CONTE NEL BUNKER – PIETRO SALVATORI TWEET: ‘’APPENA CONTE HA FINITO DI PRESENTARE I 5 VICEPRESIDENTI DELLA SEGRETERIA (TAVERNA, TURCO, RICCIARDI, TODDE E GUBITOSA), CIRCA LA METÀ DEI PARLAMENTARI PRESENTI SI È ALZATA E SE NE È ANDATA” – FATTI FUORI APPENDINO, CRIMI E AZZOLINA – COME UN DE LUCA, SPADAFORA GLI DÀ DELLA MEZZA PIPPA - È SOPRATTUTTO LA COATTA DIVA TAVERNA, CHIAMATA ADDIRITTURA A ESSERE VICARIA, A SCONTENTARE I PARLAMENTARI PIÙ GIOVANI: “SE È LEI CHE DEVE RAPPRESENTARE IL NUOVO CORSO DELLA GENTILEZZA NEL DIALOGO SIAMO A POSTO”

-

Condividi questo articolo


LISA DI GIUSEPPEhttps://www.editorialedomani.it/politica/italia/conte-presenta-una-segreteria-a-sua-immagine-fuori-appendino-crimi-e-azzolina-fx9midoc

 

paola taverna giuseppe conte paola taverna giuseppe conte

Il leader del Movimento 5 stelle si confronta con i parlamentari per la prima volta dopo le amministrative, disastrose per i Cinque stelle. Al centro dell’incontro anche le nomine della nuova segreteria di Conte, di cui filtrano i primi nomi

 

Giuseppe Conte annuncia che nella sua squadra ci saranno la vicepresidente del Senato Paola Taverna, il vicecapogruppo alla Camera Riccardo Ricciardi, l’ex sottosegretario alla presidenza del Consiglio Mario Turco, l’ex viceministra del ministero dello Sviluppo economico Alessandra Todde e il deputato Michele Gubitosa. Fuori invece Chiara Appendino, Lucia Azzolina e Vito Crimi, che negli ultimi giorni erano spesso rientrati nelle liste anticipate dai parlamentari. 

 

La scelta dei vice conferma i timori di una buona parte dei gruppi parlamentari: Conte non ha ampliato la segreteria oltre i suoi sostenitori più stretti e ferventi.

 

conte appendino conte appendino

Il lancio della nuova segreteria di Conte (almeno di una parte) viene boicottata dai parlamentari: dopo l’annuncio di una diretta Facebook del leader del Movimento, diversi deputati sbottano: «Ma che ci andiamo a fare, non si può intervenire su un annuncio trasmesso sui social». Una polemica che precipita nella decisione di alcuni Tutti lamentano la mancanza di dibattito interno, rinviato a dopo gli annunci: «Che senso ha parlare dopo? La discussione va fatta prima», dice una deputata. 

 

alfonso bonafede e lucia azzolina alfonso bonafede e lucia azzolina

La diretta inizia, nella migliore tradizione del Movimento, con un certo ritardo. L’ordine del giorno prevede l’analisi dei risultati del voto delle amministrative. L’aria è tesa: i deputati non hanno ancora perdonato il tentativo di spodestare il capogruppo della Camera Davide Crippa. Conte parla di «accettare la sconfitta», di giudizio che «non può essere indulgente»: bisogna tornare sui territori, dice il leader del Movimento.

 

Alessandra Todde Alessandra Todde

Quando escono, i nomi sono in parte già attesi. È soprattutto quello di Taverna, chiamata addirittura a essere vicaria, a scontentare i parlamentari più giovani: «Se è lei che deve rappresentare il nuovo corso della gentilezza nel dialogo siamo a posto», dice un deputato alla prima legislatura, rievocando le proteste cariche di sdegno e insulti della Taverna dei primi tempi. La scelta della vicepresidente del Senato viene vista come un consolidamento di Conte del rapporto con la vecchia guardia del Movimento, che oggi sostiene il leader soprattutto dai banchi di palazzo Madama, rafforzandolo nella geografia interna del Movimento. 

 

MARIO TURCO MARIO TURCO

Alla Camera il discorso è ben diverso e Conte gode di meno consenso: la nomina di Ricciardi, ambizioso vicecapogruppo, ne è lo specchio. Sono tanti i deputati che lamentano la scarsa conoscenza del gruppo da parte di Conte, e alla Camera i contiani convinti non sono poi così tanti: tra i vari sottogruppi contano più i dimaiani e Conte sta cercando di recuperare il consenso della moltitudine di deputati non schierati che nell’ultimo periodo è diventata molto critica nei suoi confronti.

 

riccardo ricciardi riccardo ricciardi

Ricciardi, e con lui una serie di altri deputati, come Gilda Sportiello, che ha curato la campagna elettorale di Gaetano Manfredi a Napoli, e Luigi Gubitosa, chiamato anche lui nella squadra della segreteria, hanno colto l’occasione per accreditarsi con Conte già ai tempi dello scontro tra il leader e il fondatore del M5s Beppe Grillo. Ora sono tra coloro di cui l’avvocato di Volturara Appula si fida di più a palazzo Montecitorio.

 

Anche Todde era da tempo nella lista dei favoriti per l’ingresso nella segreteria, così come Turco, da sempre braccio destro di Conte, soprattutto nel periodo in cui era a palazzo Chigi.

 

Condividi questo articolo

politica

ALTRO CHE ULIVO, QUESTA E' CICUTA! - DOPO IL SILURO DI MARIA ELENA BOSCHI ("PRODI È ACCECATO DAL RISENTIMENTO PERCHÉ NEL 2015 RENZI GLI HA PREFERITO MATTARELLA AL COLLE"), ARRIVA LA REPLICA DI ROMANO PRODI: "NON SAPEVO CHE NEL 2015 ERO CANDIDATO. UNA CANDIDATURA SEGRETISSIMA. ERO RIMASTO AI 101…" - L'AMAZZONE PRODIANA, SANDRA ZAMPA SENTE PUZZA DI PARACULISMO: "BOSCHI NON FA CHE RIPETERE QUESTA STORIA DEL RISENTIMENTO, GIÀ ESPOSTA DA RENZI: QUESTO ANTI-PRODISMO NON SARÀ PER CASO UNA PATENTE PER ESSERE ACCETTATI IN AREE POLITICHE CHE DETESTANO IL PROFESSORE?"

CHE CASINO A VIENNA! – IL CANCELLIERE ALEXANDER SCHALLENBERG SI È DIMESSO DOPO NEMMENO DUE MESI DALL’INIZIO DEL SUO MANDATO. IL MOTIVO? IL SUO PREDECESSORE, SEBASTIAN KURZ, HA ANNUNCIATO CHE LASCERÀ LA POLITICA E QUINDI NON SARÀ PIÙ LEADER DEL PARTITO OEVP. DI CONSEGUENZA, OCCORRE UN MEGA-RIMPASTO NELL’ESECUTIVO - QUEL VOLPONE DI KURZ HA CAPITO CHE LO SCANDALO SUI SONDAGGI PILOTATI È PIÙ GROSSO DEL PREVISTO. ANCHE SE LUI DICE CHE LASCIA “PER LA NASCITA DEL FIGLIO” (COME NO…)