I QUATTRO CONNI-VENTI: PER LA FAMIGLIA CIONTOLI IL PROCURATORE DI CORTE D'APPELLO CHIEDE 14 ANNI DI GALERA. L'ACCUSA DI OMICIDIO VOLONTARIO VIENE ESTESA A PADRE, MADRE E FIGLIE, COMPRESA LA FIDANZATA DI MARCO VANNINI, CHE MENTIRONO SECONDO ''UN DISEGNO PROGRAMMATO A CUI TUTTI HANNO ADERITO A COSTO DI FAR MORIRE IL RAGAZZO. UN'INTERA FAMIGLIA CHE HA INQUINATO PROVE''

-

Condividi questo articolo


Marco Maffettone per l'ANSA

 

marco vannini 10 marco vannini 10

"Menzogne in serie" dette per mettere in atto un "disegno programmato a cui tutti hanno aderito" al costo " di fare morire Marco Vannini". E' l'agghiacciante ricostruzione di quanto avvenne la notte tra il 17 e il 18 maggio del 2015 nell'abitazione dei Ciontoli a Ladispoli fornita dal procuratore generale di Roma che ha chiesto una condanna a 14 anni di carcere per l'intera famiglia.

 

Omicidio volontario con dolo eventuale il reato che il pg Vincenzo Saveriano contesta al capofamiglia Antonio Ciontoli, per la moglie Maria Pizzillo e per i figli Federica e Martina, quest'ultima fidanzata di Vannini nel processo d'appello bis. In subordine il pg ha chiesto per i figli e la moglie di Ciontoli di valutare l'ipotesi di concorso anomalo in omicidio, in base all'articolo 116 del codice penale, e condannarli alla pena di 9 anni e 4 mesi di reclusione.

antonio ciontoli a storie maledette 2 antonio ciontoli a storie maledette 2

 

Al secondo processo d'appello si è arrivati dopo la pronuncia della Cassazione che il 7 febbraio scorso ha annullato il primo procedimento di secondo grado chiedendo che venisse riconosciuto un capo di accusa più grave nei confronti degli imputati. "Condotte assurde e impensabili - ha aggiunto nella sua requisitoria il pg -. C'è stato un disegno programmato a cui tutti hanno aderito a costo di fare morire Marco. Reticenze, inoltre, hanno caratterizzato questo processo. La Cassazione indica ben 11 riferimenti a dimostrazione di una linea comune adottata da un intera famiglia per inquinare le prove".

 

Secondo l'accusa gli imputati "hanno mentito in continuazione allo scopo di evitare che il capofamiglia Antonio perdesse il posto di lavoro. Hanno fornito false informazioni ai sanitari scegliendo di rimanere inerti, per oltre una ora, e non attivare alcuna richiesta di soccorso mentre Vannini moriva dissanguato". Il professore Franco Coppi, legale dei Vannini, non ha usato mezze parole sul comportamento dei Ciontoli.

quarto grado la telefonata di ciontoli quarto grado la telefonata di ciontoli

 

"Sono stati tutti conniventi, fino a quando non è stato Antonio a decidere di chiamare i soccorsi. Da qui una corresponsabilità piena degli altri familiari". Per il penalista "Marco è morto per uno stupido scherzo. Antonio Ciontoli, che gli aveva mostrato la pistola nonostante l'invito a tenerla lontana, non voleva certamente ucciderlo. Ma la cosa più triste di questa vicenda è che un ragazzo di 20 anni, coraggioso e per nulla impaurito davanti alla sua fidanzata che era presente in bagno al momento dello sparo, avrebbe potuto essere salvato con una elevatissima probabilità se i soccorsi fossero stati tempestivi". E invece il capofamiglia "ha subito cercato di nascondere quello che aveva fatto, nella speranza di non farsi addebitare nulla".

marco vannini martina ciontoli marco vannini martina ciontoli famiglia ciontoli famiglia ciontoli marco vannini marco vannini martina ciontoli martina ciontoli

 

Condividi questo articolo

media e tv

VI PIACE ESSER LEGATI, SCULACCIARE, FAR DA ZERBINI UMANI O DA CANE AL GUINZAGLIO? – QUALUNQUE SIA IL VOSTRO FETICISMO, NON VERGOGNATEVI: E’ TUTTO LECITO – MA ATTENZIONE: NON ESISTE PRATICA KINKY SENZA MINIMA DOSE DI RISCHIO, E NON DATE MAI PER SCONTATO NIENTE: PATTI SIANO CHIARI PRIMA DI COMINCIARE, E DIFFIDATE DI COMPAGNI DI GIOCO CHE DICONO “PUOI FARE DI ME QUELLO CHE VUOI” O “NON SO I MIEI LIMITI, DEVI ESSERE TU A SCOPRIRLI”: SONO SOLO PORCELLINI DEL "FAMOLO STRANO" MA NULLA SANNO DI BONDAGE E FETISH – LA RECENSIONE DI BARBARA COSTA AL LIBRO “BE KINKY” DI ANDREA FAROLFI

politica

ORA D’ARIA? ORA D’AMORE! - ANCHE I DETENUTI HANNO BISOGNO DI SCOPARE! IL GOVERNO NON RIMANE INDIFFERENTE E STANZIA 28,3 MILIONI DI EURO PER LE “RELAZIONI AFFETTIVE DEI CARCERATI” (ORA SI CHIAMANO COSÌ). IL FINANZIAMENTO SERVIRÀ PER METTERE UN PREFABBRICATO IN UNA CASA CIRCONDARIALE DI OGNI REGIONE: VENTI “CASETTE DELL’AMORE” DOVE I DETENUTI SARANNO LIBERI DI SFOGARE I PROPRI ISTINTI CON LA PROPRIA CONSORTE O AMANTE (ANCHE OCCASIONALE). INSOMMA, UNA SPECIE DI CASINO LEGALIZZATO…

business

SI METTE MALE PER XI JINPING: L’ECONOMIA CINESE DÀ SEGNALI MOLTO PREOCCUPANTI, PROPRIO ALLA VIGILIA DEL CONGRESSO CHE DOVREBBE DARGLI IL TERZO MANDATO. MA È COLPA SUA: INSISTE CON LA STRATEGIA DELLO “ZERO COVID” BLOCCANDO I RIFORNIMENTI A MEZZO MONDO E FACENDO CROLLARE LE VENDITE AL DETTAGLIO - SOLO CHE GLI INVESTITORI STRANIERI  NON SONO FESSI E SCAPPANO: SOLO AD APRILE, CI SONO STATE CESSIONI PER 16 MILIARDI DI DOLLARI DI DEBITO CINESE, E GLI INVESTIMENTI ESTERI DIRETTI SONO COLATI A PICCO

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute