E ALLA FINE IL NUOVO PONTE LO CONTROLLANO I BENETTON! - DOPO TANTE CHIACCHERE PER LA NAZIONALIZZAZIONE DI ASPI, A OGGI, GIORNO DELLA PASSERELLA PER L’INAUGURAZIONE, È ANCORA TUTTO IN MANO ALLA FAMIGLIA VENETA - “È UNA DATA SIMBOLICA, SI VA AVANTI CON L’ACCORDO PER MANDARLI VIA”, DICONO DAL MOVIMENTO 5 STELLE. MA I MAGLIARI DI PONZANO STANNO FORZANDO LA MANO E VENDERANNO CARA LA PELLE- ENTRO LA FINE DELL’ANNO SCATTERANNO GLI AUMENTI DEI PEDAGGI. E INDOVINATE CHI DIVENTERÀ PIÙ RICCO CON LA STANGATA?

-

Condividi questo articolo

nuovo ponte genova 1 nuovo ponte genova 1

1 – “IL TEMPO”: ENTRO LA FINE DELL’ANNO DOVRANNO SCATTARE GLI AUMENTI DEI PEDAGGI. E LA STANGATA FARÀ ANCORA PIÙ RICCHI I BENETTON. LUNEDÌ SI INAUGURA IL NUOVO PONTE MORANDI SENZA INTESA PER L'USCITA DEI MAGLIARI VENETI...

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/aspi-spera-ndash-benetton-stanno-forzando-mano-fanno-melina-243575.htm

 

luciano benetton luciano benetton

2 – PONTE ANCORA AI BENETTON I GRILLINI IN IMBARAZZO ACCUSANO LA DE MICHELI

Domenico Di Sanzo per “il Giornale”

 

«Sì ma è una data simbolica, si va avanti con l'accordo per mandare via i Benetton», è la voce che arriva da un M5s che non ha voglia di parlare dello slittamento della firma di Cassa Depositi e Prestiti come socio di controllo di Autostrade per l'Italia. Ma proprio l'alto valore simbolico dell'inaugurazione del nuovo Ponte San Giorgio spiega l'imbarazzo che c'è tra i Cinque Stelle.

 

Una conclusione del memorandum che non è arrivata in tempo per oggi, giorno del taglio del nastro dell'opera, che sarà riconsegnata dalla gestione commissariale ad Atlantia, società della famiglia di Ponzano Veneto ancora controllante di Aspi. Una serie di ritardi che sanno di beffa.

giuseppe conte paola de micheli giuseppe conte paola de micheli

 

E che macchiano la passerella del premier Giuseppe Conte. Capo di un governo al momento impossibilitato a esibire lo scalpo dei Benetton in pubblica piazza. Un appuntamento a cui si arriva dopo una trattativa serrata, culminata in un Consiglio dei Ministri thriller nella notte tra il 14 e il 15 luglio. Nessuna revoca della concessione, come promesso dal M5s in questi due anni.

 

genova ponte morandi genova ponte morandi

Ma una diluizione delle quote dei Benetton in Aspi, che sarà controllata quasi totalmente dallo Stato attraverso Cdp. E ora nel Movimento la sensazione è comunque di soddisfazione, seppure sporcata dalla mancata firma in tempo per l'inaugurazione. I grillini cercano di evitare le domande, provano a far passare la notizia in cavalleria, svicolano, non vogliono che gli si rovini la festa. Nelle chat si parla di altro. I soliti problemi interni: Rousseau, gli Stati Generali, il nuovo capo politico, le restituzioni. La cosa è derubricata a «questione formale».

 

giovanni toti marco bucci ponte morandi giovanni toti marco bucci ponte morandi

Ciò che è importante, dice un senatore, «è che abbiamo trovato il miglior accordo possibile per evitare che i Benetton gestiscano di nuovo Autostrade». E chi fa domande non è né più né meno di qualcuno che, come si suol dire, vuole trovare il pelo nell'uovo. Restano sullo sfondo le perplessità dei grillini su Paola De Micheli, ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti.

 

Forse la meno amata dai pentastellati tra i componenti della compagine di governo. Nel M5s ricordano le parole pronunciate dalla De Micheli in un'intervista a Sky Tg24. «Per il 3 agosto saranno definiti gli accordi tra Cdp e Atlantia, la controllante di Aspi - aveva detto l'esponente del Pd - per quella data avremo definito i dettagli di quel pre accordo che è stato approfondito nel Cdm del 14 luglio».

nuovo ponte genova 2 nuovo ponte genova 2

 

Un programma scombinato dai troppi dubbi sulla questione delle tariffe. Intanto Stefano Giordano, un consigliere comunale di Genova del M5s, ha annunciato che non parteciperà all'inaugurazione in polemica con il governatore Giovanni Toti e il sindaco Enrico Bucci, rei di organizzare «troppe passerelle inutili e offensive». Peccato che anche i grillini a Roma siano preoccupati da un dettaglio, il ritardo della firma di Cdp sul memorandum, che rischia di rovinare la passerella a ministri, sottosegretari e al premier Giuseppe Conte.

 

 

il crollo del ponte di genova i lavori di soccorsi il crollo del ponte di genova i lavori di soccorsi il crollo del ponte di genova i lavori di soccorsi il crollo del ponte di genova i lavori di soccorsi il crollo del ponte di genova i lavori di soccorsi il crollo del ponte di genova i lavori di soccorsi il ponte morandi a genova il ponte morandi a genova

 

Condividi questo articolo

politica

DAGOREPORT - I SOLDI C’ENTRANO POCO COL DEFENESTRAMENTO DEL CARDINALE ANGELO BECCIU - IN BALLO C’È L’ELEZIONE DEL PROSSIMO PAPA DA CUI RESTA ESCLUSO, MENTRE ERA UN CANDIDATO MOLTO SERIO. FINCHÉ QUALCHE NEMICO HA CONFEZIONATO UN POLPETTONE TALMENTE AVVELENATO DA FAR DIMENTICARE AL PONTEFICE IL GARANTISMO E LA MISERICORDIA, RISERVATI PERÒ SOLO AD ALCUNI, COME IL SUO AMICO MONS. GUSTAVO ZANCHETTA, EX VESCOVO ARGENTINO CHIAMATO DA FRANCESCO IN VATICANO COME ASSESSORE DELL’APSA E POI COLPITO DA MANDATO DI CATTURA INTERNAZIONALE PER PRESUNTI ILLECITI FINANZIARI E PER ABUSI SU DUE SEMINARISTI