“GLI STATI UNITI DEVONO SMETTERE DI FARE DISINFORMAZIONE” - LA RUSSIA RESPINGE L’ACCUSA DI AVER USATO ARMI CHIMICHE: “ABBIAMO DISTRUTTO LE ULTIME SCORTE CHIMICHE NEL 2017” - LE ACCUSE ERANO STATE MOSSE DAGLI UOMINI DEL BATTAGLIONE AZOV MA ZELENSKY NON HA CONFERMATO - LA STESSA CAUTELA È STATA USATA DA MOLTI ESPERTI, ALCUNI DEI QUALI SCETTICI - È POSSIBILE CHE I RUSSI ABBIANO UTILIZZATO GAS LACRIMOGENI MOLTO POTENTI, CHE PROVOCANO BRUCIORI, VOMITO, NAUSEA…

-

Condividi questo articolo


1 - MOSCA A WASHINGTON, BASTA DISINFORMAZIONE SU ARMI CHIMICHE

armi chimiche armi chimiche

(ANSA) - Washington deve "smettere di fare disinformazione" sulle armi chimiche: lo afferma l'ambasciata russa negli Usa, riporta il Guardian. La nota giunge in risposta alle affermazioni di ieri del portavoce del dipartimento di Stato Usa, Ned Price, secondo cui gli Usa temono che Mosca possa cercare di usare le armi chimiche in Ucraina.

 

Washington e Kiev fanno "disinformazione" quando dicono che la Russia potrebbe usare armi chimiche in Ucraina poiche' Mosca ha distrutto le sue ultime scorte chimiche nel 2017, precisa l'ambasciata: "Ned Price si è distinto ancora una volta per i suoi discorsi inutili, non corroborati da una sola prova".

 

putin zelensky putin zelensky

2 - L'ARMATA HA DAVVERO UTILIZZATO AGENTI CHIMICI? GLI ESPERTI SONO SCETTICI, SI PENSA A GAS LACRIMOGENI

Andrea Marinelli e Guido Olimpio per il “Corriere della Sera”

 

«Non ha senso far morire i nostri soldati con attacchi tra i cinque livelli di tunnel sotterranei della fabbrica», aveva detto il colonnello Eduard Basurin, portavoce degli indipendentisti filorussi di Donetsk, riferendosi alle acciaierie Azovstal in cui è asserragliata la resistenza di Mariupol. «Dobbiamo perciò prima bloccare tutti gli ingressi, poi ci penseranno le armi chimiche a snidare le talpe dalle loro tane».

 

VOLONTARI DEL BATTAGLIONE AZOV VOLONTARI DEL BATTAGLIONE AZOV

Ieri gli ultimi difensori della città, i circa 3 mila uomini del battaglione ultranazionalista Azov, hanno accusato i russi di averle lanciate, quelle armi chimiche, usando un drone: tre persone hanno dichiarato in un video di aver avuto i sintomi di una sindrome «vestibulo-atactica», con vomito, bruciore agli occhi, vertigini e insufficienza respiratoria, ma il presidente Zelensky non ha confermato.

 

Il Pentagono ha replicato di aver ricevuto i report, ma di non essere in grado di confermare. La stessa cautela è stata usata da molti esperti, alcuni dei quali piuttosto scettici, mentre la Gran Bretagna ha affermato che vi potrebbero essere conseguenze nel caso fosse vero. «Tutte le opzioni sono sul tavolo», ha detto il ministro delle Forze armate britanniche James Heappey.

 

PUTIN BIDEN PUTIN BIDEN

Al momento non esistono prove dirette, nessuno può verificarlo nell'immediatezza, come ha specificato su Twitter l'esperto Dan Kaszeta, autore di un libro sulla storia degli agenti nervini, secondo il quale è difficile fare una diagnosi da remoto. La città è infatti sotto assedio, senza testimoni indipendenti: per Eliot Higgins, fondatore del sito Bellingcat , i sintomi denunciati non sarebbero inoltre compatibili con agenti nervini. È possibile che gli invasori abbiano utilizzato gas lacrimogeni molto potenti (Cs), che provocano bruciori, vomito, nausea: sono alcuni dei sintomi denunciati. Contengono elementi «chimici», ma non sono armi letali come il gas nervino: l'impatto sul fisico dipende dal tipo, dalla composizione e dall'area.

battaglione azov battaglione azov

 

Le granate Cs (o simili) sono state usate da polizie impegnate in ruolo di anti-sommossa in molti Paesi - anche se sono proibite - e da eserciti in combattimenti «urbani». A Mariupol gli ucraini si muovono infatti in tunnel, gallerie, ambienti ristretti: questa rete difensiva nella zona dell'acciaieria Azovstal ha permesso loro di «tenere» per settimane. Chi attacca, forse, ha provato a stanarli ricorrendo ai «gas».

 

joe biden joe biden

È chiaro che l'eventuale ricorso a ordigni non convenzionali reali - non i Cs - sarebbe un'escalation pericolosa. Nelle scorse settimane fonti occidentali hanno paventato questo rischio e c'è chi ha chiesto alla Nato di tracciare una linea rossa. Se Mosca la valica, servirà una reazione adeguata. Ma non tutti sono convinti che sia saggio: una volta fissato il confine, poi sei costretto a reagire.

battaglione azov battaglione azov

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)