abbiamo dato all’Ucraina si è sempre basato sul principio della legittima difesa». Il segretario del Pd Enrico Letta, invece, non entra nel confronto ma prova a spostare l’asse della discussione su un altro fronte: «In questa fase se dovessi dire qual è una vera priorità, oltre a continuare lo sforzo diplomatico per la pace, direi che è mettere in piedi una operazione miliare e umanitaria per trasferire il grano bloccato nel porto di Odessa. Vorrebbe dire portarlo a quei Paesi del sud del mondo che senza quel grano avranno milioni di persone che muoiono di fame e permettere che ulteriore grano vada nei depositi del porto».

giuseppe conte luigi di maio foto di bacco (1) giuseppe conte luigi di maio foto di bacco (1) meme travaglio conte meme travaglio conte CONTE DI MAIO CONTE DI MAIO mario draghi e luigi di maio alla camera mario draghi e luigi di maio alla camera giuseppe conte virginia raggi luigi di maio foto di bacco (3) giuseppe conte virginia raggi luigi di maio foto di bacco (3)

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

DAGONEWS! – COSA BOLLE NELLA TESTA TRICOLOGICAMENTE SVANTAGGIATA DI ENRICO LETTA? IN VISTA DELLE ELEZIONI DEL 2023, OLTRE A UNA LEGGE ELETTORALE PROPORZIONALE CON SBARRAMENTO AL 4%, IL CAMPO LARGO COL M5S SARÀ SOSTITUITO DAL “CAMPETTO CIVICO” CON LE LISTE DEI SINDACI PD (GORI, GUALTIERI, TOMMASI, DE CARO, SALA, MANFREDI, ETC) - SE L'EGO DI CALENDA GIOCA IN PROPRIO, RENZI È IL PARIA DI TURNO: ITALIA MORTA NESSUNO LA VUOLE, AL PUNTO CHE È COSTRETTO A ELEMOSINARE ATTENZIONI ALL’EX NEMICO, LUIGI DI MAIO…

business

CHE SENSO HA FARE L’AMAZON ITALIANA SE C’È GIÀ QUELLA ORIGINALE, CHE FUNZIONA MEGLIO? – SE LO DOVEVA CHIEDERE CHI HA BUTTATO UNA MAREA DI SOLDI IN “EPRICE”: PAOLO AINIO DI BANZAI, MATTEO ARPE, PIETRO BOROLI E ALTRI FINANZIERI E IMPRENDITORI, CHE SOGNAVANO DI CREARE UN SITO DI E-COMMERCE PARAGONABILE AL COLOSSO DI BEZOS. E INVECE, DOPO LA QUOTAZIONE E TANTE SPERANZE, IL SITO È AL COLLASSO: IL PATRIMONIO È AZZERATO E L’UNICA ANCORA DI SALVEZZA SONO GLI EMIRATINI DI “NEGMA”, CHE HANNO PROMESSO 20 MILIONI DI LIQUIDITÀ

cronache

"I TASSISTI DICHIARANO AL FISCO POCO PIU' DI MILLE EURO AL MESE E COMPRANO LICENZE CHE NE COSTANO 180 MILA" – SELVAGGIA LUCARELLI VA ALL'ATTACCO DEI TASSISTI: “È ORA DI APRIRE IL MERCATO E CHIUDERE DEFINITIVAMENTE LO SPORTELLO DEI TAXI CHE SI SPACCIANO PER SERVIZIO PUBBLICO, BEN ATTENTI A TUTELARE SOLO IL PRIVATO. AMMANTANO LA LORO ARROGANZA DI NOBILI RAGIONI” – E DAI TASSISTI DI NAPOLI ARRIVA L'INDECENTE RISPOSTA CON IL CORO “SELVAGGIA LUCARELLI È UNA PUTTANA!” – VIDEO

sport

"TUTTA LA MIA CARRIERA È INGHIOTTITA IN QUEI 7 SECONDI DI URLO" – MARCO TARDELLI RILASCIA UN'INTERVISTA "CORE A CORE" ALLA COMPAGNA MYRTA MERLINO, SU "OGGI", E TORNA PER L'ENNESIMA VOLTA A PARLARE DEL GOL IN FINALE DEL MUNDIAL DELL'82: "QUELL’URLO HA RISCATTATO OGNI ITALIANO E HA INTRAPPOLATO ME PER SEMPRE, NEL BENE E NEL MALE" (TRANQUILLO, HA INTRAPPOLATO ANCHE NOI) - "MOLTI CREDONO CHE QUELL’URLO FOSSE DI GIOIA, DI ESULTANZA. IN REALTÀ C’ERA MOLTO DI PIÙ. ERA UNA LIBERAZIONE, UNA RIBELLIONE, UNA RIVINCITA… ANCHE SULL’IMMENSO GIANNI BRERA"

cafonal

PABLITO, L’UOMO CHE FECE PIANGERE IL BRASILE – UNA MOSTRA AL CONI CELEBRA PAOLO ROSSI A 40 ANNI DA ITALIA-BRASILE 3-2 – MALAGO’ SOTTOLINEA IL VIZIO ITALIANO DI CORRERE IN SOCCORSO DEL VINCITORE: “LA POLITICA SI AVVICINÒ ALLA NAZIONALE SOLO NEL MOMENTO DELLA VITTORIA PRIMA AVEVA CHIESTO ADDIRITTURA CHE L’ITALIA SI RITIRASSE. BEARZOT HA FATTO UN'IMPRESA STORICA CHE HA SAPUTO UNIRE UN INTERO PAESE” – I RICORDI DI TARDELLI, DELL’ARBITRO KLEIN E DELLA MOGLIE DI PAOLO ROSSI, FEDERICA CAPPELLETTI – FOTO+VIDEO

viaggi

salute