NELLA VITA NON CI VUOLE SEMPRE FEGATO - RE CARLO HA BANDITO DALLA TAVOLA REALE IL FOIE GRAS: IL SOVRANO GIÀ DA DIECI ANNI AVEVA RINUNCIATO A MANGIARE IL FEGATO D'OCA, MA ORA RISPONDENDO ALLE SOLLECITAZIONI DEI MILITANTI ANIMALISTI LO HA BANDITO CON ATTO SOVRANO DAL MENÙ DI TUTTE LE DIMORE REALI – IN GRAN BRETAGNA NE È VIETATA LA PRODUZIONE, MA NON LA VENDITA E…

-

Condividi questo articolo


Maria Vittoria Prest per www.blitzquotidiano.it

 

re carlo re carlo

Re Carlo ha bandito dalla tavola reale il foie gras, il controverso paté descritto dagli animalisti come una “tortura in scatola” perché prevede l’alimentazione forzata di anatre od oche fino a far loro scoppiare il fegato.

Da sempre detrattore delle prelibatezze francesi, il re ha rimosso quel cibo dalle sue residenze quando ancora era Principe del Galles già nel 2008, quando diede istruzioni ai cuochi di Clarence House di non utilizzarlo.

 

Un portavoce della Peta, People for the Ethical Treatment of Animals, un’organizzazione no-profit a sostegno dei diritti animali, ha plaudito all’iniziativa rRalee. E dice di aspettarsi che la politica compassionevole di Sua Maestà si estenda a Buckingham Palace e a tutte le altre residenze reali.

Foie gras 3 Foie gras 3

Peta descrive il foie gras come “un prodotto ripugnante per il quale anatre ed oche vengono nutrite a forza fino a quando i loro fegati si gonfiano fino a 10 volte la loro dimensione naturale prima di essere macellate”.

 

Peta, inoltre, si sta battendo e spera che il Re decida di abbandonare le vesti di pelliccia di ermellino per la sua incoronazione l’anno prossimo ed opti per pellicce sintetiche, nel rispetto degli animali.

Sull’iniziativa del foie gras è intervenuto anche il deputato Sammy Wilson, che ha twittato: “Una vera leadership da parte del Re. La vendita e l’importazione di foie gras dovrebbero essere vietate nel Regno Unito. È ora che il Parlamento agisca”.

 

foie gras foie gras

Anche l’Animal Welfare Party ha parlato di progresso per i diritti degli animali, augurandosi che la vendita e l’importazione del foie gras nel Regno Unito siano vietate.

La Francia è di gran lunga il maggior produttore e consumatore di questa specialità, mentre nel Regno Unito il foie gras non può essere prodotto.

Con la Brexit in molti si aspettavano iniziative rispetto al divieto di importazione ma la questione era stata accantonata.

re carlo re carlo foie gras foie gras foie gras foie gras Foie gras 2 Foie gras 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – GRANDE È LA CONFUSIONE SOTTO IL CIELO DI BRUXELLES: O IL QUINTETTO AL COMANDO, FORMATO DA MACRON, SCHOLZ, TUSK, SANCHEZ E MITSOTAKIS, TROVA UN ACCORDO IL 28 GIUGNO O SALTA TUTTO - IL BALLO DI SAN VITO SI GIOCA SUL NOME DI URSULA VON DER LEYEN. INVISA A UNA PARTE DEL PPE, CORRE IL RISCHIO DI ESSERE AFFONDATA DAL VOTO SEGRETO DEL PARLAMENTO - URGE AGGIUNGERE UN POSTO A TAVOLA. E QUI IL PPE SI SPACCA: ALLA CORRENTE DI WEBER, CHE VORREBBE IMBARCARE IL GRUPPO ECR GUIDATO DALLA REGINA DI COATTONIA, SI CONTRAPPONE LA CORRENTE DI TUSK. IL LEADER POLACCO CONTA IL MAGGIOR NUMERO DI PARLAMENTARI NEL PPE E ACCETTEREBBE SOLO I FRATELLI D’ITALIA. E PER MAGGIOR TRANQUILLITÀ, ANCHE I VOTI DEI VERDI, MA GIORGIONA NON CI STA - IL GUAZZABUGLIO SI INGROSSERÀ DOMANI, LUNEDÌ, CON L’INCONTRO DI UN IMBUFALITO ORBAN CON LA DUCETTA, REA DI AVER ARRUOLATO I RUMENI ANTI UNGHERESI DI AUR, E PRONTO A SALIRE SUL CARRO DI MARINE LE PEN - ALLA EVITA PERON DELLA GARBATELLA, CHE RISCHIA L’IRRILEVANZA POLITICA NELL’UNIONE EUROPEA, NON RESTA ALTRO CHE FAR SALTARE IL BANCO DEL 28 GIUGNO…

 

FLASH! - VIKTOR ORBÁN ASSUMERÀ IL 1° LUGLIO LA PRESIDENZA DI TURNO AL CONSIGLIO EUROPEO MA HA GIÀ FATTO INCAZZARE MEZZO CONTINENTE: IL MOTTO SCELTO DAL PREMIER UNGHERESE È MEGA (‘’MAKE EUROPE GREAT AGAIN’’). UN'EVIDENTE RIFERIMENTO AL MANTRA MAGA (‘’MAKE AMERICA GREAT AGAIN’’) CHE DA ANNI MARCHIA LE CAMPAGNE ELETTORALI DI DONALD TRUMP – NON BASTA: SFANCULATA LA DUCETTA PRO-KIEV, IL FILO PUTINIANO ORBAN MINACCIA DI ENTRARE NEL GRUPPO DI LE PEN-SALVINI – ASPETTANDO IL CAOS-ORBAN A PARTIRE DA LUGLIO, MACRON-SCHOLZ-TUSK VOGLIONO CHIUDERE LE NOMINE DELLA COMMISSIONE EU ENTRO IL 28 GIUGNO…

DAGOREPORT – COM’È STATO POSSIBILE IDENTIFICARE UNO DEI DUE UOMINI DEI SERVIZI CHE LA SERA DEL 30 NOVEMBRE 2023, UN MESE DOPO LA ROTTURA TRA MELONI E GIAMBRUNO, TENTAVA DI PIAZZARE “CIMICI” NELLA PORSCHE DEL VISPO ANDREA, PARCHEGGIATA DAVANTI CASA DELLA DUCETTA? - LA POLIZIOTTA, DI GUARDIA ALLA CASA DI GIORGIA, HA CHIESTO LORO DI IDENTIFICARSI, E VISTO I DISTINTIVI DEGLI 007 COL SIMBOLO DI PALAZZO CHIGI, HA ANNOTATO NOMI E COGNOMI - PER GLI ADDETTI AI LIVORI, UN “CONFLITTO” INTERNO AI SERVIZI HA FATTO ESPLODERE IL FATTACCIO: UNA PARTE DELL’AISI NON HA GRADITO L’OPERAZIONE “DEVIATA” (LO SCOOP DEL "DOMANI" ARRIVA 20 GIORNI DOPO LA NOMINA DI BRUNO VALENSISE AL VERTICE DELL’AISI)