DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…

-

Condividi questo articolo


mario sechi mastica chewing gum dietro a giorgia meloni mario sechi mastica chewing gum dietro a giorgia meloni

DAGOREPORT

Il giorno dopo la sconfitta del centrodestra in Sardegna, Mario Sechi su “Libero” e Augusto Minzolini su “il Giornale” hanno vergato editoriali di fuoco contro Giorgia Meloni e i suoi numerosi errori.

 

L’ex portavoce della premier, silurato da palazzo Chigi dai Fazzolari e dalle Scurti, si è preso la sua rivincita: “Truzzu è il primo vero errore di valutazione fatto da Giorgia Meloni da quando è premier". Ti

 

ALESSANDRO SALLUSTI ALESSANDRO SALLUSTI

Ma non è finita! "Siamo all’inizio di un big bang: “il campo largo” di Schlein e Conte è destinato a saldarsi. Divisi hanno perso le elezioni politiche, insieme hanno corso bene in Sardegna. I cicli politici sono accelerati, gli anni passano veloci, il centrodestra dovrà trovare un assetto diverso da quello che abbiamo visto finora. gli elettori hanno suonato la sveglia…”.

 

ANTONIO ANGELUCCI ANTONIO ANGELUCCI

Sulla stessa lunghezza d’onda (e di fiele), l’articolo di Augusto Minzolini: “Per vincere, la coalizione di governo deve mettere da parte innanzitutto l’arroganza che l’ha contagiata fatalmente dopo la vittoria alle ultime politiche…”. Due ceffoni da destra, che a palazzo Chigi avranno vissuto come “fuoco amico”.

 

Gli addetti ai livori, sempre in servizio effettivo, hanno notato due anomalie.

 

La prima. Come mai il commento puntuto sugli errori del governo e della Ducetta, non l’ha vergato il direttore del “Giornale”, Alessandro Sallusti?

 

Perché il biografo di Giorgia lo ha “delegato” a Minzolini? Sallusti, che ha plasmato il quotidiano in modalità “melonismo senza limitismo” (al punto da indispettire la famiglia Berlusconi, che del “Giornale” ha ancora una quota), non se l’è sentita di mettere firma e faccia su una critica alla sua cocca...

MEME SULLA PRIMA DI LIBERO CON GIORGIA MELONI UOMO DELL'ANNO MEME SULLA PRIMA DI LIBERO CON GIORGIA MELONI UOMO DELL'ANNO

 

La seconda. Come mai i quotidiani della famiglia Angelucci - ricordiamo il tradimento di Antonio, deputato della Lega passato al servizio del melonismo - hanno sparato a palle incatenate contro Meloni, evidenziando i suoi errori e la sua arroganza coatta?

 

Magari perché gli Angelucci sono piuttosto scontenti delle promesse non mantenute  della premier? Le rassicurazioni ricevute, di entrare da trionfatori a Milano per partire all’assalto della ricca sanità in mano alla Regione Lombardia, finora si sono rivelate aria fritta.

 

Le prime critiche da “Libero” e “Giornale” sono un avvertimento alla vispa Evita Peron alle vongole: cara Giorgia, così non va, ricordate degli amici…

augusto minzolini - stasera italia augusto minzolini - stasera italia L EDITORIALE DI MARIO SECHI DOPO LE ELEZIONI REGIONALI IN SARDEGNA L EDITORIALE DI MARIO SECHI DOPO LE ELEZIONI REGIONALI IN SARDEGNA LOS ANGELUCCI DEL RIONE SANITA - BY MACONDO. LOS ANGELUCCI DEL RIONE SANITA - BY MACONDO.

LOS ANGELUCCI DEL RIONE SANITA - BY MACONDO LOS ANGELUCCI DEL RIONE SANITA - BY MACONDO

patrizia scurti mario sechi giorgia meloni patrizia scurti mario sechi giorgia meloni

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – SALUTAME A CINECITTÀ: LA HOLLYWOOD DE’ NOANTRI TRASLOCA IN SICILIA – SE IL TAORMINA FILM FEST CHIAMA MARCO MÜLLER, A SIRACUSA SI APRONO GLI “STATI GENERALI DEL CINEMA”. UNA VACANZA A 5 STELLE PER UNA MAREA DI ADDETTI AI LAVORI (DA BUTTAFUOCO A MONDA, DA MUCCINO A CASTELLITTO, CRONISTI COMPRESI), PAGATA DALLA REGIONE (SCHIFANI) ED ENIT (SANTANCHE'), E SENZA COINVOLGERE QUEI BURINI DI SANGIULIANO E BORGONZONI, CHE HA LA DELEGA IN MATERIA DI CINEMA - SE FOSSE COSTRETTA ALLE DIMISSIONI, LA PITONESSA FA CIAK?...

“IL FOGLIO” METTE IL DITO NELLA PIAGA: “LAUDATI RIVELA CHE NESSUN ACCERTAMENTO NEI CONFRONTI DI CROSETTO È MAI STATO EFFETTUATO DALL’UFFICIO SOS DELLA PROCURA ANTIMAFIA: GLI ACCESSI SONO STATI EFFETTUATI SULLA BANCA DATI IN DOTAZIONE ALLA GUARDIA DI FINANZA, NEI CUI UFFICI PASQUALE STRIANO LAVORAVA TRE GIORNI A SETTIMANA” - ERGO: STRIANO ERA AL SERVIZIO DI DUE PADRONI: FINANZA E MAGISTRATURA; UN RUOLO AMBIVALENTE CHE GLI PERMETTEVA DI NON RENDERE CONTO A NESSUNO DEI SUOI ACCESSI ABUSIVI ALLE BANCHE DATI, FINO A QUANDO QUALCUNO DEI SERVIZI SEGRETI AVVERTÌ IL MINISTRO DELLA DIFESA CROSETTO CHE FECE L’ESPOSTO CHE DETTE VITA ALLO SCANDALO - CHI SI È INVENTATO IL DUPLEX FINANZA-DNA CHE VA AL DI LÀ DELLE PREROGATIVE DI LEGGE, QUINDI ILLEGALE? - PERCHE' LA MELONIANA CHIARA COLOSIMO NON HA ANCORA SENTITO IL BISOGNO DI INTERROGARE NON SOLO STRIANO, MA SOPRATTUTTO GIUSEPPE ZAFARANA, IL COMANDANTE GENERALE DELLE FIAMME GIALLE DAL 2019 AL 2023, DA CUI STRIANO ERA ALLE DIPENDENZE?

FLASH! – MENTRE TANTI CIANCIANO DEL TENERO PIER SILVIO A CAPO DI FORZA ITALIA (SUPREMA CAZZATA), NESSUNO SI È ACCORTO CHE IL VERO EREDE DI SILVIO BERLUSCONI SI CHIAMA MARINA. E’ LEI CHE HA DATO L’ORDINE ALL’INFORMAZIONE MEDIASET DI FINIRLA CON LE POMPE IN GLORIA DELLA MELONA. NON SOLO. APPROFITTANDO DELLA PRESENTAZIONE ROMANA DEL FILM SU ENNIO DORIS, SI E’ SPARATA LA SUA PRIMA “ARRINGA” IN VISTA DELLE EUROPEE. BERSAGLIO: GIORGIA E MATTEO: “VOTARE FORZA ITALIA SIGNIFICA VOTARE PER CHI AVRÀ UN RUOLO DA PROTAGONISTA: È L’UNICO A FAR PARTE DELLA GRANDE FAMIGLIA DEL PPE”