UN CAFFÈ NERO – A BOLOGNA C’È UN BAR CON LE BUSTINE DI ZUCCHERO GRIFFATE CON IL VOLTO E LE FRASI DI BENITO MUSSOLINI – IL TITOLARE ASSICURA: “NON FACCIO PROPAGANDA. IL MIO LAVORO À SOLTANTO FARE CAFFÈ. NELLA MIA FAMIGLIA SONO TUTTI ROSSI, HO ANCHE PARENTI PARTIGIANI. MI PERMETTO SOLAMENTE DI SCHERZARCI SOPRA”

-

Condividi questo articolo

Rosario Di Raimondo per www.repubblica.it

 

bustine di zucchero con l'immagine di benito mussolini al bar nerini di bologna bustine di zucchero con l'immagine di benito mussolini al bar nerini di bologna

Un caffè corretto alla nostalgia. Sugli Stradelli Guelfi, appena fuori città, lungo la vecchia strada che da Bologna porta al mare per evitare gli ingorghi estivi dell’A14, c’è un bar che catapulta i clienti in un passato lontano che sembra sempre dietro l’angolo. Si chiama "bar Nerini" ma l’insegna non inganni, è soltanto il cognome del proprietario. Sul bancone, accanto alle solite bustine di zucchero, ce ne sono alcune griffate con il volto e le frasi di Benito Mussolini.

 

Accanto alle tazzine si possono così leggere i vecchi tristi slogan: "Chi osa vince", "Molti nemici molto onore", "Grazie a Dio sono italiano", "Duce sei sempre nel mio cuore". Basta alzare lo sguardo e a destra della macchina del caffè c’è il volto del dittatore con sotto la scritta “Me ne frego”, tornata in auge di questi tempi. In alto una tazza con la faccia di Benito e due parole: “Caffè nero”.

immagine di benito mussolini al bar nerini di bologna immagine di benito mussolini al bar nerini di bologna

 

Dalla strada sembra un baretto come tutti gli altri. Tavolini e sedie fuori, un signore che legge il giornale, le pareti con il classico colore rosso bolognese. Dentro le tonalità sono decisamente diverse. Il proprietario del locale farcisce panini dietro il bancone. È bolognese, ha 58 anni e, spiega, nessuna intenzione di rilasciare interviste. Soprattutto su un argomento del genere.

 

Ci sono clienti, però, che quelle bustine le hanno viste e non le hanno mandate giù. Il titolare allora annuisce e racconta: "Sì, lo so, una volta una signora giovane è venuta qui a prendere il caffè, ha guardato le bustine, mi ha chiesto: 'È una cosa seria?'. Poi ha scosso la testa e se n’è andata.

bustine di zucchero con l'immagine di benito mussolini al bar nerini di bologna 1 bustine di zucchero con l'immagine di benito mussolini al bar nerini di bologna 1

 

Pazienza, immagino non ami le battute. Ognuno la pensa come gli pare, c’è libertà di parola. La mia è soltanto una goliardata – continua il proprietario – nella mia famiglia sono tutti rossi, ho anche parenti partigiani che oggi, vedendo la situazione politica, si rivolterebbero della tomba. Mi permetto solamente di scherzarci sopra, ma a livello bonario, la guerra non è bella e ormai è finita". E infine assicura: "Non faccio propaganda. Il mio lavoro è soltanto fare caffè".

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

VE LA RICORDATE LA REGOLETTA ''CHI DESTABILIZZA QUESTO GOVERNO, SARÀ DESTABILIZZATO''? È IL PRINCIPIO SU CUI SI FONDA IL CONTE-BIS, E RENZI NE STA AVENDO UNA BELLA CUCCHIAIATA, AMARA E INDIGESTA. ORA PERDE LA TESTA CONTRO I GIORNALISTI, MA IL SUO PROBLEMA È IL ''DEEP STATE'', E IN PARTICOLARE QUELLE SEGNALAZIONI DELL'ANTIRICICLAGGIO DI BANKITALIA CHE HANNO SVELATO I DETTAGLI DEI SUOI PRESTITI E BONIFICI. LA STESSA BANKITALIA GUIDATA DA QUEL VISCO CHE LUI VOLEVA CACCIARE IN MALO MODO - PS: PER SALVINI LE COSE NON VANNO MEGLIO. L'INCHIESTA SU GALLI E' COINVOLTO…

business

cronache

sport

cafonal

"BUONISSIMA LA PRIMA" – MATTIOLI: "I VESPRI SICILIANI’ AL COSTANZI DI ROMA RESTERANNO UNA PIETRA MILIARE NELLA STORIA INTERPRETATIVA DELL'OPERA DI VERDI - TRIONFO PER DANIELE GATTI: CON LUI SUL PODIO L'ORCHESTRA SI SUPERA - QUALCHE BABBIONESCA CONTESTAZIONE PER LA REGISTA VALENTINA CARRASCO SU UNA SCENA DOVE LE BALLERINE SI SCAMBIAVANO SECCHIATE D’ACQUA: NOSTALGIA DEL TUTÙ? - LA SINDACA VIRGINIA RAGGI ARRIVA IN RITARDO, FA UN INGRESSO TIPO JOAN COLLINS IN UNA SERIE TIVÙ ANNI OTTANTA E VIENE IGNORATA DAI PIÙ'' - VIDEO

viaggi

BEVI E GODI CON CRISTIANA LAURO - GIANFRANCO VISSANI SARA PAZZARIELLO QUANTO VI PARE, MA QUANDO SI METTE AI FORNELLI RESTA QUEL GRANDE CHEF CHE È SEMPRE STATO. ALLA FACCIA DEI FRANCESI CHE TRATTANO UNO DEI MONUMENTI DELLA TAVOLA ITALIANA (CASA VISSANI A BASCHI, TERNI) COME SE FOSSE UN BISTROT - AL GALA DINNER PER LA NUOVA GUIDA BIBENDA DELLA FONDAZIONE ITALIANA SOMMELIER DI FRANCO RICCI, VISSANI HA TIRATO FUORI SENSIBILITA E CORAGGIO, E UN RISOTTO IMPECCABILE PER OLTRE MILLE PERSONE

salute