NELLA VITA NON CI VUOLE SEMPRE FEGATO - RE CARLO HA BANDITO DALLA TAVOLA REALE IL FOIE GRAS: IL SOVRANO GIÀ DA DIECI ANNI AVEVA RINUNCIATO A MANGIARE IL FEGATO D'OCA, MA ORA RISPONDENDO ALLE SOLLECITAZIONI DEI MILITANTI ANIMALISTI LO HA BANDITO CON ATTO SOVRANO DAL MENÙ DI TUTTE LE DIMORE REALI – IN GRAN BRETAGNA NE È VIETATA LA PRODUZIONE, MA NON LA VENDITA E…

-

Condividi questo articolo


Maria Vittoria Prest per www.blitzquotidiano.it

 

re carlo re carlo

Re Carlo ha bandito dalla tavola reale il foie gras, il controverso paté descritto dagli animalisti come una “tortura in scatola” perché prevede l’alimentazione forzata di anatre od oche fino a far loro scoppiare il fegato.

Da sempre detrattore delle prelibatezze francesi, il re ha rimosso quel cibo dalle sue residenze quando ancora era Principe del Galles già nel 2008, quando diede istruzioni ai cuochi di Clarence House di non utilizzarlo.

 

Un portavoce della Peta, People for the Ethical Treatment of Animals, un’organizzazione no-profit a sostegno dei diritti animali, ha plaudito all’iniziativa rRalee. E dice di aspettarsi che la politica compassionevole di Sua Maestà si estenda a Buckingham Palace e a tutte le altre residenze reali.

Foie gras 3 Foie gras 3

Peta descrive il foie gras come “un prodotto ripugnante per il quale anatre ed oche vengono nutrite a forza fino a quando i loro fegati si gonfiano fino a 10 volte la loro dimensione naturale prima di essere macellate”.

 

Peta, inoltre, si sta battendo e spera che il Re decida di abbandonare le vesti di pelliccia di ermellino per la sua incoronazione l’anno prossimo ed opti per pellicce sintetiche, nel rispetto degli animali.

Sull’iniziativa del foie gras è intervenuto anche il deputato Sammy Wilson, che ha twittato: “Una vera leadership da parte del Re. La vendita e l’importazione di foie gras dovrebbero essere vietate nel Regno Unito. È ora che il Parlamento agisca”.

 

foie gras foie gras

Anche l’Animal Welfare Party ha parlato di progresso per i diritti degli animali, augurandosi che la vendita e l’importazione del foie gras nel Regno Unito siano vietate.

La Francia è di gran lunga il maggior produttore e consumatore di questa specialità, mentre nel Regno Unito il foie gras non può essere prodotto.

Con la Brexit in molti si aspettavano iniziative rispetto al divieto di importazione ma la questione era stata accantonata.

re carlo re carlo foie gras foie gras foie gras foie gras Foie gras 2 Foie gras 2

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

CHI CI CAPISCE QUALCOSA È BRAVO – IL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA, CARLO NORDIO, SCAGIONA IL “SUO” SOTTOSEGRETARIO, ANDREA DELMASTRO, SUI DOCUMENTI RIVELATI A “MINNIE” DONZELLI: “SULLA NOTA ERA PRESENTE LA DICITURA ‘LIMITATA DIVULGAZIONE’, CHE ESULA DAL SEGRETO DI STATO”. MA IL DAP IERI HA PRECISATO CHE NON POTESSERO ESSERE “CEDIBILI A TERZI” – COMUNQUE, ANCHE SE DELMASTRO POTEVA DIFFONDERE QUELLE INTERCETTAZIONI, DI SICURO DONZELLI NON POTEVA SPIATTELLARLE IN DIRETTA TV.  MA A DECIDERE SE I DUE COINQUILINI SIANO SALVI, SARÀ LA PROCURA DI ROMA…

business

DIFFIDATE SEMPRE DA QUELLI CHE SEMBRANO TROPPO BUONI – CON UNA LUNGA INCHIESTA, “BLOOMBERG BUSINESSWEEK” SPUTTANA “CORE”, LA ONG FONDATA DA SEAN PENN, ACCUSATA DI INEFFICIENZE E GESTIONE SGANGHERATA DEI FONDI – NON SI SA CHE FINE ABBIANO FATTO 1,6 MILIONI DI DOLLARI RACCOLTI LO SCORSO ANNO, DURANTE UNA SERATA A MIAMI, E DESTINATI ALL'EMERGENZA COVID IN BRASILE – I VERTICI DELL'ORGANIZZAZIONE NO PROFIT AVREBBERO ANCHE IGNORATO E INSABBIATO UN CASO DI MOLESTIA SESSUALE 

cronache

sport

cafonal

CAFONALINO CAN CAN! – FRANCESCA PAPPALARDO, L’ESTETISTA CHE SI FA CHIAMARE “LOOKMAKER”, FESTEGGIA I SUOI 40 ANNI CON UNA SERATA A TEMA “MOULIN ROUGE ALLA VACCINARA” – TRA L’OTTANTINA DI AMICHE, CLIENTI E SVIPPATI PRESENTI SUL ROOFTOP DELL’HOTEL VALADIER, AVVISTATI CLIZIA INCORVAIA E UN PAOLO CIAVARRO INQUARTATO, UNA SOLITARIA MANILA NAZZARO, GIACOMO URTIS CON FLUENTE CHIOMA BIONDA E PETTORALI TETTONICI IN BELLA VISTA – OSPITE D’ONORE VALERIONA MARINI, CHE METTE A DURA PROVA LE CUCITURE DEL VESTITINO DI CRISTALLI E PAILLETTES – FOTO BY DI BACCO

viaggi

salute

L'EPIDEMIA DI VAIOLO DELLE SCIMMIE IN EUROPA SI STA SPEGNENDO: SOLO 23 NUOVI CONTAGI - SU SCALA GLOBALE, INVECE, L'OMS HA RILEVATO UN AUMENTO DEI CONTAGI. NELLA SETTIMANA TRA IL 23 E IL 29 GENNAIO SONO STATI REGISTRATI NEL MONDO 403 NUOVI CASI, IL 37,1% IN PIÙ RISPETTO ALLA SETTIMANA PRECEDENTE, DISTRIBUITI IN 20 PAESI NEL MONDO. IL MAGGIOR NUMERO DI CONTAGI È STATO REGISTRATO IN MESSICO (72 NUOVI CASI), REPUBBLICA DEMOCRATICA DEL CONGO (69), USA (42), BRASILE (40), GUATEMALA (34)…