“È VERO, BERLUSCONI DISSE A RENZI CHE AL QUIRINALE VOLEVA UN PRESIDENTE IN GRADO DI DARE LA GRAZIA A DELL’UTRI. MA ACCADDE NEL 2015” – GIANFRANCO MICCICHÉ OFFRE LA SUA VERSIONE SULL’INCONTRO AVUTO CON MATTEONZO IL 15 OTTOBRE 2021: “RENZI MI RACCONTÒ CHE SILVIO GLI AVEVA CHIESTO UN INTERVENTO AFFINCHÉ FOSSE CONCESSA LA GRAZIA A DELL’UTRI, MA SI RIFERIVA AL PASSATO, NON ALLE ELEZIONI DEL 2022. NEL 2015 RENZI ERA IL PREMIER. SOLO ALLORA AVEVA UN SENSO QUELLA RICHIESTA. NEL 2021 DELL’UTRI ERA LIBERO, AVEVA SCONTATO LA SUA PENA…”

-

Condividi questo articolo


ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

Estratto dell‘articolo di Emanuele Lauria per “la Repubblica”

 

gianfranco micciche gianfranco micciche

«È vero, Berlusconi disse a Renzi che al Quirinale doveva andare un presidente in grado di dare la grazia a Dell’Utri. Ma questo accadde nel 2015. Alla vigilia della prima elezione di Sergio Mattarella». Così Gianfranco Micciché, ex ministro, ex presidente dell’Ars ed ex coordinatore di Forza Italia in Sicilia, offre la sua versione sui contenuti politici dell’incontro avuto con Matteo Renzi il 15 ottobre 2021.

 

Micciché, dopo la cena, chiamò Dell’Utri, con una telefonata che è stata intercettata. E i magistrati, nel settembre scorso, lo hanno convocato a Firenze e gli hanno fatto riascoltare la conversazione. Gliene hanno chiesto conto. E ai pm, si legge nel verbale di assunzione di informazioni, Micciché ha detto che, nel corso del colloquio a tavola, garantì a Renzi che in Sicilia lo avrebbe aiutato «e in cambio gli chiedemmo disponibilità a stare sulle nostre posizioni a Roma. Fra le cose di interesse del centrodestra a Roma vi era anche la nomina di un Presidente della Repubblica sensibile al tema della grazia a Dell’Utri».

 

silvio berlusconi matteo renzi silvio berlusconi matteo renzi

Micciché, ricorda quella cena con Renzi nell’autunno di tre anni fa?

«Certo, come dimenticarla. Eravamo all’enoteca Pinchiorri. Tutto ottimo, compreso il vino. Pagò Renzi, ovviamente».

 

Di cosa parlaste?

«Di politica. Era il periodo in cui si decidevano i destini per il Quirinale. E Silvio Berlusconi aveva in animo di fare il presidente della Repubblica».

 

Renzi cosa ne pensava?

«Ribadisco oggi cosa dissi allora: Matteo Renzi mi disse che, se ci fosse stato un accordo complessivo, almeno nel centrodestra, non sarebbe mancato il suo voto».

 

MARCELLO DELL UTRI E SILVIO BERLUSCONI MARCELLO DELL UTRI E SILVIO BERLUSCONI

[…]

 

Sta dicendo che non fu affrontato l’argomento della grazia a Dell’Utri?

«Guardi, Renzi mi disse che tante volte, in passato, Berlusconi gli aveva chiesto un intervento affinché fosse concessa la grazia a Dell’Utri. Berlusconi soffriva da morire per il fatto che Dell’Utri fosse finito in carcere, riteneva fosse colpa sua, o meglio del fatto che fosse sceso in politica. Ma si riferiva al passato».

 

A quando?

MICCICHE BERLUSCONI MICCICHE BERLUSCONI

«Al periodo precedente alla prima elezione di Mattarella, che avvenne nel gennaio 2015. Renzi in quel momento era il premier. Solo allora poteva avere un senso chiedere la grazia per Marcello. Nel 2021, se ricordate, Dell’Utri era libero, aveva scontato la sua pena, sia in carcere che ai domiciliari. E peraltro era appena stato assolto in secondo grado nel processo della trattativa Stato-mafia».

 

Dopo la cena ci fu una telefonata intercettata a Dell’Utri.

«Gli dissi: Marcello, sai che il Presidente ti vuole davvero bene? E gli raccontai quello che mi aveva detto Renzi».

 

silvio berlusconi matteo renzi silvio berlusconi matteo renzi

Quella telefonata è finita all’attenzione dei pm che l’hanno poi convocata. Cosa ha detto loro?

«Non abbiamo parlato di grazia, se non per il fatto che Renzi mi aveva detto che in passato, appunto, Berlusconi lo aveva sollecitato più volte sulla questione».

 

Era dunque un argomento non in discussione in quel momento dentro Forza Italia.

«No, nelle riunioni si parlava solo di come cercare di far andare Berlusconi al Quirinale».

 

Dell’Utri partecipava anche ai vertici di partito.

«Sì, glielo posso confermare. Come le confermo che Marcello incontrò Renzi, in Senato, pochi giorni prima che io e l’ex premier andammo a cena a Firenze. Ma questo non c’entra nulla con la grazia. Quella è una minchiata». […]

SILVIO BERLUSCONI E MARCELLO DELL UTRI SILVIO BERLUSCONI E MARCELLO DELL UTRI MARCELLO DELL UTRI E SILVIO BERLUSCONI MARCELLO DELL UTRI E SILVIO BERLUSCONI silvio berlusconi matteo renzi silvio berlusconi matteo renzi

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”