CONTE PRENDE DUE PICCIONI CON UNA POCHETTE: SI FA IL SUO PARTITO E SISTEMA GLI AMICI TROMBATI - PEPPINIELLO APPULO VUOLE CREARE UN PARTITO VERO E PROPRIO, ANCHE PER DARE UNO STIPENDIO AI BIG DEL M5S ESCLUSI ALLE ELEZIONI - IL PIANO PREVEDE LA CREAZIONE DI RUOLI REMUNERATI CHE GARANTISCANO IL FUNZIONAMENTO DEL PARTITO E DI UNA SCUOLA DI FORMAZIONE PENTASTELLATA - UNA BUONA SOLUZIONE PER "RICICLARE" CHI È STATO SILURATO PER IL LIMITE DEI DUE MANDATI...

-

Condividi questo articolo


giuseppe conte chiusura campagna elettorale m5s 8 giuseppe conte chiusura campagna elettorale m5s 8

Da www.leggo.it

 

Uno stipendio ai big del Movimento 5 Stelle esclusi dalle elezioni, perché non eletti o perché non candidati per via del limite dei due mandati. Ne parla oggi il quotidiano Il Messaggero, che racconta che l'ex premier Giuseppe Conte, dopo aver salvato il movimento dall'estinzione (con un buon risultato alle elezioni) si appresta a varare la fase due della sua leadership.

 

giuseppe conte chiusura campagna elettorale m5s 2 giuseppe conte chiusura campagna elettorale m5s 2

Già in campagna elettorale Conte chiese a tutti i big del M5S (non ricandidabili per il limite di mandati) di aiutarlo nell'impresa che sembrava impossibile: si tratta di nomi di peso, da Paola Taverna a Vito Crimi, fino all'ex presidente della Camera Roberto Fico. Ma anche Gianluca Perilli (ex capogruppo), Laura Bottici (questore al Senato), Daniele Pesco (presidente Commissione Bilancio), Alfonso Bonafede (ex ministro della Giustizia), e il tesoriere Riccardo Fraccaro.

 

GIUSEPPE CONTE GIUSEPPE CONTE

Conte, scrive Il Messaggero, vuole costituire un partito vero e proprio, ovvero ciò che manca da quando furono sciolti i primi meet-up ideati da Casaleggio e Beppe Grillo: il disegno dell'ex premier prevede la creazione di ruoli - remunerati - che garantiscano il funzionamento del partito e di una scuola di formazione pentastellata. E anche i docenti di quest'ultima sarebbero remunerati. Una buona soluzione dunque per "riciclare" chi non è stato rieletto, per motivi vari. Per apportare questi cambiamenti però servirà modificare lo statuto: per Conte, l'ultimo ostacolo sarà dunque il fondatore, lo stesso Grillo. Staremo a vedere.

 

Condividi questo articolo

politica

MANOVRA DELLE MIE BRAME: CHI HA SBAGLIATO DI PIU’ NEL REAME? MELONI E SALVINI - LE BOCCIATURE DI BANKITALIA, CNEL E CORTE DEI CONTI ALLA FINANZIARIA DEL CENTRODESTRA VERTONO SU QUATTRO PUNTI (POS E CONTANTE, FISCO, REDDITO DI CITTADINANZA E RIDUZIONE DEL DEBITO), TRE DEI QUALI HANNO LE IMPRONTE DIGITALI DI SALVINI (E GIORGIA NON SI SMARCA) - FITTO, IN ROTTA CON SALVINI, NON SA COME SPIEGARE A BRUXELLES CHE IL PNRR E’ IN ALTO MARE - BISOGNA SEMPLIFICARE IL CODICE DEGLI APPALTI: DRAGHI AVEVA MOBILITATO IL CONSIGLIO DI STATO, IL CAPITONE VUOLE RISOLVERE “CON L’ACCETTA” (ED E' FINITA A SCHIFIO)