TIM VA DI SCORPORO PER PROVARE A FERMARE KKR - IL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE HA DATO MANDATO AL NUOVO AD PIETRO LABRIOLA DI “ESPLORARE POSSIBILI OPZIONI STRATEGICHE MIRATE A MASSIMIZZARE LA CREAZIONE DI VALORE”. TRADOTTO: VIA ALLA SCISSIONE TRA RETE E SERVIZI, CON LA PRIMA SOCIETÀ CHE SI PAPPERÀ SPARKLE, TELSY E LA MAGGIOR PARTE DEI DIPENDENTI (E DEL DEBITO), CON L’APPOGGIO DI CDP. NETCO SARÀ QUELLA CHE LABRIOLA CHIAMA “NEW TIM”: SERVIZI, CLOUD, TIMVISION, OLIVETTI E INWIT

-

Condividi questo articolo


Francesco Spini per “La Stampa”

 

pietro labriola pietro labriola

Avanti verso la scissione di Tim: da una parte la rete, dall'altra i servizi. Il consiglio di amministrazione, al termine di una riunione fiume di 6 ore, all'unanimità dà mandato al nuovo amministratore delegato Pietro Labriola di «esplorare possibili opzioni strategiche mirate a massimizzare la creazione di valore per gli azionisti».

 

logo telecom italia tim logo telecom italia tim

E questo, si sottolinea nella nota di Telecom, «con specifico riferimento agli asset infrastrutturali del gruppo, anche attraverso soluzioni che comportino il superamento dell'integrazione verticale». Un linguaggio tecnico che sottintende la separazione della rete dai servizi. Ed è questo il punto centrale delle linee guida del piano che Labriola, alla prima riunione dopo la sua nomina come ad, presenta al consiglio in vista dell'approvazione definitiva del 2 marzo.

 

kkr kkr

Una strategia che Labriola sviluppa su due filoni. Da un lato il manager di fronte a un consiglio che lo tempesta di domande evidenzia come «sia necessario intraprendere un percorso di trasformazione delle offerte e dei servizi alle persone e alle famiglie e sviluppare i servizi alle imprese» nell'ambito del cloud (la nuvola informatica), l'Internet delle cose, la cybersicurezza «facendo leva sulle competenze e sul diffuso patrimonio tecnologico del gruppo».

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

E pure sul «controllo dei costi e dei risultati operativi». Dall'altro il manager pone l'accento sull'«importanza di assicurare all'infrastruttura di rete una prospettiva industriale di crescita, che si stabile e duratura nell'interesse di tutti gli stakeholder».

 

tim cambia logo tim cambia logo

La strada appare dunque tracciata verso le due Telecom. La NetCo con la rete, Sparkle e Telsy. E la ServiceCo - nei fatti quella che Labriola chiama la «New Tim», la nuova Telecom - con i servizi, il cloud, TimVision, Olivetti, le quotate Inwit, Tim Brasil.

 

Sarà la società di rete a caricarsi il maggior numero di dipendenti (si dice fino a 30 mila dei 43 mila totali in Italia) e del debito, visto che con un ebitda stimabile nei pressi di 4 miliardi può sostenerne ben oltre la metà. Un piano che nasce con l'appoggio dei due principali azionisti. Della Cdp (9,81%), che è interessata allo sviluppo dell'infrastruttura da mettere a fattor comune con Open Fiber (di cui ha il 60%) per creare la rete unica.

henry kravis henry kravis

 

E di Vivendi (23,75%), concentrata sul futuro dei servizi e nel valorizzare il proprio investimento. Una concordia tra soci destinata a durare almeno finché non si parlerà delle valutazioni delle due entità in fieri. Il primo effetto del piano a cui lavora Labriola sarà quello di rendere assai complicata la possibile Opa a 50,5 centesimi (contro i 41 centesimi a cui Tim scambia in Borsa) del fondo americano Kkr, che in mente ha un progetto di separazione del tutto analogo a quello esaminato ieri dalla società.

 

PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA

 La risposta del cda alla manifestazione di interesse, però, tarda ad arrivare. Il comitato ad hoc, spiegano da Tim, «sta continuando il lavoro» con gli advisor anche per comprare l'interesse del fondo «con le prospettive del gruppo e con le alternative strategiche destinate ad esser considerate nel quadro del piano». -

TIMVISION 2 TIMVISION 2 Pietro Labriola DI TIM Pietro Labriola DI TIM henry kravis 1 henry kravis 1 luigi gubitosi luigi gubitosi PIETRO LABRIOLA PIETRO LABRIOLA sparkle sparkle

 

Condividi questo articolo

media e tv

I SOLONI DEL LIBRO – “HO DETTO NO”, RULA JEBREAL SCAPPA DALL’INVIATA DI GILETTI: “'NON E’ L’ARENA' E’ DISINFORMAZIONE” - DA RECALCATI ALLE POESIE DA SPIAGGIA DI JOVA, LA SINISTRA DI FESTIVAL E DI POTERE HA FATTO PERCORSO NETTO AL SALONE DI TORINO – BARBERO E CHAMPAGNE: “LA GUERRA NON E’ UNA NOVITA’, E’ SEMPRE SUCCESSA” - COSE DI CUI NON CI FREGA UN BEATO LINGOTTO: COME ALESSANDRO GASSMANN È DIVENTATO GREEN. IL SEQUEL DI “FAI BEI SOGNI” DI MASSIMO GRAMELLINI. I BAGNI “NO GENDER” DI CATHY LA TORRE. CHE AL SALONE SI FA FATICA A TROVARE LIBERI QUELLI NORMALI…

politica

business

cronache

sport

“CARESSA A TE NON RISPONDO, PERCHÉ SEI IL PRIMO CHE CI HAI FATTO UN'INFAMATA PARLANDO DELLA CESSIONE DELLA SOCIETÀ” – IL PRESIDENTE DEL CAGLIARI GIULINI IN VERSIONE MARIO BREGA AL “CLUB DI SKY” - LA REPLICA DI CARESSA: “HO RIPORTATO UNA NOTIZIA, NON E’ UN’INFAMATA, E’ INFORMAZIONE. TRE CAMBI DI ALLENATORE SONO STATI UTILI O SONO STATE UNA CAUSA DELLA RETROCESSIONE? – GIULINI NON REPLICA. E IL GIORNALISTA CHIOSA: “ORA E’ COLPA DI SKY SE SIETE RETROCESSI…” - VIDEO STRACULT

cafonal

viaggi

salute