COME CAMBIA IL MONDO: BEPPE GRILLO VA A BRUXELLES PER IL SOLITO SPETTACOLINO, MA NESSUNO LO CALCOLA. I CRONISTI LO SCANSANO, METÀ PLATEA, COMPOSTA DAGLI ASSISTENTI PARLAMENTARI M5S, SE NE VA – IL MONOLOGO RICALCA LE SOLITE “GRILLATE” SU ALGORITMI, VECCHI CHE NON VANNO IN PENSIONE E POLITICA INTERNAZIONALE (“MENO MALE CHE CI SONO GLI HOUTHI”). NESSUN ACCENNO ALLE LISTE: QUELLE LE FA CONTE, CHE NON VIENE MAI CITATO NEL DISCORSETTO - VIDEO

-

Condividi questo articolo


 

Estratto dell’articolo di Pietro Guastamacchia per “il Foglio”

 

BEPPE GRILLO A BRUXELLES BEPPE GRILLO A BRUXELLES

Beppe Grillo torna a Bruxelles e in sala all’Eurocamera va in scena un monologo imbevuto del Grillo delle origini, e in cui non appare mai né Conte né alcuna menzione alle questioni interne del suo Movimento. L’ex guru sbarca in Belgio per sostenere la campagna elettorale dei suoi, presenziando a un evento dell’eurodeputata pentastellata, Sabrina Pignedoli, assieme all’ormai quasi certo capolista del M5s nella circoscrizione sud, l’ex presidente dell’Inps, Pasquale Tridico.

 

Grillo anima la sala con quattro battute (dieci persone si alzano e se ne vanno: sono assistenti parlamentari del M5s che devono prendere un volo, nessuna protesta). Cinismo e attualità: parlando degli sprechi del commercio internazionale il comico ligure ricorda che “Il 45 per cento dei container che gira in Ue è vuoto. Non riusciamo a fare un piano logistico che riesca a riempire i treni o le navi... meno male che ci sono gli Houthi”, scherza, ma come sempre, fino a un certo punto.

 

BEPPE GRILLO A BRUXELLES BEPPE GRILLO A BRUXELLES

Non si fermano i tagli freddissimi del comico sulla cronaca di oggi “le ambasciate ormai non contano più nulla, una la bombardano, l’altra aveva dentro Kashoggi che è entrato intero uscito a pezzettini... passano gli anni e il mondo è cambiato” […]

 

La sala risponde bene, è un pubblico fedele che conosce bene la scaletta, nessuno lo ascolta per la prima volta […]. Grillo poi passa all’attacco dell’Italia dei vecchi, “sono tutti vecchi”, “il mio commercialista ha 83 anni e suo figlio è già in pensione”, “ma che senso ha non far votare i sedicenni e far votare gli ottantenni che hanno una settimana di vita davanti?” attacca il comico, e giù applausi.

 

BEPPE GRILLO CON SABRINA PIGNEDOLI, PASQUALE TRIDICO, LAURA FERRARA, GUY STANDING, PHILIPPE VAN PARJIS, DANIEL RAVENTOS PANELLA BEPPE GRILLO CON SABRINA PIGNEDOLI, PASQUALE TRIDICO, LAURA FERRARA, GUY STANDING, PHILIPPE VAN PARJIS, DANIEL RAVENTOS PANELLA

In chiusura arriva la parte più casaleggiana […]; l’intelligenza Artificiale “tramuterà il senso del tempo, tramuterà il tempo geologico in un tempo tecnologico” prende il largo Grillo, che poi se la prende con gli “algoritmi” evidentemente compiaciuto da come risuoni la parola stessa.

 

Prima di partire […] fa in tempo a fare due parole con i suoi, ma non si parla di liste […] “quella è roba di Conte e dei vertici del Movimento, Grillo non c’entra”, spiegano dallo staff pentastellato. Nessun incontro a Bruxelles ne all’Eurocamera né altrove, unica stretta di mano degna di nota sembra sia stata quella con l’eurodeputato irlandese delle sinistre Mick Wallace, celebre per il suo look “ciabatte e maglia del Torino” e assurto alle cronache per aver insultato la Juve […].

mick wallace al parlamento europeo con la maglia del torino mick wallace al parlamento europeo con la maglia del torino

 

[…] In chiusura evento va in scena il solito nascondino con la stampa, ma questa volta durerà solo pochi minuti, il tempo di estorcergli un “Draghi alla Commissione? Eh ma quante vite ha Draghi?” prima che si chiudano le porte dell’ascensore. […]

beppe grillo beppe grillo BEPPE GRILLO VAFFA DAY BEPPE GRILLO VAFFA DAY BEPPE GRILLO CON I VISORI BEPPE GRILLO CON I VISORI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA IMBUFALITO NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…

DAGOREPORT - LORO SI' CHE LO SANNO BENE: SECONDO IL "CANALE 12" DELLA TV ISRAELIANA RAISI È MORTO - DIFFICILE PRENDERE SUL SERIO TEHERAN CHE AFFERMA CHE L'ELICOTTERO CON A BORDO IL PRESIDENTE IRANIANO HA AVUTO UN "INCIDENTE" IN AZERBAIGIAN A CAUSA DEL ''MALTEMPO'' (UN CONVOGLIO DI TRE ELICOTTERI E SOLO QUELLO CON RAISI E' ANDATO GIU'?) - I MEDIA IRANIANI, PER ORA, PARLANO DI "VITA IN PERICOLO" - L'IRAN NON E' DECAPITATO FINCHE' CI SARA' SARA' L’AYATOLLAH KHAMENEI CHE SCEGLIERA' IL SUCCESSORE DEL FEDELISSIMO RAISI. E PER ORA SI LIMITA A DIRE: "SPERIAMO CHE TORNI, MA NON CI SARANNO INTERRUZIONI" - COME E' ACCADUTO CON L'ATTENTATO ALLA SEDE DIPLOMATICA IRANIANA IN SIRIA, DIETRO L"INCIDENTE" C'E' NETANYAHU? (FINCHE' C'E' GUERRA, C'E' SPERANZA DI RESTARE AL POTERE) - PROPRIO IERI IL MINISTRO DEL GABINETTO DI GUERRA BENNY GANTZ, VICINISSIMO A BIDEN,  DOPO UN INCONTRO IN ISRAELE CON IL CONSIGLIERE PER LA SICUREZZA USA JAKE SULLIVAN, AVEVA AVVISATO IL PREMIER NETANYAHU: "PIANO SU GAZA ENTRO L'8 GIUGNO O LASCIAMO IL GOVERNO"