UNA STORIA DA LECCARSI I BAFFI – SESSANT’ANNI FA DALLA FABBRICA DI ALBA USCIVA IL PRIMO VASETTO DI NUTELLA, LA CREMA SPALMABILE PIÙ FAMOSA AL MONDO, IDEATA DA MICHELE FERRERO - GIORGIO CHIAVERO, CHE PER 18 ANNI È STATO CAPO PRODUZIONE DELLE LINEE NUTELLA: “RICETTA SEGRETISSIMA? IN REALTÀ BASTA LEGGERE L’ETICHETTA. IL VERO SEGRETO È QUELLO DELLA TECNICA DI PRODUZIONE, DELLA SCELTA DELLE MATERIE PRIME E DELLA LORO LAVORAZIONE. FERRERO? UNA NOTTE STAVAMO FACENDO IL TURNO DI NOTTE E…”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell'articolo di Roberto Fiori per www.lastampa.it

 

barattoli di nutella barattoli di nutella

Buon compleanno, Nutella. Era una piovosa mattina del 20 aprile 1964, quando dalla fabbrica Ferrero di Alba usciva il primo vasetto di quella che sarebbe diventata la crema da spalmare più famosa nel mondo. […]

 

A idearla fu Michele Ferrero, che a 39 anni riuscì a migliorare gli antesignani Giandujot e Supercrema, creati da suo padre Pietro e dallo zio Giovanni nel primo dopoguerra, quando in Italia il cacao era difficilissimo da reperire. Un problema che i Ferrero, da una piccola città della provincia piemontese, riuscirono a trasformare in una grande opportunità, creando una pasta dolce con nocciole, zucchero e il poco cacao disponibile a quel tempo.

 

giorgio chiavero giorgio chiavero

La ricetta è segretissima, custodita in cassaforte. «Ma a dire il vero, la conosciamo tutti e in fin dei conti, basta leggerla in etichetta» dice uno che se ne intende come Giorgio Chiavero, che per 18 anni è stato capo produzione delle linee Nutella, dal 1980 al 1998.

«Il vero segreto è quello della tecnica di produzione, della scelta delle materie prime e della loro lavorazione, a partire dalle nocciole e dalla componente liquida». […] «Se le nocciole, dopo essere state tostate, stavano ferme più di un giorno, le rispedivamo indietro – ricorda Chiavero -. Il sabato pulivamo tutto l’impianto e il lunedì si ripartiva sempre con tutti gli ingredienti nuovi. Sono la tecnologia e il metodo di lavoro a fare la differenza».

 

michele ferrero michele ferrero

[…]  Tra tanti ricordi, uno è legato a Michele Ferrero: «Stavamo facendo il turno di notte quando, intorno alle due, lo vedemmo arrivare nel nostro reparto. Passando di fianco al laboratorio, che a quell’ora era deserto, notò le luci accese e chiese chi fosse il responsabile. Si trattava di un giovane che era da poco arrivato dall’Irpinia terremotata e che dormiva all’albergo Leon d’Oro. Lo chiamò in piena notte e lo fece venire a spegnere le luci. Poi, rivolgendosi a noi, disse: “Se facciamo degli sprechi così, non andremo da nessuna parte”».

 

Michele Ferrero con un barattolo di Nutella Michele Ferrero con un barattolo di Nutella

 

 

nutella nutella nutella 1 nutella 1 mccrunchy bread mccrunchy bread nutella nutella

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT - NON HA VINTO FRATELLI D’ITALIA, HA STRAVINTO LA MELONA. LA CAMPAGNA ELETTORALE L’HA FATTA SOLO LEI, COL SUO PIGLIO COATTO E COL SUO MODO KITSCH DI APPARIRE TRA BANCHI DI CILIEGIE E CORRENDO CON I BERSAGLIERI. UNA NARRAZIONE RINFORZATA DALLO SVENTOLIO DEL TRICOLORE NEL MONDO: AHO', CON GIORGIA LA ''NAZIONE'' (NON IL PAESE) CONTA - CHI DICE CHE ELLY SCHLEIN HA VINTO, SPARA UNA CAZZATA. GLI ELETTI DEM SONO IN GRAN PARTE RIFORMISTI, LONTANI DALLE SUPERCAZZOLE DELLA MULTIGENDER CON TRE PASSAPORTI - SEPPELLITO RDC, A BAGNOMARIA IL SUPERBONUS, IL PAVONE CONTE E' STATO SPENNATO. I GRILLINI NON SI IDENTIFICANO NEI CONTIANI IN SALSA CASALINO E/O IN MODALITÀ TRAVAGLIO - LA SORPRESA AVS NON VA ACCREDITATA UNICAMENTE ALLA SALIS: IL BUM È AVVENUTO GRAZIE A UNA TRASMIGRAZIONE DI VOTI DA ELETTORI 5STELLE CHE NON SE LA SENTIVANO DI VOTARE PD - SALVINI: L’UNICO FATTORE CHE PUÒ MANTENERE IN PIEDI LA SUA LEADERSHIP È L’AUTONOMIA - DA QUI AL 2027, LA DUCETTA AVRÀ TRE GATTE DA PELARE: PREMIERATO, AUTONOMIA E GIUSTIZIA. MA IL VERO ICEBERG DELLA NAVIGAZIONE DEL GOVERNO DUCIONI SARANNO L’ECONOMIA E IL PATTO DI STABILITÀ

LA MELONI È PRONTA A SOSTENERE URSULA AL CONSIGLIO EUROPEO E PROVA A CONVINCERE ORBAN A FARE LO STESSO: È LA SUA MIGLIORE CHANCE PER CONTARE QUALCOSA – DOPO LE EUROPEE, AL G7 LA SORA GIORGIA SARÀ MESSA ALL’ANGOLO DAGLI AVVELENATI MACRON E SCHOLZ, CHE FORZERANNO SULL’USO DEGLI ASSET RUSSI PER L’UCRAINA – SOCIALISTI MALE MA NON MALISSIMO – IL CROLLO DI SCHOLZ CAUSATO DALL’ECONOMIA TEDESCA E LA STRATEGIA KAMIKAZE DI MACRON CHE HA DECISO DI PORTARE LA FRANCIA AL VOTO ANTICIPATO PER...

FLASH – COME HA PRESO GIAMPAOLO ROSSI LE DICHIARAZIONI PUBBLICHE DI ROBERTO SERGIO, CHE HA RIVELATO L’ESISTENZA DI UN “PATTO” PER DIVENTARE DIRETTORE GENERALE? MALISSIMO! L’AD IN PECTORE, IN QUOTA COLLE OPPIO, È INFURIATO PER LO STRAPPO POCO ISTITUZIONALE. MA IN RAI SONO TUTTI STRANITI PER LA SPARATA, DIRIGENTI, DIRETTORI E MEMBRI DEL CDA, A PARTIRE DALLA PRESIDENTE MARINELLA SOLDI. E AL MEF NON HANNO PRESO AFFATTO BENE IL FATTO CHE SERGIO SI SIA SOSTITUITO A LORO NEL CAMPO DELLE NOMINE – SECONDO PUNTO: QUANDO SERGIO DICE CHE SERENA BORTONE ANDAVA LICENZIATA, PERCHÉ NON L’HA FATTO? EPPURE DA AD, AVEVA L’AUTORITÀ E IL POTERE SUFFICIENTE PER MANDARE A CASA LA CONDUTTRICE “ANTIFASCISTA”