GIALLO ITALIANO - IL CADAVERE RITROVATO NEL PO SAREBBE DI STEFANO BARILLI, 23ENNE DI PIACENZA DI CUI SI ERANO PERSE LE TRACCE DALL’8 FEBBRAIO SCORSO - SECONDO GLI AMICI NON SI SAREBBE SUICIDATO, NONOSTANTE, UN BIGLIETTO DI ADDIO - LA FUGA, LA SETTA E LA TESTA MOZZATA, LA BRUTTA STORIA DI STEFANO SAREBBE INCROCIATA CON QUELLA DI ALESSANDRO VENTURELLI, ANCHE LUI SPARITO E MAI RITROVATO - A UNIRE LE SORTI DEI DUE GIOVANI UNA FOTO A "CHI L’HA VISTO?’’…

-

Condividi questo articolo


Stefano Barilli Stefano Barilli

Nino Materi per "il Giornale"

 

Un ragazzo che stava attraversando un momento di crisi, ma con tutte le capacità mentali per venirne fuori. Il profilo psicologico di Stefano Barilli, il 23enne di Piacenza di cui dall' 8 febbraio scorso si erano perse le tracce, non sarebbe compatibile con la drammatica decisione di togliersi la vita. Pur tra mille dubbie e tante domande senza risposte, ne sono convinti quelli che a Stefano volevano bene, in primis familiari e amici.

 

Eppure il corpo trovato l' altro ieri nel Po sembra essere proprio quello di Stefano: i documenti addosso al cadavere riportano i suoi dati anagrafici, anche se la certezza dell' identità arriverà solo con l' autopsia e l' esame del Dna.

 

CADAVERE RITROVATO PO CADAVERE RITROVATO PO

Gli inquirenti propendono per la pista del suicidio, tesi avvalorata anche dal ritrovamento di un biglietto d' addio e il proposito di togliersi la vita. Caso chiuso, quindi? No, perché sullo sfondo di questa tragedia ci sono ancora diversi aspetti che non tornano.

 

Dov' è stato Stefano dall' 8 febbraio in poi? Chi lo ha ospitato? Come mai si è allontanato da casa con modalità inedite per situazioni di questo tipo?

 

RITROVAMENTO CADAVERE PO RITROVAMENTO CADAVERE PO

Le «strane ricerche» effettuate sul web da Stefano hanno a che fare con la sua sparizione? L' ipotesi «setta» è solo una suggestione priva di fondamento o è plausibile? E, se sì, su questo fronte i controlli sono stati a 360 gradi?

 

La Procura di Lodi, che sulla vicenda di Stefano aveva aperto un fascicolo, blocca in un frame l' ultima scena della tragedia: «Lo stato in cui è stato ritrovato in acqua il cadavere di un giovane nel Po a Caselle Landi (Lodi) appare compatibile con il degrado ipotizzabile dati i giorni trascorsi dalla scomparsa, l' 8 febbraio scorso, di Stefano Barilli».

RITROVAMENTO CADAVERE PO 2 RITROVAMENTO CADAVERE PO 2

 

Il cadavere è stato rinvenuto sabato impigliato nella vegetazione a alcuni metri dalla riva e la Procura ha ritenuto opportuno precisare che «la testa non appare tagliata di netto ma, invece, vi sono lesioni compatibili con danni arrecabili dalla fauna acquatica»; un epilogo doloroso reso ancor più amaro dal linguaggio della burocrazia. Tanto più che la chiave del giallo non è certo in cosa sia accaduto al corpo di Stefano «dopo» essere stato gettato nel fiume, ma ciò che gli è successo «prima». E forse, in questo senso, qualche sforzo investigativo in più si poteva fare.

 

ALESSANDRO VENTURELLI E STEFANO BARILLI ALESSANDRO VENTURELLI E STEFANO BARILLI

Va ricordato come la brutta storia di Stefano si sia a lungo incrociata con quella di un altro suo coetaneo: Alessandro Venturelli, sparito (e mai ritrovato) due mesi prima che Stefano facesse perdere le proprie tracce. A unire, apparentemente, le sorti di Stefano e Alessandro era stata una foto che sembrava ritrarli insieme alla stazione Centrale di Milano: un'immagine scattata il 18 febbraio da una ragazza che, giorni prima, aveva assistito alla trasmissione «Chi l' ha visto» in cui si era parlato della scomparsa di Alessandro.

 

LA FOTO ALLA STAZIONE DI MILANO LA FOTO ALLA STAZIONE DI MILANO

La foto fu poi rilanciata nelle puntate successive da «Chi l' ha visto?», finché altri due giovani si riconobbero in quell' immagine smentendo quindi che si trattasse di Alessandro e Stefano.

 

Insomma, un po' quello che è successo, sempre a «Chi l' ha visto?», in tempi più recenti con la fake news della povera Denise Pipitone alias Olesya Rostova.

ALESSANDRO VENTURELLI E STEFANO BARILLI CHI L HA VISTO 2 ALESSANDRO VENTURELLI E STEFANO BARILLI CHI L HA VISTO 2 ALESSANDRO VENTURELLI E STEFANO BARILLI CHI L HA VISTO ALESSANDRO VENTURELLI E STEFANO BARILLI CHI L HA VISTO

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ASPETTANDO IL VOTO, MACRON E SCHOLZ HANNO TROVATO UN ACCORDO DI MASSIMA: SILURATA URSULA ED ESCLUSA OGNI ALLEANZA CON LA MELONI, I DUE LASCERANNO AL PPE, GRUPPO DI MAGGIORANZA, L’ONERE DI TROVARE UN NOME ALTERNATIVO A VON DER LAYEN PER LA COMMISSIONE (NO A WEBER, UN PO' TROPPO DI DESTRA, IN POLE IL BAVARESE SÖDER) – I SOCIALISTI PUNTANO ALLA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO EUROPEO, DOVE SANCHEZ FA PRESSIONE SU SCHOLZ PER IL PORTOGHESE COSTA. MA SE LA SCELTA RICADESSE SUI LIBERALI, MACRON PROPORREBBE MARIO DRAGHI - MORALE DELLA FAVA: ALLA FACCIA DEL CAMALEONTISMO, LA DUCETTA IN EUROPA SARA' IRRILEVANTE...

DAGOREPORT – GIORGETTI È DISPERATO: NON SA DOVE TROVARE I SOLDI PER LA PROSSIMA FINANZIARIA (SI PRESENTA A OTTOBRE MA ANDAVA CUCINATA IERI), MENTRE I PARTITI DELLA MAGGIORANZA, IN PIENA SBORNIA DA EUROPEE, SPARANO PROMESSE IRREALIZZABILI. MA DOPO IL 9 GIUGNO SI CHIUDERA' IL CORDONE DELLA BORSA: E SARANNO BOTTI TRA GIORGETTI E IL PERICOLANTE SALVINI (LEGA VICINA ALL'IMPLOSIONE) – "MELONI, DETTA GIORGIA" SI ILLUDE DI POTER RIDISCUTERE L'INSOSTENIBILE PATTO DI STABILITÀ, BARATTANDOLO ALLA RATIFICA DEL MES - MA A BRUXELLES LA REGINA DI COATTONIA SARA' IRRILEVANTE (I VOTI DI ECR NON SERVIRANNO PER LA COMMISSIONE UE) E GLI EURO-POTERI PREPARANO GIA' UNA BELLA PROCEDURA D'INFRAZIONE PER L'ITALIA – LA PREOCCUPAZIONE DELL'UE PER LA DEBOLEZZA STRUTTURALE DELL’ECONOMIA ITALIANA: NEMMENO I MOLTI MILIARDI DEL PNRR STANNO FACENDO VOLARE IL PIL...

DAGOREPORT – FINORA, LO SCANDALO CHE HA TRAVOLTO GENOVA HA UN SOLO VINCITORE: E' GIGI APONTE  - AZZOPPATO IL SUO TIGNOSO COMPETITOR, ALDO SPINELLI, SISTEMATI AI DOMICILIARI I COMPAGNI DI YACHT E DI FICHES, TOTI E SIGNORINI, L'ARMATORE PARTENOPEO E PARTE-SVIZZERO NON SOLO NON È INDAGATO, MA NON È STATO NEMMENO ASCOLTATO DALLA PROCURA DI GENOVA COME PERSONA INFORMATA SUI FATTI. NIENTE. ALLA FINE IL PATRON DI MSC POTRÀ REGNARE INCONTRASTATO SUL PORTO DELLA CITTÀ LIGURE CHE, GRAZIE AL MAXI-PROGETTO DELLA DIGA FORANEA E AI SOLDI DEL PNRR, DIVENTERÀ IL PRINCIPALE HUB DEL MEDITERRANEO - SPINELLI PAGA LA SUA HYBRIS: COME SI FA A METTERE I BASTONI TRA LE ELICHE AL COLOSSO MSC SFIDANDO LA PRIMA LEGGE DEL POTERE: ''ARTICOLO QUINTO, CHI HA I SOLDI HA VINTO''? - IL PROFONDO LEGAME DI APONTE CON ISRAELE E I SUOI APPARATI, A PARTIRE DAL MOSSAD: IL SUOCERO, IL BANCHIERE EBREO PINHAS DIAMANT, È UNO DEI FONDATORI DELLO STATO EBRAICO, E I CARGO MSC VENGONO CONSIDERATI ''NAVI ISRAELIANE''. INFATTI GLI HOUTHI LE ATTACCANO...