CHI È FABIO MARIA DAMATO, IL MANAGER PRESO DI MIRA DA FEDEZ A “BELVE” E CONSIDERATO “IL VERO MARITO DI CHIARA FERRAGNI”? - IL GENERAL MANAGER DELL’IMPERO FERRAGNI, INDAGATO PER IL CASO PANDORO, È NATO A BARLETTA E AVREBBE STUDIATO ALLA BOCCONI – IL SUO PROFILO INSTAGRAM È FERMO AL 10 DICEMBRE, DA ALLORA HA POSTATO SOLO QUALCHE STORIA, MA MAI CON L’INFLUENCER: SUI SOCIAL RIMANGONO LE FOTO DA PIACIONE A PETTO NUDO IN CUI MOSTRA I MUSCOLI, LA BARBETTA CURATA E...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo da www.repubblica.it

 

ferragni fabio maria damato ferragni fabio maria damato

“Chiara ha scelto di prendersi tutte le responsabilità, lei poteva e doveva spiegare che le responsabilità se ci sono non sono tutte sue”. Domanda: “Sono dei manager?”. Risposta: “Di un manager, uno solo”. Non c’era bisogno forse neanche di farne il nome, tanto era chiaro il riferimento di Fedez intervistato da Francesca Fagnani a Belve nel parlare della vicenda giudiziaria – il ‘Pandoro-gate’ – che riguarda sua moglie Chiara Ferragni. Fabio Maria Damato, il general manager dell’impero Ferragni, anche lui indagato per truffa aggravata per la vicenda della beneficenza poco chiara legata alle vendite del pandoro Balocco griffato Ferragni.

fabio maria damato vestito da geri halliwell fabio maria damato vestito da geri halliwell

 

Mai corso buon sangue tra Damato e Fedez, ben prima che il matrimonio con l’imprenditrice andasse in crisi e ben prima dello scorso dicembre, quando la vicenda […] è esplosa. Troppo presente, braccio “destro e sinistro”, sovraesposto, un Richelieu nato a Barletta e con studi (dubbi sulla laurea restano, e il suo profilo LinkedIn che aveva generato questi dubbi non è più visibile) alla Bocconi.

 

Scomparso per settimane dai social a dicembre, a caso appena esploso, per poi tornare solo con stories che evaporano in 24 ore e mai più accanto a Chiara Ferragni, fino a quel momento presenza fissa del profilo Instagram del suo manager. Unico riferimento, in tutti questi mesi, una sola clip con l’ingresso degli uffici rosa e oro di via Turati, con ben in vista il logo dell’occhio. Perché Damato non è solo general manager, ma anche membro dei cda delle società gestite dall’imprenditrice, sia la cassaforte The Blonde Salad che quella che si occupa dello shopping con il suo marchio.

fabio maria damato con chiara ferragni 2 fabio maria damato con chiara ferragni 2

 

Gli inizi come giornalista di moda, l’incontro con Chiara Ferragni ancora non diventata (tanto) famosa, il legame di ferro che li porta a lavorare sempre più sull’immagine della giovane imprenditrice […]

 

Sul profilo Instagram di Damato, fermo appunto al 10 dicembre e con i commenti limitati anche ai post precedenti, Ferragni è una delle pochissime altre presenze, perché la maggior parte dei post sono autoscatti o suoi ritratti: muscoli scolpiti, barba corta e curata, canotte e torso nudo […]

fabio maria damato in versione pretty woman fabio maria damato in versione pretty woman

 

Ora l’inchiesta della procura di Milano e l’attacco diretto di Fedez: in questi mesi Chiara Ferragni non ha più postato foto con lui ma non ha allontanato il manager, come forse il marito avrebbe voluto

ARTICOLI CORRELATI

fabio maria damato in versione geri halliwell fabio maria damato in versione geri halliwell chiara ferragni fabio maria damato chiara ferragni fabio maria damato fabio maria damato 1 fabio maria damato 1 fabio maria damato 15 fabio maria damato 15 fabio maria damato con chiara ferragni fabio maria damato con chiara ferragni fabio maria damato 11 fabio maria damato 11 fabio maria damato 2 fabio maria damato 2 fabio maria damato 14 fabio maria damato 14 fabio maria damato 10 fabio maria damato 10 fabio maria damato 20 fabio maria damato 20 fabio maria damato con chiara ferragni fabio maria damato con chiara ferragni fabio maria damato e chiara ferragni 3 fabio maria damato e chiara ferragni 3 fabio maria damato e chiara ferragni 4 fabio maria damato e chiara ferragni 4 fabio maria damato fabio maria damato fabio maria damato e chiara ferragni 7 fabio maria damato e chiara ferragni 7 fabio maria damato e chiara ferragni 5 fabio maria damato e chiara ferragni 5 fabio maria damato e chiara ferragni 6 fabio maria damato e chiara ferragni 6 chiara ferragni con fabio maria damato chiara ferragni con fabio maria damato ELODIE CHIARA FERRAGNI FRANCESCA MUGGERI DILETTA LEOTTA Manuele Mameli Fabio Maria Damato ELODIE CHIARA FERRAGNI FRANCESCA MUGGERI DILETTA LEOTTA Manuele Mameli Fabio Maria Damato fabio maria damato chiara ferragni fabio maria damato chiara ferragni fabio maria damato 17 fabio maria damato 17 fabio maria damato 16 fabio maria damato 16 chiara ferragni con fabio maria damato chiara ferragni con fabio maria damato fabio maria damato 4 fabio maria damato 4 fabio maria damato 6 fabio maria damato 6 fabio maria damato 12 fabio maria damato 12 fabio maria damato 13 fabio maria damato 13 fabio maria damato 7 fabio maria damato 7 fabio maria damato con chiara ferragni fabio maria damato con chiara ferragni fabio maria damato e chiara ferragni fabio maria damato e chiara ferragni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”