1. CHE FICO ESSERE CASTA! - IERI AL PRESIDENTE GRILLINO DELLA CAMERA HANNO CHIESTO SE IL GREEN PASS SIA APPLICABILE PURE IN PARLAMENTO. IN FONDO SI STA DISCUTENDO SE RENDERLO OBBLIGATORIO PER ENTRARE AL RISTORANTE, IN DISCOTECA, PERSINO SUI TRAM E IN METRO. E SAPETE CHE HA RISPOSTO? LA QUESTIONE NON ESISTE, HA RISPOSTO: NON SI PUÒ CHIEDERE A UN PARLAMENTARE SE SI È VACCINATO O NO. AL POPOLO SÌ, AI PARLAMENTARI NO
2. MATTIA FELTRI: "VI RICORDATE QUANDO ROBERTO FICO VIAGGIAVA IN AUTOBUS? ORA SI MUOVE TUTTO TRANQUILLO CON NOVE AGENTI DI SCORTA E AUTO BLU. SEMBRA UN CASINI CHE NON SI RADE: VA ALLE PARATE MILITARI, OMAGGIA I GRANDI DELLA TERRA, NON SBAGLIA UN COLPO"

Condividi questo articolo


MATTIA FELTRI MATTIA FELTRI

1 - PERCHÉ I CITTADINI DEVONO AVERE IL PASSAPORTO VACCINALE PER MANGIARE AL RISTORANTE E I PARLAMENTARI PER ANDARE ALLA CAMERA NO? - ANCHE ROBERTO FICO SI DICHIARA CONTRARIO ALL’IPOTESI: “È IMPOSSIBILE CHIEDERE AI PARLAMENTARI CHI SI È VACCINATO E CHI NO”. E INVECE ALLE PERSONE NORMALI?

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/due-pass-due-misure-perche-nbsp-cittadini-devono-avere-277334.htm

2 - ESAGERUMA NEN

Mattia Feltri per “La Stampa”

 

Tre anni e mezzo fa, all'esordio da presidente della Camera, quando colmò in autobus la distanza fra la stazione Termini e Montecitorio, Roberto Fico sublimò la dozzinale dottrina della parificazione fra parlamentare e uomo della strada.

Roberto Fico - autobus Roberto Fico - autobus

 

Gli si spiegò, col garbo dovuto ai ragazzi un po' sciamannati ma non sciocchi, che i rappresentanti del popolo necessitano di tutele ulteriori non in garanzia di sé ma degli interessi del popolo da cui sono stati scelti. Un'auto blu e una scorta non sono un privilegio, sono la tutela assicurata dallo Stato, in nome del popolo, a un alto rappresentante delle istituzioni, a un uomo che conta di più soltanto, e non è poco, per i doveri pubblici ai quali è chiamato.

roberto fico con auto blu roberto fico con auto blu

 

Si era fiduciosi ma francamente non si sperava in un risultato spettacolare al punto che il privilegio sarebbe stato offerto a noi, quello di vedere Fico all'Olimpico per la partita dell'Italia con nove agenti di scorta. Nove. Per carità, qui si sarebbe pure per la reintroduzione dell'immunità parlamentare, figuriamoci se ci si lamenta.

 

Però, nove Vabbè. Meglio così. Fico oggi è perfetto. Sembra un Casini che non si rade: va alle parate militari, omaggia i grandi della Terra, non sbaglia un colpo. Ieri, per esempio, gli hanno chiesto se il green pass sia applicabile pure in Parlamento.

ROBERTO FICO ROBERTO FICO

 

In fondo si sta discutendo se renderlo obbligatorio per entrare al ristorante, in discoteca, persino sui tram e in metropolitana. E sapete che ha risposto? La questione non esiste, ha risposto: non si può chiedere a un parlamentare se si è vaccinato o no. Al popolo sì, ai parlamentari no. Caro Fico, sa come si dice a Torino? Esageruma nen.

ROBERTO FICO L ESPLORATORE ROBERTO FICO L ESPLORATORE

roberto fico prima dell auto blu roberto fico prima dell auto blu

ROBERTO FICO IN SPIAGGIA SENZA MASCHERINA ROBERTO FICO IN SPIAGGIA SENZA MASCHERINA roberto fico roberto fico

roberto fico prima dell auto blu roberto fico prima dell auto blu

 

Condividi questo articolo

politica

OTTANTA VOGLIA DI MATTARELLA – UGO MAGRI: “GUAI A CONSIDERARE MATTARELLA UN PRESIDENTE ‘DIMEZZATO’ DAL SEMESTRE BIANCO” – “LA COINCIDENZA DEL DOPPIO ENERGICO INTERVENTO COL GIORNO DEL COMPLEANNO NON È CASUALE. PUÒ SIGNIFICARE CHE NON STIAMO VIVENDO TEMPI NORMALI E, DUNQUE, C'È POCO DA FESTEGGIARE. ALTRA POSSIBILE INTERPRETAZIONE: FINO ALL'ULTIMO ISTANTE DEL SUO MANDATO, L'ATTUALE INQUILINO DEL COLLE SI REGOLERÀ COME SE FOSSE IL PRIMO. CONTRO GLI IRRESPONSABILI, IL PRESIDENTE POTREBBE SFODERARE L'ARMA FINALE..."

“FIGURARSI SE PASSO TRA I BAMBINI CON UNA PISTOLA ADDOSSO. NON FACCIO LO SCERIFFO, SONO UN MEDICO” – IL CANDIDATO SINDACO DEL CENTRODESTRA A MILANO, LUCA BERNARDO, REPLICA PICCATO ALLE ACCUSE DEL CONSIGLIERE REGIONALE MICHELE USUELLI: “NON HO MAI GIRATO ARMATO IN OSPEDALE. DIECI ANNI FA HO OTTENUTO UN PORTO D’ARMI DA DIFESA, COME LA MAGGIOR PARTE DEI MEDICI…”. MA CHE DICE? FORSE HA CONFUSO IL CONCETTO DI "MEDICI IN PRIMA LINEA"? È FINITO PRIMA ANCORA DI COMINCIARE LA CAMPAGNA ELETTORALE...