BARBARA B., FIGLIA PREDILETTA DI VERONICA, MASSACRA PAPI-SILVIO - IO NON HO MAI FREQUENTATO ANZIANI - FRANCESCHINI? NON CE L’AVEVA CON NOI - “NON CREDO CHE UN POLITICO POSSA DISTINGUERE TRA VITA PUBBLICA E VITA PRIVATA” - L'AVVERTIMENTO: “LOTTE PER L’EREDITÀ? NON CI SARANNO, SE MIO PADRE SARÀ GIUSTO”

Condividi questo articolo


BERLUSCONI FAMILYBERLUSCONI FAMILY

A 5 anni di distanza dalla famosa copertina delle «Berluschine» Barbara e Eleonora, esce su Vanity Fair una nuova copertina - in edicola da 5 agosto - dedicata a Barbara Berlusconi, e di cose ne sono successe: é nato il suo secondo figlio Edoardo (13 luglio), ha compiuto 25 anni (30 luglio), i suoi genitori, Veronica e Silvio, stanno divorziando, le indiscrezioni sul privato di suo padre riempiono le pagine dei giornali. A Villa Belvedere Visconti di Modrone di Macherio, dove abita con il compagno Giorgio Valaguzza, Barbara posa per la prima volta con Edoardo e, tra una poppata e l'altra, racconta a Vanity Fair la sua vita da madre e come sta vivendo questo periodo delicato della sua famiglia.
 
Perché l'ha chiamato Edoardo?
«Si è ripetuta la stessa situazione di quando è nato Alessandro (il primogenito, di 21 mesi, ndr). Anche questa volta mio padre mi ha chiesto: "Edoardo, che cosa mi rappresenta?". Poi mi ha suggerito Silvio, Luigi, Paolo. Diciamo che ho di nuovo preferito interrompere la tradizione di famiglia».

L'estate scorsa Alessandro è stato fotografato con nonno Silvio e nonna Veronica. Quasi il simbolo di una ritrovata unità.
«È vero: la nascita di Alessandro aveva portato grande armonia, e i miei genitori si erano ritrovati intorno al nipotino. È stato un momento bello per tutti. Papà tornava a casa più spesso, era un'occasione di contatto in più».

portofino03 berlusconi family fuori ristorante lapportofino03 berlusconi family fuori ristorante lap

Non sposa Giorgio Valaguzza, il padre dei suoi figli?
«In questo momento siamo una coppia felice che non avverte l'esigenza del matrimonio. Del resto, nessuno mi ha mai chiesta in moglie. E non sto lanciando un messaggio».

Dove vi siete conosciuti?
«Otto anni fa, a Porto Rotondo. Colpo di fulmine, ma solo per me. Lui non ne voleva sapere: avevo 16 anni e lui 22, a quell'età le differenze si fanno sentire. Poi, immaginate un ragazzo che esce con una che ha la scorta al seguito. Forse il fatto che Giorgio in tanti anni abbia saputo dirmi parecchi no mi ha convinto che è l'uomo sincero e diretto che ho sempre cercato».

Alti e bassi?
«Certo. C'è stato tutto, parecchi scivoloni, quello che accade in una normale coppia giovanissima».

Uno di quegli scivoloni ha fatto parlare. I paparazzi la sorpresero fuori da un locale notturno a Milano. Le foto vennero pubblicate in parte dal settimanale Chi, poi da Novella 2000.
«Sono gelosa anch'io, e mi è capitato di dover fare buon viso a cattivo gioco. Solo che, se succede a me, è tutto amplificato. In quelle foto non c'era nulla, neanche un bacio. Ho sbagliato io a dargli peso. E il caso è montato. A dirla tutta, in passato ci sono state cose più serie: io e Giorgio ci siamo anche lasciati. Ma continuavo a cercare in altri quello che avevo visto in lui. La verità è che, dopo otto anni, sono ancora innamorata. Lui mi sa capire e mi dà equilibrio».

Uno dei tormentoni che riguardano voi Berlusconi è la presunta lotta tra figli per il patrimonio. Che cosa c'è di vero?
«A oggi non c'è nessuna lotta. E, se mio padre è uomo giusto ed equo, non ce ne saranno nemmeno in futuro».

ELEONORA BARBARA BERLUSCONIELEONORA BARBARA BERLUSCONI

«Fareste educare i vostri figli da un uomo come Silvio Berlusconi»: dica la verità, le parole del segretario del Pd Franceschini l'hanno offesa?
«Non credo che Franceschini ce l'avesse con noi, figli di Berlusconi. Non è un episodio che ritengo grave o insultante. Credo parlasse di identità culturali diverse. Certo, era un attacco personale e non solo politico a Silvio Berlusconi, perché gli negava la capacità di essere padre. Ci potevano essere margini di ambiguità, le parole di Franceschini erano facilmente travisabili.

Per questo mi sono limitata a puntualizzare quello di cui sono fermamente convinta: l'educazione e i valori che mi sono stati trasmessi dalla famiglia, e anche da mio padre, sono quei valori che mi hanno permesso di crescere nel rispetto di me stessa e degli altri. Con il senso della famiglia, l'osservanza delle regole e di tutti quei principi che sicuramente Franceschini avrà cercato di trasmettere ai suoi figli».

La vicenda del divorzio quanto le pesa, come figlia?
«Il dolore è grande, un valore e una realtà si stanno sgretolando. Più forte è il senso dell'unione familiare che uno ha, e nel mio caso è molto forte, più si amplifica la delusione. Ma almeno noi fratelli stiamo vivendo questo momento in età consapevole. Voglio essere vicina a entrambi i miei genitori, perché quello che non traspare all'esterno è che la loro sofferenza è profonda e tocca entrambi».

Marina Berlusconi e famiglia per gentile concessione di Marina Berlusconi e famiglia per gentile concessione di "Chi"

È la fine di un grande amore?
«Sono sicura che lo sia stato per la mamma. Però di certo, in trent'anni di vita insieme, hanno sempre avuto a cuore il reciproco bene».

A molti è apparso un matrimonio troppo privato e troppo poco pubblico. Sua madre non ha quasi mai fatto la First Lady.
«Mia madre ha avuto un solo grande interesse: tutelare la sua famiglia. Ed è stata una bella famiglia. In questo senso, ha fatto un grande lavoro, con continua dedizione, e non so come ringraziarla. Non è nella sua natura essere una donna pubblica, e con mio padre c'è sempre stato un rispetto reciproco dei ruoli».

Nel riportare le indiscrezioni sul privato di suo padre, la stampa si è comportata correttamente?
«Vedo quello che accade, e mi dispiace. Se vuole, possiamo fare la lista delle dieci domande a cui non risponderò».

Silvio Berlusconi, come premier, gode di consenso e popolarità. Come uomo, non è detto che debba essere un santo: lo ha ammesso anche lui. Che ne pensa, una quasi laureata in filosofia, di questa apparente contraddizione?
«Penso che una società esprima un senso della morale comune. I rappresentanti politici che sono chiamati a ben governare, a far prosperare la comunità, sono anche tenuti a salvaguardare i valori che essa esprime, possibilmente a elevarli. Non credo, quindi, che un uomo politico possa permettersi la distinzione tra vita pubblica e vita privata».

luigi berlusconi lapluigi berlusconi lap

Che cosa ha pensato delle attenzioni che suo padre ha avuto nei confronti di Noemi Letizia, una ragazza che in apparenza non dovrebbe avere alcun vincolo con lui?
«Mi ha stupito. È una dimensione che non ha mai fatto parte del mio quotidiano. La mia storia è quella di una ragazza che ha vissuto la sua giovinezza in modo sereno e normale. Non ho mai frequentato uomini anziani. Sono legami psicologici di cui non ho esperienza».

Qual è il suo futuro lavorativo?
«Io lavoro già. Dal 2003 sono nel Consiglio di Amministrazione di Fininvest, ho interessi immobiliari e finanziari e di recente mi sono impegnata nel progetto della galleria Cardi Black Box. Non so se oggi quello che voglio è solo un ruolo diverso nelle aziende di famiglia. Ma ho la passione per l'editoria, e mio padre ha sempre visto in me delle qualità che potevano essere adeguate per questo settore. Lui ha sempre pensato che, quando ne aveessi avuto le capacità, mi sarei occupata di Mondadori».

Dove va in vacanza?
«Per me le vacanze in Sardegna sono sempre state una consuetudine. Con me e Giorgio, a Villa Certosa, verranno alcune coppie di amici con i loro figli. Sarà un'estate serena, in famiglia».

 

 

Condividi questo articolo

FOTOGALLERY

politica

DIO LI FA E… TOOBA LI ACCOPPIA – IL DOCUMENTARIO DI “THE ISIS MATCHMAKER” DI BENEDETTA ARGENTIERI RACCONTA LA STORIA DI UNA RAGAZZA CHE A 21 ANNI È “SCAPPATA” DA LONDRA PER ANDARE A FARE LA PAPPONA DELL'ISIS. LA REGISTA: “AVEVO LA SENSAZIONE DI ESSERE MANIPOLATA”. TOOBA GONDAL È ACCUSATA DI AVER RECLUTATO ALMENO UNA DOZZINA DI DONNE OCCIDENTALI, TRA CUI DELLE MINORENNI, PARTITE DALL'OCCIDENTE PER SPOSARSI IN SIRIA CON DEI MILIZIANI DELL'ISIS. PERCHÉ UNA RAGAZZA CHE STUDIA LETTERATURA AL COLLEGE SCEGLIE DI ARRUOLARSI CON I TERRORISTI?

“IL PD 5 MINUTI DOPO LE ELEZIONI TORNERÀ DAI 5 STELLE. BASTA LEGGERE LE DICHIARAZIONI DI ORLANDO E BOCCIA” – CARLETTO CALENDA ATTACCA LETTA PER PROVARE A RUBARE QUALCHE VOTO A FORZA ITALIA: “A DESTRA SI ODIANO. SALVINI GOVERNEREBBE CON RIFONDAZIONE PIUTTOSTO CHE CON LA MELONI” – “RENZI? HA FATTO UN GESTO DI GENEROSITÀ, METTERSI DI LATO NON È SCONTATO. NON C’È UN GIORNO CHE NON ABBIAMO LITIGATO, EPPURE INSIEME ABBIAMO FATTO TANTE COSE. ALL’ITALIA NON SERVE LA RETORICA DEI MOLLACCHIONI…”