GRILLETTI PER LA TESTA - IN FRANCIA, UNO STUDENTE DI UN LICEO DI CRETEIL MINACCIA LA PROFESSORESSA CON LA PISTOLA AD ARIA COMPRESSA - IL FILMATO, GIRATO DA UN COMPAGNO DI CLASSE, CHE NEL FRATTEMPO SGHIGNAZZA, E’ FINITO IN RETE - VIDEO

-

Condividi questo articolo

Giovanna Pavesi per www.ilgiornale.it

FRANCIA - UNO STUDENTE MINACCIA L INSEGNANTE CON UNA PISTOLA FRANCIA - UNO STUDENTE MINACCIA L INSEGNANTE CON UNA PISTOLA

 

Le avrebbe intimato di cambiare la nota nel registro di classe elettronico, puntandole una pistola ad aria compressa. È accaduto in Francia, qualche giorno fa, al liceo Edouard-Branly di Créteil. Protagonisti dell'episodio, uno studente e un'insegnate. Con un'arma in mano lui, rassegnata seduta al computer dell'aula lei. Una scena surreale.

 

FRANCIA - UNO STUDENTE MINACCIA L INSEGNANTE CON UNA PISTOLA FRANCIA - UNO STUDENTE MINACCIA L INSEGNANTE CON UNA PISTOLA

Secondo quanto riportato dal quotidiano francese Le Parisien, il giovane le avrebbe gridato di metterlo presente nell'elenco, davanti a tutti. A testimoniare l'accaduto un video girato con lo smartphone da un compagno di scuola. Nelle immagini apparirebbe anche un altro studente che, alzandosi in piedi, farebbe un gestaccio davanti. Le immagini, diventate subito virali, sarebbero apparse in rete il 18 ottobre. La polizia, che ha aperto un'indagine, ha arrestato i due alunni apparsi nel video. Le forze dell'ordine stanno cercando di individuare anche il terzo compagno che ha filmato la scena.

 

Condividi questo articolo

media e tv

ARGENTO VIVO – "A SORÈ, MA CHE TE SEI PRESA STASERA? ASIA STRACULT DALLA SORA D’URSO. PRIMA ATTACCA MORGAN (“SE FAI I DEBITI CON LE BANCHE, TI PIGNORANO LA CASA”), POI SCAZZA CON KARINA CASCELLA: "IO NON SO CHI SEI E CHE POSTO HAI NEL MONDO. LA MIA RINASCITA MEDIATICA SI CHIAMA FABRIZIO CORONA? MA QUALE RELAZIONE CHE CI SIAMO VISTI DUE VOLTE.." - POI SPIEGA PERCHE’ SI E PRESENTATA A UN CONCERTO DI SALMO CON UNA VALIGETTA DI SOLDI DICENDO SE PER QUELLA CIFRA LUI GLIELO “DAVA”...

politica

GENDARMI IMPROPRI - IL PAPA ACCETTA LE DIMISSIONI DI DOMENICO GIANI, DA 20 ANNI A CAPO DELLE GUARDIE VATICANE. ACCUSATO DI AVER DIFFUSO IL DOCUMENTO DELLE INDAGINI SULLE SPERICOLATE OPERAZIONI IMMOBILIARI E PETROLIFERE PAGATE CON L'OBOLO DI SAN PIETRO (QUEL FOGLIO È STATO INVIATO A 500 GENDARMI…), C’È CHI SOSPETTA CHE LA DIFFUSIONE FOSSE PROPRIO UN MODO PER COLPIRE IL COMANDANTE. L’AVER CONDOTTO INDAGINI E PERQUISIZIONI, IN QUESTI ANNI, GLI HA PROCURATO MOLTI NEMICI INTERNI…

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute