DAGOREPORT – GIORGIA MELONI VUOLE ELEZIONI ANTICIPATE? FANTASCIENZA: L’UNICO CHE PUÒ SCIOGLIERE LE CAMERE È MATTARELLA, CHE NON HA ALCUNA INTENZIONE DI FAR PRECIPITARE IL PAESE IN UNA CRISI POLITICA. E COMUNQUE, ALLA DUCETTA NON CONVIENE CHIEDERE UN NUOVO PLEBISCITO: ESSENDO IRRILEVANTE IN EUROPA (URSULA HA CHIUSO L'ACCORDO CON I VERDI)M NON HA MARGINI DI TRATTATIVA SUI CONTI PUBBLICI. E CON LA FINANZIARIA POCHE LACRIME E MOLTO SANGUE IN ARRIVO, NON C'È SPAZIO PER ALTRE PROMESSE – SALVINI LA PUNGOLA IN EUROPA E NEGLI USA: VOLA DA TRUMP PER INTESTARSELO, MENTRE LA DUCETTA, DA PREMIER CHE SI FACEVA DARE I BACETTI IN TESTA DA QUEL VECCHIO RIMBA DI BIDEN, NON PUÒ SBILANCIARSI…

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

il video di giorgia meloni sul pnrr 4 il video di giorgia meloni sul pnrr 4

No, Giorgia Meloni non sta pensando di portare il Paese al voto anticipato, come invece sosteneva un fantasioso retroscena di Tommaso Ciriaco, oggi su “Repubblica”.

 

Terrorizzata dalla possibile batosta sul referendum costituzionale premierato, la Ducetta, secondo il chigista del quotidiano diretto da Maurizio Molinari, starebbe immaginando un “reset: elezioni anticipate, nuova legittimazione popolare e, solo a quel punto, una riforma presidenziale senza più ostacoli lungo il cammino”.

 

Ma sono, al momento, soltanto fantasie. Innanzitutto perché, almeno fino a quando non saranno ridimensionati i poteri del Presidente della Repubblica, è Sergio Mattarella l’unico che può sciogliere le camere e portare il Paese a nuove elezioni.

 

E il Capo dello Stato, che giusto ieri ha preso a legnate il governo Ducioni con un appello contro “l’assolutismo della maggioranza”, non ha intenzione di far precipitare il Paese in una nuova crisi politica (alle orecchie della Sora Giorgia devono essere suonate minacciose le parole sulle possibili “soluzioni tecnocratiche”).

 

sergio mattarella settimana sociale dei cattolici sergio mattarella settimana sociale dei cattolici

Ma non c’è solo lo scudo (crociato) di Super-Sergio a scongiurare un voto anticipato.

 

È alla stessa Meloni, infatti, che non converrebbe chiedere un nuovo plebiscito agli italiani. È vero che le elezioni europee sono andate meglio del previsto (Fdi ha racimolato il 28,8%), ma, con una finanziaria di poche lacrime e molto sangue in arrivo, è meglio non scherzare con il fuoco.

 

I soldi in cassa per fare altre promesse, ed eventualmente rispettarle, non ci sono: l’Ue ha aperto una procedura d’infrazione per deficit eccessivo, e da settembre il Governo dovrà negoziare un taglio del deficit, per il quale serviranno almeno 10 miliardi l’anno. Una situazione che ha precipitato la premier in un incubo horror nel giro di poco meno di un mese.

 

GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI GIANCARLO GIORGETTI - GIORGIA MELONI

Come scrive proprio Ciriaco, a inizio giugno per la premier i pianeti sembravano allineati: “Tutto perfetto, ogni dettaglio al suo posto: l’ulivo secolare a reggere il tavolone dei Sette grandi e Meloni al centro della scena. In tasca il 28,8% delle Europee. Una premier vincente a danzare la pizzica nella finta piazzetta del resort di Borgo Egnazia. Tre settimane dopo, il mondo capovolto: la presidente del Consiglio umiliata nella trattativa sui top jobs europei, fuori dalla maggioranza della prossima Commissione, all’angolo e costretta a scusarsi per le scandalose rivelazioni eternate dai video di Fanpage.

 

Giorgia Meloni Viktor Orban Mateusz Morawiecki Giorgia Meloni Viktor Orban Mateusz Morawiecki

E ancora, Palazzo Chigi senza una lira in cassa per provare anche solo a immaginare un riscatto con la prossima manovra, con il rischio di un assalto autunnale dei mercati ai titoli di Stato italiani (nel pieno di una procedura d’infrazione per deficit eccessivo). Come non bastasse, ci si è messo anche Matteo Salvini, benedicendo un gruppo di ‘patrioti’ putiniani di cui lei, la premier, dovrà rendere conto oltreconfine con imbarazzo: ai tavoli Nato, alla Casa Bianca e nelle principali Cancellerie europee”.

 

GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI BY EDOARDO BARALDI GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI BY EDOARDO BARALDI

Eccolo, l’infinito cul de sac in cui si è infilata la Regina della Garbatella. È isolata in Europa: i 24 deputati di Fratelli d’Italia non saranno determinanti per la rielezione di von der Leyen, dopo l’accordo sottobanco rimediato da Ursula con i Verdi (che hanno 54 seggi).

 

Certo, è riuscita in extremis a ricompattare il gruppo di Ecr ma il prezzo è quello di rimanere zavorrata dagli impresentabili: i polacchi del Pis e l’amato fascio-ispanico Santiago Abascal.

 

Un duo che la rende indigeribile per la maggioranza popolari-socialisti-liberali: l'unica soluzione per essere accettata come interlocutore, come le aveva chiesto di fare il premier polacco Tusk, era separare le sue strade da quelle dei nazionalisti. E invece la Sora Giorgia ha deciso di auto-relegarsi ai margini, trattando le nomine dei "top jobs" da capo di partito e non da primo ministro. Un errore marchiano, in una fase molto delicata per l'Italia: è la Commissione Ue ad avere l'ultima parola sui conti italiani. Averla dalla propria parte le farebbe molto comodo per risolvere o almeno congelare i dossier economici più caldi.

 

SALVINI TRUMP SALVINI TRUMP

A questo quadro non certo idilliaco, vanno aggiunte le mosse di Matteo Salvini. Il vicepremier si è ringalluzzito: fa coppia fissa in Europa con Orban e Le Pen, pungolando da destra la sora Giorgia.

 

E a breve volerà negli Stati Uniti per incontrare Trump e mettere il suo cappello sul tycoon. Il leader della Lega crede che “The Donald” sia un asset fondamentale: con Biden in modalità casa di riposo, Salvini potrà autoproclamarsi alleato del probabile futuro presidente americano. E la Meloni sarà considerata la solita “traditrice”: in Ue ha tentato l’inciucio con Ursula, negli Usa si faceva dare i bacetti in testa da “Sleepy Joe”…

ursula von der leyen giorgia meloni g7 borgo egnazia ursula von der leyen giorgia meloni g7 borgo egnazia

 

 

giorgia meloni e mateusz morawiecki alla conferenza di ecr a varsavia giorgia meloni e mateusz morawiecki alla conferenza di ecr a varsavia trump salvini trump salvini giorgia meloni e mateusz morawiecki a varsavia giorgia meloni e mateusz morawiecki a varsavia antonio tajani giorgia meloni matteo salvini antonio tajani giorgia meloni matteo salvini giorgia meloni e matteo salvini alla camera giorgia meloni e matteo salvini alla camera IL VOTO DI MELONI ALLA VON DER LEYEN - VIGNETTA BY GIANNELLI IL VOTO DI MELONI ALLA VON DER LEYEN - VIGNETTA BY GIANNELLI

 

IL MESSAGGIO DI DONALD TRUMP PER MATTEO SALVINI IL MESSAGGIO DI DONALD TRUMP PER MATTEO SALVINI

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - A MEDIASET NULLA SARÀ COME PRIMA: CON PIER SILVIO E MARINA AL COMANDO, TRAMONTA LA STELLA DEL GRAN CAPO DELL'INFORMAZIONE, MAURO CRIPPA (DA OLTRE 25 ANNI SOTTO L'ALA PROTETTIVA DI CONFALONIERI) - NELLA PROSSIMA STAGIONE TV, I CONDUTTORI-ULTRA’ CHE HANNO POMPATO I VOTI DI SALVINI E ORA TIRANO LA VOLATA ALLA MELONI (DEL DEBBIO, PORRO E GIORDANO) DOVRANNO DARSI UNA REGOLATA: PIER SILVIO VUOLE UN BISCIONE PLURALISTA - LO SCAZZO DI “PIERDUDI” CON PAOLO DEL DEBBIO - NICOLA PORRO, SE NON SI TOGLIE IL FEZ, RISCHIA DI PERDERE IL PROGRAMMA: LO STIPENDIO GLIELO PAGA MEDIASET, NON FRATELLI D’ITALIA - SILVIO NON C'E' PIU', CONFALONIERI HA 87 ANNI E CRIPPA INIZIA A PRENDERE CEFFONI: LA CACCIATA DELLA D’URSO E IL LICENZIAMENTO IN TRONCO DI DEL CORNO…

DAGOREPORT - I FRATELLINI D’ITALIA VARANO TELE-MELONI CON GIAMPAOLO ROSSI SEDUTO SULLA POLTRONA DI AMMINISTRATORE DELEGATO E SIMONA AGNES (IN QUOTA FORZA ITALIA) ALLA PRESIDENZA - ALLA LEGA, CHE VUOLE LA DIREZIONE GENERALE, NIENTE. SALVINI S'INCAZZA DI BRUTTO E SFANCULA I MELONI DI VIALE MAZZINI: LE NOMINE RAI RISCHIANO DI SALTARE A SETTEMBRE - LA DAGO-INDISCREZIONE DI UNA TRATTATIVA IN CORSO PER UN TRASLOCO DI FIORELLO A DISCOVERY NON HA FATTO PER NIENTE PIACERE (EUFEMISMO) ALLA MELONA. C’È UN ANTICO AFFETTO E SIMPATIA TRA FIORELLO E L’EX BABY SITTER DELLA FIGLIA OLIVIA DIVENTATA PRESIDENTE DEL CONSIGLIO. ED È SUBITO PARTITA UNA TELEFONATA DELLA MELONA AI “SUOI” DIRIGENTI RAI: IL SUO “FIORE ALL’OCCHIELLO” DEVE RESTARE IN AZIENDA A QUALSIASI COSTO…

DAGOREPORT - GIORGIA MELONI È AL SUO PIÙ IMPORTANTE BANCO DI PROVA: IL VOTO PER L’ELEZIONE DEL PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE DEFINIRÀ IL SUO PROFILO INTERNAZIONALE. FARÀ UNO SCATTO DA STATISTA, METTENDO GLI INTERESSI ITALIANI AL CENTRO E VOTANDO PER LA RICONFERMA DI URSULA VON DER LEYEN O DIRÀ “NO, GRAZIE”, IN VERSIONE RAMBA DELLA GARBATELLA, SPINGENDO L’ITALIA IN UN MARE DI GUAI? - DAL MES AL PATTO DI STABILITA’, DALLA FINANZIARIA AL POSTO DA COMMISSARIO, CON BRUXELLES BISOGNERA’ TRATTARE: MEGLIO FARLO DA AMICO CHE DA NEMICO - LA SPINTA DI CONFINDUSTRIA, TAJANI E CROSETTO: GIORGIA, VOTA URSULA…

DAGOREPORT - DOPO LA CONFERENZA STAMPA AL VERTICE NATO, BIDEN HA PARTECIPATO A UNA CONFERENCE CALL CON BARACK OBAMA, IL LEADER DEI DEMOCRATICI AL SENATO, CHUCK SCHUMER, E LA GOVERNATRICE DEL MICHIGAN, GRETCHEN WHITMER. I TRE SONO STATI PIUTTOSTO ASSERTIVI NEL FAR CAPIRE A BIDEN CHE LA SITUAZIONE È PRECIPITATA: SE NON FARÀ UN PASSO INDIETRO, I GOVERNATORI DEMOCRATICI NON MANDERANNO I LORO DELEGATI ALLA CONVENTION DEMOCRATICA, PREVISTA DAL 19 AL 22 AGOSTO A CHICAGO: UN CHIARO ATTO OSTILE PER SABOTARE LA CANDIDATURA - DIETRO LA LETTERA DI CLOONEY C'E' LA MANO DI OBAMA CHE DOMANI PARLERA' AGLI AMERICANI...

L’ESTATE SI CONFERMA LA STAGIONE PIÙ CRUDELE PER LE CELEBRITÀ! - DOPO TOTTI-BLASI, AMENDOLA-NERI, MARCUZZI-CALABRESI, BONOLIS-BRUGANELLI, FEDEZ-FERRAGNI, DAGOSPIA È COSTRETTA AD ANNUNCIARE LA SEPARAZIONE DI CHECCO ZALONE DALLA COMPAGNA MARIANGELA EBOLI - I DUE STAVANO INSIEME DAL 2005, ANNO IN CUI IL COMICO PUGLIESE ESORDI' SUL PALCO DI ZELIG OFF - IN BARBA ALLA LORO IDIOSINCRASIA PER IL BARNUM DEL FLASH, SULLA COPPIA CIRCOLAVANO DA TEMPO VOCI DI CRISI. IL SIPARIO SI È DEFINITIVAMENTE ABBASSATO ALCUNI GIORNI FA QUANDO CHECCO, ALL’ANAGRAFE LUCA PASQUALE MEDICI, SI È PRESENTATO NELLO STUDIO DI UN AVVOCATO DI ROMA PER ATTIVARE LE PRATICHE DI FINE RAPPORTO (MALGRADO LA NASCITA DI DUE BAMBINE, NON HANNO MAI TROVATO LA STRADA VERSO L’ALTARE PER IL FATIDICO “SÌ”)