È ARRIVATA LA SECONDA ONDATA? – IN TUTTA EUROPA AUMENTANO I CONTAGI E I GOVERNI SONO NEL PANICO, TRA QUARANTENA, RESTRIZIONI SUGLI INCONTRI, MASCHERINE OBBLIGATORIE E CHIUSURA DEI CONFINI – LA LITE JOHNSON-SANCHEZ PER LE VACANZE IN SPAGNA, LA “BOLLA DEI CONTATTI” IN BELGIO E LO SCREENING IN FRANCIA: TUTTI I PAESI COLPITI DALLA PRIMA ONDATA PRENDONO CONTROMISURE. E L’ITALIA CHE FA?

-

Condividi questo articolo

coronavirus germania coronavirus germania

1 – L'EUROPA RIPIOMBA NELLA MORSA DEL VIRUS BOOM DI CONTAGI IN SPAGNA E INGHILTERRA

Alessandra Rizzo per "la Stampa"

 

Alla fine anche Boris Johnson deve arrendersi ai numeri e adotta un brusco giro di vite: nel nord del Regno Unito movimenti al minimo per oltre 4 milioni di persone, pub blindati, un nucleo famigliare potrà si andare nei locali ma senza mescolarsi con altre persone.

CORONAVIRUS SPAGNA CORONAVIRUS SPAGNA

 

«Con l' aumento dei numeri, riteniamo che sia necessario premere il pedale del freno per tenere sotto controllo il virus», ha spiegato Johnson annunciando che i locali che avrebbero dovuto aprire oggi, come i bowling, i casinò e le piste di pattinaggio, non lo faranno prima del 15 agosto. Anche l' obbligo della mascherina al chiuso viene esteso per musei, gallerie, cinema e luoghi di culto.

 

BORIS JOHNSON PEDRO SANCHEZ BORIS JOHNSON PEDRO SANCHEZ

I numeri non consentono voli di ottimismo: Gran Bretagna e Spagna detengono la maglia nera nella classifica di contagi da Covid, mentre il Messico diventa il terzo Paese per decessi dopo gli Stati Uniti e il Brasile. La curva globale in luglio quasi ovunque ha imboccato una direzione ascendente ed ora governi corrono ai ripari fra chiusure, restrizioni e nuovi appelli a comportamenti responsabili.

 

Con un occhio ai laboratori dove gli scienziati studiano i vaccini. Una buona notizia viene dall' Australia dove un test sull' uomo ha dato risultati incoraggianti. Ma siamo comunque lontani, dice il super esperto Usa Anthony Fauci, dall' approdo finale. Non resta quindi per ora che monitorare l' evoluzione dei contagi saliti a quasi 17.400.000 a livello globale. I morti hanno superato i 675.000.

inglesi si sbronzano prima del lockdown 9 inglesi si sbronzano prima del lockdown 9

 

Balzano in avanti i contagi in Spagna con 1.525 casi nelle ultime 24 e dove le comunità più colpite sono Madrid e l' Aragona rispettivamente con 372 e 511 nuovi malati. Nei confronti di tre regioni spagnole - Aragona, Catalogna e Navarra - è aumentata l' allerta della Germania. Il ministero degli Esteri di Berlino ha emanato uno consiglio ufficiale a evitare i viaggi che ridurrà ulteriormente il numero di turisti tedeschi, già in forte flessione.

coronavirus fase due a parigi 6 coronavirus fase due a parigi 6

 

Stretta anche in Grecia, che ha annunciato l' obbligo delle mascherine in tutte le aree al chiuso per tutto il mese di agosto. Ancora critica la situazione nei Balcani e resta in piena emergenza la Romania che continua a registrare numeri tra i più alti d' Europa, con 1.295 nuovi casi.

 

È drammatica la situazione in America Latina dove il Messico ha oltrepassato quota 46.000 morti, dietro a Stati Uniti e Brasile. Quest' ultimo ha oltre 2.600.000 di casi e più di 91 mila vittime. Paura anche in Asia dove a Torkyo sono schizzati i casi e si valuta un nuovo lockdwon. Dopo quasi 100 giorni di Covid free si è registrato un caso anche in Vietnam.

 

coronavirus londra coronavirus londra

2 – CORONAVIRUS: I PAESI INTERESSATI DALLA PRIMA ONDATA SI STANNO PREPARANDO AD AFFRONTARE UN POSSIBILE RITORNO

Articolo di “Liberation” – dalla rassegna stampa estera di “Epr comunicazione”

 

Liberation scrive come il timore di una seconda ondata, incontrollabile come la prima, porta molti paesi ad aumentare i loro sforzi per cercare di contenere l'epidemia, aumentando i test, imponendo due settimane di quarantena, restrizioni sulle riunioni e sugli incontri familiari, obbligando le persone ad indossare mascherine e limitare i propri spostamenti.

 

inglesi si sbronzano prima del lockdown 3 inglesi si sbronzano prima del lockdown 3

Le cifre sono sconcertanti: 16.514.500 casi di Covid-19 sono stati ufficialmente diagnosticati in tutto il mondo dall'inizio dell'epidemia. Mentre tutti gli occhi sono attualmente concentrati sul continente americano, con situazioni allarmanti negli Stati Uniti, nei Caraibi e in America Latina, i Paesi della "prima ondata" vedono una nuova intensificazione della circolazione del virus, con l'ansia di una seconda ondata.

 

Quali politiche stanno adottando di fronte a questa pericolosa ripresa? Quali sono le opzioni sul tavolo, oltre al riconfinamento localizzato? Un elenco non esaustivo di misure sanitarie che si accumulano man mano che crescono i casi.

 

Inasprire le politiche sulla circolazione

 

Presi dal panico per la recrudescenza delle epidemie nel continente, sempre più paesi europei stanno rivedendo le loro politiche sanitarie di confine. A partire dalla Francia, che ha appena introdotto lo screening sistematico per i viaggiatori provenienti da 16 Paesi particolarmente colpiti dal virus - la Serbia è l'unico Paese europeo interessato dal provvedimento.

 

In Germania, il Ministro della Salute ha anche espresso il desiderio di imporre questi test ai passeggeri di ritorno dalle "regioni a rischio" e quindi "evitare di mettere in moto nuove catene di contaminazione".

coronavirus catalogna coronavirus catalogna

 

L'annuncio è stato fatto lunedì e intende rispondere alle preoccupazioni delle autorità tedesche: anche lì, il numero medio di nuove infezioni al giorno è in aumento, con una media di 550 casi ora rispetto ai 350 di metà luglio. "Ci sono motivi di preoccupazione", ha riconosciuto il capo della cancelleria, Helge Braun.

 

Il primo ministro britannico, Boris Johnson, non ha detto altro per giustificare la sua nuova politica nei confronti della Spagna: da domenica, tutti i viaggiatori che ritornano devono rispettare obbligatoriamente una quarantena, pena una multa di 1.000 sterline.

 

"Se vediamo segni di una seconda ondata in altri paesi, è nostro dovere agire rapidamente e con decisione per evitare che i viaggiatori... diffondano qui la malattia", ha detto il primo ministro.

 

coronavirus spagna 2 coronavirus spagna 2

Provocando la rabbia del suo omologo spagnolo, Pedro Sánchez, che ha replicato che le Isole Baleari, le Canarie e l'Andalusia sono "sicure, in termini epidemiologici, come il Regno Unito" e la sorpresa del suo stesso ministro dei trasporti (in vacanza in Spagna al momento di questo annuncio).

 

Limitazione degli incontri

 

coronavirus germania 2 coronavirus germania 2

In questo ambito, il Belgio diventerà senza dubbio uno dei Paesi più restrittivi (insieme a Hong Kong, che vuole vietare gli incontri pubblici di più di due persone). Da questo mercoledì e per le prossime quattro settimane, i belgi vedranno la loro "bolla dei contatti" (un gruppo sociale che è regolarmente e strettamente frequentato, oltre alla propria famiglia) passare da 15 a 5 persone.

 

Gli eventi pubblici saranno limitati a 100 persone all'interno, contro il doppio finora, e 200 persone all'esterno. Per quanto riguarda le riunioni private (compleanni, riunioni di famiglia, feste di matrimonio...), saranno limitate a 10 persone.

 

spiaggia a malaga spiaggia a malaga

Inoltre, i residenti sono ora invitati a fare la spesa da soli e a limitarla a trenta minuti. "I dati epidemiologici sono preoccupanti", ha detto lunedì il primo ministro Sophie Wilmès. "Tutte queste misure sono state adottate per evitare una riconciliazione generalizzata e per non mettere in pericolo l'inizio del nuovo anno scolastico a settembre", ha aggiunto.

 

Traumatizzato dalla "prima ondata" (con un numero impressionante di 9.821 morti dall'inizio dell'epidemia, ovvero 85 morti ogni 100.000 abitanti), il Belgio registra un aumento preoccupante: secondo gli ultimi dati dell'Istituto Nazionale di Sanità Pubblica Sciensano, 1.952 casi sono stati diagnosticati tra il 17 e il 23 luglio, con un aumento del 70% rispetto alla settimana precedente in cui erano stati registrati 1.142 casi positivi. La provincia di Anversa, che è stata particolarmente colpita, dovrebbe essere soggetta ad un coprifuoco.

coronavirus tamponi in germania coronavirus tamponi in germania

 

Le mascherine, ancora le mascherine

 

Da quando l'OMS ha ufficialmente "riconosciuto" un rischio significativo di trasmissione attraverso gli aerosol (non solo le goccioline), molti paesi hanno iniziato a prendere in considerazione l'argomento e a riconsiderare le mascherine per uso interno. L'ultima ad oggi è la Grecia, che martedì ha annunciato di averlo reso obbligatorio nelle banche, nei servizi pubblici e in quasi tutti gli spazi chiusi, a fronte di un "aumento del numero di casi" degli ultimi giorni.

 

persone in spiaggia a malaga persone in spiaggia a malaga

"Non c'è motivo di farsi prendere dal panico, ma non dobbiamo abbassare la guardia", ha detto il ministro della Protezione civile Nikos Hardalias, aggiungendo che "l'immagine epidemiologica del Paese è migliore di quella di molti altri". In Inghilterra, il requisito delle maschere nei negozi è entrato in vigore venerdì, così come in Austria, che lo ha esteso alle banche e ai centri medici.

 

Da mercoledì gli hongkonghesi saranno tenuti ad utilizzare la maschera all'aperto; finora era obbligatoria solo nei trasporti e nei luoghi pubblici chiusi. Matthew Cheung, il vice capo del governo Carrie Lam, ha parlato di un ritorno "straordinariamente serio".

 

Meno spostamenti interni

 

coronavirus – azienda agricola mamming germania 1 coronavirus – azienda agricola mamming germania 1

È il caso del Marocco, ad esempio, che vieta fino a nuovo avviso la mobilità "da e verso" otto grandi città del Paese - ovvero Tangeri, Tetouan, Fez, Meknes, Casablanca, Berrechid, Settat e Marrakech. Pochi giorni prima di Eid al-Adha, una festa generalmente celebrata nelle famiglie e quindi con un alto potenziale di cluster, il ministro della Salute, Khalid Ait Taleb, è preoccupato per un "considerevole" aumento dei casi di Covid-19 sul territorio. Questo lunedì, in una conferenza stampa, è stato risoluto, ben consapevole della riluttanza dei cittadini a questa nuova restrizione, appena uscita dal drastico contenimento dei mesi scorsi: "Non abbiamo scelta. La situazione epidemiologica in Marocco è preoccupante, con un aumento del numero di morti e di casi gravi". Secondo i dati ufficiali, il Paese ha registrato 3.651 nuove contaminazioni tra il 20 e il 27 luglio, con un picco record di 811 casi al giorno di sabato.

 

coronavirus test in aeroporto in germania coronavirus test in aeroporto in germania

Un altro esempio in Vietnam, dove le misure sono meno restrittive perché geograficamente limitate: il Ministero dei Trasporti ha appena annunciato la sospensione dei voli nazionali, ma anche lo stop di autobus, barche e altri mezzi di trasporto verso la città costiera di Da Nang, dopo che le autorità hanno confermato dodici test positivi lunedì. Erano passati quasi 100 giorni da quando non c'erano stati nuovi casi nel Paese. Deconfinato dalla fine di aprile, il Vietnam (che dall'inizio della crisi ha contato 453 persone infette) è ancora chiuso ai turisti stranieri.

 

 

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute