MAI PIÙ CORNUTI E SPENNATI – LA CASSAZIONE HA STABILITO CHE SE L’EX MOGLIE HA COSTITUITO UNA NUOVA FAMIGLIA DI FATTO PERDE L’ASSEGNO DI MANTENIMENTO CORRISPOSTO DALL'EX MARITO – UNA DONNA, INFATTI, SI ERA OPPOSTA ALLA DECISIONE DELLA REVOCA, MA LA CORTE LE HA NEGATO IL DIRITTO SULLA BASE DEL PRINCIPIO DI “AUTORESPONSABILITÀ”

-

Condividi questo articolo

Da "www.lastampa.it"

 

assegno mantenimento alimenti assegno mantenimento alimenti

Il caso. La moglie presentava ricorso contro la sentenza con cui la Corte d’Appello di Perugia aveva revocato l’assegno di mantenimento corrisposto dal marito in suo favore in considerazione del fatto che ella aveva costituto una nuova famiglia di fatto.

 

La nuova famiglia di fatto esclude il mantenimento. La Cassazione si è allineata al suo consolidato orientamento secondo cui anche in tema di separazione dei coniugi, la convivenza stabile e continuativa, intrapresa con un’altra persona può comportare la cessazione dell’obbligo di corrispondere l’assegno di mantenimento che grava sull’altro.

ASSEGNO DI MANTENIMENTO DEI FIGLI ASSEGNO DI MANTENIMENTO DEI FIGLI

 

Tale conseguenza trova la sua giustificazione nel principio di autoresponsabilità, «ossia nel compimento di una scelta consapevole e chiara, orgogliosamente manifestata con il compimento di fatti inequivoci» per aver dato luogo a una unione stabile e continuativa «che si è sovrapposta con effetti di ordine diverso, al matrimonio, sciolto o meno che sia».

torta festa di divorzio torta festa di divorzio

 

In caso di separazione legale dei coniugi e di formazione di un nuovo nucleo familiare di fatto da parte del coniuge beneficiario del mantenimento, indipendentemente dalla risoluzione del rapporto coniugale, avviene una rottura tra il preesistente modello di vita e il nuovo assetto fattuale di rilievo costituzionale in quanto espressamente voluto e cercato dal coniuge beneficiario della solidarietà (ancora) coniugale.

 

La ricerca, la scelta e il concreto perseguimento di un diverso assetto di vita familiare da parte del beneficiario «fa scaturire un riflesso incisivo dello stesso diritto alla contribuzione periodica, facendola venire meno».

 

DIVORZIO DIVORZIO

A nulla rileva la possibilità che i coniugi non divorziati possano astrattamente ricomporre la propria vita in comune in seguito a un ripensamento: anche in questo caso l’assegno non rivivrebbe ma tornerebbe a operare il precedente assetto di vita caratterizzato dalla ripresa della convivenza. Per questi motivi, la Corte ha respinto il ricorso.

 

 

il disprezzo nella coppia porta al divorzio il disprezzo nella coppia porta al divorzio gli abusi psicologici e fisici minano la coppia gli abusi psicologici e fisici minano la coppia la mancanza di sesso porta al divorzio la mancanza di sesso porta al divorzio la infedelta seriale porta al divorzio la infedelta seriale porta al divorzio

 

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

“QUALCOSA HA IMPEDITO LA RIEDIZIONE DEL GOVERNO M5S-LEGA CON DI MAIO PREMIER” - NEL LIBRO “LADRI DI DEMOCRAZIA”, PAOLO BECCHI E GIUSEPPE PALMA SVELANO I RETROSCENA DELLA CRISI BALNEARE: “DOMENICA 25 AGOSTO SALVINI CHIAMA MATTARELLA PER  PROPORRE DI MAIO PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. SE IL PRESIDENTE ABBIA INFORMATO DI MAIO NON LO SAPPIAMO. COSÌ COME NON SAPPIAMO SE ABBIA CHIAMATO ZINGARETTI O QUALCUNO VICINO AL SEGRETARIO DEM. FATTO STA CHE IL GIORNO DOPO IL PD APRE D'IMPROVVISO AL M5S SUL NOME DI CONTE COME PRESIDENTE DEL CONSIGLIO…”

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute