DAGOREPORT – PUTIN STA VINCENDO ED E' CIO' CHE BIDEN E BLINKEN VOLEVANO: LA CASA BIANCA HA APPROFITTATO DELLO STALLO AL CONGRESSO SULLE ARMI PER LASCIAR AVANZARE I RUSSI, TENENDO GLI UCRAINI CON I PISTOLINI SCARICHI, PER FORZARE ZELENSKY AD ACCETTARE UNA TRATTATIVA DI PACE PRIMA DELLE ELEZIONI PRESIDENZIALI DI NOVEMBRE - “MAD VLAD” È STATO LASCIATO LIBERO DI CONQUISTARE KHARKIV E ALTRI TERRITORI, CHE POI OFFRIRÀ SUL TAVOLO DI PACE. IL CREMLINO VUOLE ANCHE IL PORTO DI MARIUPOL, OLTRE A CRIMEA E A METÀ DONBASS - BLINKEN CHE SUONA LA CHITARRA COME I VIOLINISTI DEL TITANIC - VIDEO

-

Condividi questo articolo


DAGOREPORT

vladimir putin xi jinping a pechino vladimir putin xi jinping a pechino

Putin ha il vento in poppa. Le armate russe avanzano su tutta la linea sul fronte ucraino e “Mad Vlad” vola a Pechino a ribadire l’amicizia con Xi Jinping.

 

È il 42esimo incontro tra i due autocrati, che qualche giorno prima dell’invasione russa dell’Ucraina, nel febbraio 2022, si promisero “amicizia senza limiti”.  Oggi, dopo ventisette mesi di guerra, Pechino non si sbilancia più così tanto, almeno ufficialmente, e parla, insieme a Mosca, di “amicizia strategica”.

 

ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV

Mentre Putin prepara le valigie per la Cina, il rocker Blinken è volato a Kiev per mostrare il sostegno americano: nelle ore in cui Kharkiv sta per cadere, e gli ucraini sono costretti al ritiro dai villaggi che circondano la seconda città più grande dell’Ucraina, il segretario di stato ha imbracciato la chitarra e si è messo a suonare “Rockin in the free world”, di Neil Young.

 

A molti osservatori ucraini è sembrata una presa per il culo e l’hanno paragonato ai violinisti del Titanic che suonavano placidi mentre la nave stava affondando.

 

volodymyr zelensky joe biden incontro alla casa bianca 1 volodymyr zelensky joe biden incontro alla casa bianca 1

In realtà, quello di Blinken era un messaggio chiaro a Zelensky: gli americani continuano a ostentare il loro supporto "finché sarà necessario”, concedendo a Kiev altri 2 miliardi di euro di aiuti. Ma quelle armi, come i rifornimenti già in viaggio per l’Ucraina, arriveranno troppo tardi per risollevare le sorti della resistenza, e l’amministrazione statunitense lo sa bene.

 

Biden e il suo braccio destro Blinken, infatti, pur dando ufficialmente la colpa ai repubblicani che hanno tenuta ferma per mesi l’approvazione del pacchetto di aiuti, hanno approfittato dello stallo per portare avanti il loro piano: la guerra va chiusa il prima possibile, sicuramente in tempo per capitalizzare una tregua alle elezioni presidenziali di novembre.

 

offensiva russa su kharkiv 3 offensiva russa su kharkiv 3

Gli Usa mandano adesso le armi ben consci che non serviranno a un ciufolo, se non a salvare la faccia: le munizioni e i missili potranno dare all’Ucraina giusto la sensazione di non capitolare da una posizione di totale debolezza.

 

La strategia immaginata dagli 007 americani, come Dago-dixit, è quella di “due passi avanti e uno indietro”: l’armata russa, come sta facendo in queste ore, conquisterà altro terreno, oltre l’attuale linea di battaglia, che verrà poi “offerto” da Putin nell’ambito delle trattative di pace.

 

offensiva russa su kharkiv 1 offensiva russa su kharkiv 1

Oltre alla Crimea, a metà del Donbass (l’Ovest rimarrà a Kiev, l’Est agli occupanti russi) e all’assicurazione che l’Ucraina non entrerà mai nella Nato, Mosca chiede anche che le sia lasciato il controllo di Mariupol, porto strategico sul Mar Nero, fondamentale e del corridoio di terra che congiunge la Russia alla penisola occupata dal 2014.

MARIANNA VYSHEMIRSKA SOTTO LE BOMBE A MARIUPOL MARIANNA VYSHEMIRSKA SOTTO LE BOMBE A MARIUPOL il murale di jorit a mariupol. il murale di jorit a mariupol. PROCESSO AL BATTAGLIONE AZOV NEL TEATRO DI MARIUPOL PROCESSO AL BATTAGLIONE AZOV NEL TEATRO DI MARIUPOL VLADIMIR PUTIN A MARIUPOL 2 VLADIMIR PUTIN A MARIUPOL 2 ACCIAIERIA MARIUPOL ACCIAIERIA MARIUPOL ACCIAIO A MARIUPOL ACCIAIO A MARIUPOL vladimir putin a mariupol 3 vladimir putin a mariupol 3 la citta di mariupol, occupata dai russi inchiesta del washington post sulla controffensiva ucraina la citta di mariupol, occupata dai russi inchiesta del washington post sulla controffensiva ucraina

ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV offensiva russa su kharkiv 2 offensiva russa su kharkiv 2 offensiva russa su kharkiv 5 offensiva russa su kharkiv 5 ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN - VIGNETTA BY OSHO VOLODYMYR ZELENSKY JOE BIDEN - VIGNETTA BY OSHO ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV ANTONY BLINKEN SUONA LA CHITARRA IN UN PUB DI KIEV

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

PER ROMA È LA FINE DI UN’ERA: CHIUDE I BATTENTI “IL BOLOGNESE” (MA NON PER SEMPRE) – ALFREDO TOMASELLI E SUO FIGLIO ETTORE VENDONO LO STORICO RISTORANTE DI PIAZZA DEL POPOLO, DOVE IN OLTRE 60 ANNI SI SONO ATTOVAGLIATE CELEBRITÀ D'OGNI SORTA, CAPI DI STATO E STARLETTE, BOIARDI DELLA PRIMA REPUBBLICA E ASPIRANTI VIP ACCORSI SPERANZOSI DI FARSI VEDERE DALLA PIÙ REMOTA PROVINCIA – I TOMASELLI PASSANO LA MANO MA LA GLORIOSA INSEGNA RESTERÀ AI NUOVI PROPRIETARI: “RESISTERE AL DEGRADO DEL CENTRO DI ROMA ERA DIVENTATO TROPPO FATICOSO” – QUELLA VOLTA CHE GHEDDAFI TEMETTE DI ESSERE AVVELENATO…

FLASH! – CONFLITTO TOTALE: SALVINI ACCUSA GIORGETTI DI ESSERE LO ZERBINO DELLA DUCETTA E FIAMMA CANTANTE (ARIANNA, SCURTI, FAZZOLARI) - DAL SUPERBONUS RETROATTIVO AL PONTE SULLO STRETTO, DAL MES A DRAGHI A BRUXELLES, DALLA CANDIDATURA VANNACCI ALLE NOMINE IN CDP, I CONTRASTI NON SI CONTANO PIÙ - IL LEADER DELLA LEGA, SEMPRE PIU’ IN AFFANNO PER LA CRESCENTE DISAFFEZIONE DEGLI ELETTORI DEL CARROCCIO, COL SORPASSO DI FORZA ITALIA SUL COLLO, SI SPARA UN CONDONO AL GIORNO MANDANDO ALL’ARIA LE CORONARIE E LE CASSE VUOTE DEL MINISTRO DELL’ECONOMIA…

FLASH! – A BRUXELLES SI CHIEDONO BASITI: PERCHE’ LE BANCHE ITALIANE (DA INTESA A UNICREDIT) NON FANNO PRESSIONE SUL GOVERNO MELONI PER LA RATIFICA DELLA RIFORMA DEL MES? (L’ITALIA DELLA DUCETTA E’ L’UNICO PAESE SU 27 CHE L’HA RIFIUTATO) - IN FIN DEI CONTI, AGGIUNGONO I PARTNER EUROPEI, E’ UNA RIFORMA CHE TOCCA DA VICINO LE ISTITUZIONI CREDITIZIE PERCHE’, IN CASO DI UN EVENTUALE CRACK BANCARIO, DEVE SERVIRE AD EVITARE CHE I GOVERNI NAZIONALI SIANO COSTRETTI A METTERE LA MANO AL PORTAFOGLIO DEI CITTADINI…

DAGOREPORT – PERCHE' L'"INCIDENTE" HA FATTO FELICI IRAN E ISRAELE - RAISI MIRAVA ALLA SUCCESSIONE DELL’85ENNE KHAMENEI. MA, PER IL RUOLO DI GUIDA SUPREMA, L’AYATOLLAH HA SCELTO IL FIGLIO MOJTABA, 'EMINENZA GRIGIA' DEI PASDARAN CHE HANNO IN MANO IL POTERE POLITICO ED ECONOMICO DELL'IRAN – NON SOLO: RAISI AVEVA INIZIATO A INCIUCIARE CON GLI STATI UNITI PER LA STABILIZZAZIONE DEL GOLFO. L’”AMERIKANO” RAISI HA FATTO IMBUFALIRE NON SOLO I PASDARAN, MA ANCHE NETANYAHU, IL QUALE VIVE IN ATTESA DEL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA E HA BISOGNO COME IL PANE DI UN NEMICO PER OCCUPARE ANCORA LA POLTRONA DI PREMIER... 

MA DOVE STA ZHANG ZHANG? - IL 32ENNE IMPRENDITORE CINESE, DAL 2018 AZIONISTA DI MAGGIORANZA DELL’INTER, NON SI VEDE IN GIRO DA UN ANNO. NON ERA A MILANO NEMMENO PER LA FESTA SCUDETTO. LA VERITÀ È CHE ZHANG NON PUÒ LASCIARE LA CINA DA OLTRE UN ANNO PER LA CONDANNA DEL TRIBUNALE DI HONG KONG A RISARCIRE CHINA CONSTRUCTION BANK E ALTRI CREDITORI DI 320 MILIONI - A QUESTO PUNTO, NON CI VUOLE IL MAGO OTELMA PER SCOPRIRE IL MOTIVO PER CUI IL MEGA-FONDO AMERICANO PIMCO SI SIA RITIRATO DAL FINANZIAMENTO DI 430 MILIONI DI EURO A UN TIPINO INSEGUITO DAI TRIBUNALI, A CUI PECHINO NON RILASCIA IL VISTO PER ESPATRIARE, COME MISTER ZHANG…