1- ECCO UNA SIMPATICA FOTO DI RUBY NEL PIENO ESERCIZIO DI CUBISTA MINORENNE - 2- LA QUESTURA DI MILANO NON SMENTISCE LA TELEFONATA DI PRESSIONE DA PARTE DI PALAZZO CHIGI. UNA CHIAMATA CHE LO STESSO PREMIER NON NEGA, ANCHE SENZA FARE NOMI - 3- LA MINORENNE MAROCCHINA AVREBBE ACCUSATO BERLUSCONI: “MI HA DATO 30 MILA EURO”

Condividi questo articolo


BerlusconiBerlusconi BUNGA

1- LA QUESTURA DI MILANO NON SMENTISCE LA TELEFONATA DI PRESSIONE DA PARTE DI PALAZZO CHIGI. UNA CHIAMATA CHE LO STESSO PREMIER NON NEGA, ANCHE SENZA FARE NOMI
Repubblica.it

berlusconiberlusconi - marocchina

E dopo una giornata di polemiche, interviene la Questura di Milano, che fa sapere informalmente: la minorenne straniera Ruby è stata sottoposta a tutti i controlli previsti dalla legge, d\'intesa con il Tribunale dei Minori. La Questura quindi non smentisce la telefonata di pressione da parte di Palazzo Chigi. Su questo atto, sono in corso gli accertamenti della Procura di Milano.

Una telefonata che lo stesso premier non nega, anche senza fare nomi. \"Premesso che io sono abituato ad aiutare chi ha bisogno, parlo della spazzatura vera, non di quella mediatica\". Così Berlusconi ha risposto ad Acerra a una domanda sulla presenza di minorenni nella sua villa e sull\'esistenza di un\'inchiesta per sfruttamento della prostituzione, in cui risultano indagati Emilio Fede, Lele Mora e la consigliera regionale del Pdl Nicole Minetti, come rivelato oggi da Repubblica 1 e da altri quotidiani.

BerlusconiBerlusconi FedeRubyRuby minorenne marocchina Berlusconi - Nonleggerlo

\"Sono una persona di cuore e mi muovo sempre per aiutare chi ne ha bisogno\" ha detto.

\"Visto che casino mi hanno fatto? Sul nulla...\". In serata il premier, dopo la photo opportunity con capi di stato e di governo prima del Consiglio europeo a Bruxelles, avvicina cameramen e fotografi e, sorridendo, torna sul \'caso Ruby\'. Il \"fuorionda\" è stato poi trasmesso da \'La 7\'.

Non sembra quindi in discussione il legame (\"di amicizia e basta\" dice Ruby) fra il premier e la giovane marocchina, che ha alle spalle un\'adolescenza di fughe, impieghi in locali notturni e rientri a casa, a Letojanni, in Sicilia, dove ancora vive la sua famiglia. Lo stesso Emilio Fede ha detto di averla incontrata a casa 2del Cavaliere.

moramora berlusconi berlusconiberlusconi t asp jpeg

Le reazioni.
Anche il segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, durante una conferenza stampa sulla proposta dei democratici di riforma fiscale, ha fatto cenno alla vicenda della minorenneche ha coinvolto il premier Silvio Berlusconi: \"Basta con le questioni esoteriche del lodo Alfano e altre questioni, che non voglio titolare, che portano al centro le singolari abitudini del presidente del Consiglio. Basta. Andate a casa. Qualcuno stacchi la spina perché il Paese ha problemi seri\".

In una nota il portavoce del Pdl, Daniele Capezzone, aggiunge \"ormai è chiaro a tutti che c\'è un obiettivo preciso di alcuni ambienti: tenere in costante fibrillazione il governo Berlusconi e la maggioranza, impedire che ci sia anche una sola settimana di lavoro sereno. A questo scopo, tutto fa brodo: gossip, campagne scandalistiche, aggressioni mediatiche, lanci di fango\".

Per questo, conclude Capezzone, \"esprimo al premier, a Emilio Fede, alle altre persone impropriamente coinvolte, la mia vicinanza. E\' inaccettabile che, ancora una volta, nomi e cognomi siano sbattuti sui giornali, secondo una \'logica\' che è ormai fin troppo chiara\".

RubyRuby Rubacuori su Facebook

E vergogna è anche quanto ha espresso il sottosegretario alla Giustizia, Maria Elisabetta Alberti Casellati: \"E\' vergognoso che l\'opposizione cavalchi l\'ennesimo attacco scandalistico nei confronti del premier invece di concentrare l\'attenzione sui problemi concreti degli italiani\".

Che il premier riferisca al parlamento è il pensiero anche del capogruppo del Pd alla Camera Dario Franceschini: \"Berlusconi venga a riferire in Parlamento: che ruolo c\'è stato, se questa cosa è vera\", ha detto. \"C\'è un aspetto che riguarda il ruolo istituzionale del presidente del Consiglio, ed è la telefonata da palazzo Chigi al questore per chiedere di rilasciare la ragazza - ha conlcuso il capogruppo del Pd -. E\' un aspetto surreale, che ha una stretta rilevanza\".

3- LA MINORENNE MAROCCHINA ACCUSA BERLUSCONI: \"MI HA DATO 30 MILA EURO\"
Gianni Barbacetto e Antonella Mascali per Il Fatto.it

\"Ho ricevuto 30 mila euro da Silvio Berlusconi\". Così racconta Ruby, la ragazza minorenne di origine marocchina che fa tremare il presidente del Consiglio. Una millanteria? Una calunnia? La \"sparata\" di una ragazzina che è entrata in un gioco più grande di lei? La Procura di Milano sta vagliando con grande attenzione le sue dichiarazioni, in molti punti contraddittorie. Feste notturne alla villa di Arcore. Frequentazioni di personaggi i cui nomi stanno di solito nelle cronache della politica.

RUBYRUBY

Questa storia comincia in Sicilia. È lì che vive la famiglia di Ruby. È da lì che Ruby scappa. Carattere irruente, la ragazza va al nord. Cerca fortuna. Insegue, come tante coetanee, il successo. È vivace, bellissima. A Milano trova Lele Mora e la sua tribù. Conosce alcune \"stelline\" della sua scuderia. Barbara Faggioli, Lisandra Silva, Maristell Garcia Polanco... Serate in discoteca, feste: la vita dorata della movida milanese. Incontri, chiacchiere al tavolino di un lounge bar. E la speranza di avere un posticino in qualche show televisivo.

RUBYRUBY

Una sera scoppia l\'incidente: un feroce litigio con la sua compagna d\'appartamento, una ragazza brasiliana. La pattuglia che arriva a sedare la rissa trova Ruby non soltanto sconvolta, ma anche senza documenti. È minorenne. Scatta la segnalazione immediata al Servizio di Pronto intervento Minori del Comune di Milano. Viene subito portata in una comunità protetta gestita da religiose.

Ma Ruby scalpita. Protesta. S\'infuria. Non è venuta a Milano per stare rinchiusa. Scappa. La polizia la ritrova. Finisce in una casa-famiglia di Genova. Il tribunale dei minori controlla i suoi precedenti e scopre che la irrequieta Ruby era già stata segnalata, in passato, ai servizi sociali siciliani. I giudici dunque passano la mano, per competenza, ai colleghi dell\'isola.

Ma intanto Ruby racconta e telefona: parla della sua vita notturna milanese, delle sue relazioni, dei vip dello spettacolo che ha conosciuto e di quelli della politica che ha incontrato. Gli assistenti sociali sono tenuti a raccontare ogni cosa nelle loro relazioni al tribunale dei minori. Ma anche al tribunale ordinario, perché alcune delle storie che Ruby racconta sono pesanti. Parlano di relazioni sessuali, di soldi che girano.

La vicenda arriva in procura a Milano, sulla scrivania del magistrato delle faccende scabrose: Pietro Forno, procuratore aggiunto coordinatore del dipartimento sui reati sessuali. Anche lui ascolta la ragazza, più volte. Ruby è incontenibile. Incostante. Afferma e smentisce. Attacca e ripiega. Ribadisce e si contraddice.

RUBYRUBYRUBYRUBY

Forno è uomo prudente, come il suo capo, il procuratore della Repubblica Edmondo Bruti Liberati. Sentono i nomi che la ragazza pronuncia. Ascoltano i suoi racconti. Rilevano le sue contraddizioni. Capiscono che è necessario verificare ogni parola, ogni circostanza. A che gioco sta giocando, Ruby? Vuole darsi importanza, vuole lanciare messaggi, vuole fare ricatti? Cerca notorietà o soldi?

Anche il sostituto procuratore a cui viene affidata la vicenda, Antonio Sangermano, procede con i piedi di piombo. \"Sono stata ad Arcore\", confida Ruby a un assistente sociale. \"Ho incontrato il presidente del Consiglio. Ho ricevuto 30 mila euro da Silvio Berlusconi. In contanti, dentro una busta\".

Si muove Lele Mora, l\'uomo che va a trovare Silvio sempre accompagnato da belle ragazze della sua scuderia. Tenta di tirare fuori dai guai Ruby, e forse non solo lei, provando a farla uscire dalla casa-famiglia dove è ospite. La pedina per riuscirci è sua figlia, Diana Mora. È lei a chiedere che le sia data in affido. Il professionista che l\'assiste è l\'avvocato Luca Giuliante, tesoriere milanese del Pdl nonché legale di Lele Mora e del presidente della Regione Lombardia Roberto Formigoni.

L\'avvocato ha un rapporto consolidato con Paolo Berlusconi, che gli fu presentato da Antonio D\'Adamo ai tempi di Mani pulite, quando il giovane Giuliante, praticante nello studio del difensore di D\'Adamo, si trasformò in testimone, andando a rendere dichiarazioni contro Antonio Di Pietro alla procura di Brescia. Vecchie storie. Quelle nuove, come il tentativo d\'affido di Ruby alla figlia di Lele Mora, non vanno in porto.

RUBYRUBYRUBYRUBY E FERILLI

Anche perché gli assistenti sociali spiegano che per l\'affido ci vuole il consenso della famiglia naturale, della madre che sta in Sicilia e che non ha alcuna intenzione di separarsi dalla figlia. La procura di Milano è colta in contropiede dalle notizie sulla vicenda che finiscono sulla stampa. Il procuratore prima nega tutto: \"Noi non ci occupiamo di pettegolezzi\", dichiara martedì. Il giorno dopo, cioè ieri, convoca una riunione a cui partecipano l\'aggiunto Forno, il pm Sangermano e alcuni investigatori della polizia giudiziaria.

Per l\'occasione, una misura che non si vedeva dai tempi di Tangentopoli: il corridoio davanti agli uffici di Bruti Liberati diventano off limits per la stampa, con i carabinieri a tenere sgombra la zona. Il procuratore annuncia che per diversi giorni l\'ufficio non rilascerà dichiarazioni sulla vicenda. Dopo tre ore, i magistrati escono, raccomandando massima prudenza: \"Cautela, cautela\", ripetono.

RUBYRUBY VideogiocoVideogioco Unga Bunga

A Roma, intanto, la tensione aumenta. Berlusconi è ormai distratto, comincia a essere più preoccupato per le notizie che arrivano da Milano che dalle questioni della politica, dai conflitti con Gianfranco Fini, dalla sorte del suo lodo salvavita. I suoi avvocati-parlamentari, Piero Longo e Niccolò Ghedini, prendono carta e penna e scrivono una smentita che è in realtà la conferma che il problema esiste: \"Le notizie apparse anche quest\'oggi sul Fatto Quotidiano e su alcuni giornali in relazione ad asserite dichiarazioni rese da tale Ruby in merito a episodi che sarebbero accaduti presso l\'abitazione del presidente Berlusconi, sono assolutamente infondate.

TheThe Mummies Death by Unga Bunga

La stessa procura di Milano si è già puntualmente espressa sull\'inesistenza di indagini in tal senso. Del resto, da approfondimenti svolti si è potuto acclarare con numerosissimi riscontri testimoniali la radicale e totale infondatezza delle illazioni giornalistiche avanzate. È ovvio che saranno esperite tutte le azioni giudiziarie del caso\". Dunque gli avvocati di Berlusconi erano già a conoscenza del problema-Ruby, tanto da aver già svolto indagini difensive. L\'inchiesta prosegue.

FlavorFlavor Flav Unga Bunga Bunga

 

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

“CALENDA MI SEMBRA UN BIPOLARE CON DISTURBO DI PERSONALITÀ. È ‘BULLO DA SOLO’” - DAGO FA LA MESSA IN PIEGA AI POLITICI: “LETTA HA TANTI DIFETTI: NON HA CAPITO CHE BISOGNA PARLARE PER SLOGAN - RENZI HA IL CARATTERE DI UN PROVINCIALE FRUSTRATO, CHE VORREBBE FARSI ACCETTARE, NON CI RIESCE E FA LO SPACCONE - CONTE? NON SI È RESO CONTO CHE GRILLO GLI STA RESETTANDO IL M5S E ASPETTA CHE PASSI IL SUO CADAVERE - SALVINI E BERLUSCONI? NESSUNO DETESTA GIORGIA MELONI COME LORO. QUESTI NON HANNO CAPITO CHE L’ITALIA È UN PAESE A SOVRANITÀ LIMITATA. TUTTO SI DECIDE A BRUXELLES O A WASHINGTON. SE LAGARDE SMETTE DI COMPRARE BOT ITALIANI, FINIAMO CON IL SEDERE PER TERRA - LE ELEZIONI ITALIANE SARANNO OSSERVATE DALL’INTELLIGENCE DI TUTTO IL MONDO"

AGENTI DELL'FBI HANNO FATTO VISITA NELLA RESIDENZA DI TRUMP IN FLORIDA GIA’ LO SCORSO APRILE. SECONDO LA “CNN” IN QUELL'OCCASIONE INCONTRARONO DUE AVVOCATI DEL TYCOON –L’ARCINEMICA NANCY PELOSI GONGOLA VELENOSA: “NESSUNO È AL DI SOPRA DELLA LEGGE, NEANCHE UN EX PRESIDENTE” – IL FIGLIO ERIC: “SONO STATO IO AD AVVERTIRE MIO PADRE SUL RAID. ERANO UNA TRENTINA, FORSE DI PIÙ. NON VOGLIONO CHE MIO PADRE VINCA ANCORA NEL 2024” – A QUESTO PUNTO THE DONALD RISCHIA DI NON POTERSI RICANDIDARE PERCHE’…

DI BATTISTA SCOPRE LE CARTE: “NON MI CANDIDO PERCHÉ TANTI NON MI VOGLIONO, DA GRILLO A FICO - CONTE E' STATO IL PIU' CORRETTO E ONESTO CON ME - POLITICAMENTE OGGI NON MI FIDO DI BEPPE GRILLO CHE FA DA PADRE PADRONE E IO SOTTO DI LUI NON CI STO - MI HANNO IMPEDITO DI FARE IL CAPO POLITICO DEL M5S EVITANDO DI VOTARE, QUANDO NON HANNO NEPPURE VOLUTO PUBBLICARE I VOTI DEGLI STATI GENERALI PERCHÉ IO AVEVO PRESO IL TRIPLO DEI VOTI DI DI MAIO - C'E' CHI SI INFILA IN SEDE PD PER ELEMOSINARE UN SEGGIO, NON SONO COME LORO - CREERÒ UN’ASSOCIAZIONE PER FARE POLITICA DA FUORI…” - IL VIDEO SFOGO DI DI BATTISTA

E’ STATA LA MANO DI GRILLO - LEGGENDO L’INTERVISTA DI CASALINO AL “CORRIERE” SI IMMAGINA CHE LA SUA MANCATA CANDIDATURA SIA FRUTTO DI UN GESTO DI RESPONSABILITÀ: “HO CAPITO CHE LA MIA PRESENZA IN LISTA AVREBBE SCATENATO POLEMICHE E L'ULTIMA COSA CHE VOGLIO È ARRECARE UN DANNO AL MOVIMENTO O A CONTE” - IN REALTÀ LO STOP A CASALINO, CHE DA ANNI SOGNA DI POGGIARE LE SUE NATICHE SULLO SCRANNO DI SENATORE, È ARRIVATO DA BEPPE GRILLO, CHE SI E’ VENDICATO CON CONTE PER IL TRATTAMENTO RISERVATO ALLA SUA COCCA VIRGINIA RAGGI - IL VIDEO CON IL "CHE GUEVARA DI ROMA NORD" SPIEGA LA MANCATA CANDIDATURA