KOCH N’ROLL – IL TERRORE PER IL RITORNO DI TRUMP ALLA CASA BIANCA FA SALTARE TUTTE LE REGOLE DELLA POLITICA AMERICANA: LA PROVA È LA CLAMOROSA SVOLTA DELLA FAMIGLIA KOCH, STORICA DONATRICE DELL’ALA PIÙ CONSERVATRICE DEL PARTITO REPUBBLICANO, CHE ORA SOSTIENE APERTAMENTE NIKKI HALEY, LA CANDIDATA “MODERATA” – LA “RETE” DEI KOCH, DOPO LE ELEZIONI DEL 2016, SI ERA CHIAMATA FUORI DALLA POLITICA ATTIVA, DESTABILIZZATA DALLA PRESIDENZA DI "THE DONALD". MA ADESSO PUNTA TUTTO SULL’EX GOVERNATRICE DELLA CALIFORNIA, CONSIDERATA L’UNICA IN GRADO DI BATTERE TRUMP ALLE PRIMARIE E BIDEN ALLE ELEZIONI…

-

Condividi questo articolo


nikki haley 2 nikki haley 2

DAGOREPORT - È PARTITA LA MANOVRA REPUBBLICANA PER ABBATTERE DONALD TRUMP: UNA VOLTA FATTO FUORI IL PUZZONE, È IL TURNO DELLA "COMETA" NIKKI HALEY. "GIOVANE", DONNA, DI ORIGINI INDIANE, CONTRO DI LEI BIDEN NON AVREBBE SPERANZE – 24 NOVEMBRE 2023

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/dagoreport-partita-manovra-repubblicana-abbattere-donald-375635.htm

 

LA RETE KOCH TORNA IN CAMPO PER LE PRESIDENZIALI CON L’ENDORSEMENT A NIKKI HALEY

Traduzione dell’articolo di Tarini Parti Julie Bykowicz per il “Wall Street Journal”

 

La famiglia miliardaria Koch e la sua rete di donatori stanno rientrando in punta di piedi nella campagna elettorale, sostenendo l'opposizione all'ex presidente Donald Trump e appoggiando un candidato alternativo alle primarie repubblicane del 2024, Nikki Haley.

 

CHARLES KOCH CHARLES KOCH

Finora non ha investito molto denaro nella partita, il che viene visto da alcuni come un tentativo a lungo termine di riaffermare la propria influenza in un partito dominato da Trump, e come un modo per placare i donatori che vogliono essere più attivi politicamente. 

 

I 5,7 milioni di dollari a sostegno dell'ex governatore della Carolina del Sud, oltre a 18 milioni di dollari in pubblicità e posta anti-Trump, sono una piccola frazione del denaro che si sta riversando nelle primarie, che sono già costate 200 milioni di dollari solo in pubblicità, secondo AdImpact, una società che traccia gli annunci politici. È anche una cifra molto lontana dal miliardo di dollari che i donatori Koch avevano pianificato di spendere per le iniziative politiche durante la corsa presidenziale del 2016, prima che Trump irrompesse sulla scena.

 

TRUMP E NIKKI HALEY TRUMP E NIKKI HALEY

Un tempo la rete dei Koch era un attore dominante all'interno del Partito Repubblicano, temuto dai democratici e in grado di spingere la politica del GOP verso destra. Negli anni di Trump è stata destabilizzata, con divisioni riguardanti la sua opposizione all'ex presidente, i tentativi di mostrarsi bipartisan e i suoi endorsement. Molti donatori e attivisti se ne sono andati dopo essersi sentiti a disagio con alcune delle prese di posizione, tra cui la difesa della riforma della giustizia penale. La famiglia ha così aggiunto nuovi donatori che non sono così spinti dalla politica “partigiana”.

 

GEORGE W BUSH E DICK CHENEY GEORGE W BUSH E DICK CHENEY

"Per quanto giusto o sbagliato, Koch ha tentato di essere leader dicendo che questo è ciò che ci interessa, ma non era allineato con ciò che la base voleva fare. Non sono allineati con le persone di cui hanno bisogno: le loro truppe", ha dichiarato Frayda Levin, ex membro del consiglio di amministrazione di Americans for Prosperity, il più attivo politicamente tra i gruppi finanziati da Koch.

 

Emily Seidel, amministratore delegato di Americans for Prosperity, ha dichiarato che Trump non ha intaccato la missione della rete Koch. "L'AFP è un'organizzazione che privilegia la politica e non sparisce tra un ciclo elettorale e l'altro", ha dichiarato. Nell'appoggiare Haley, il gruppo ha lodato la sua capacità di guidare la nazione in avanti.

 

NIKKI HALEY E RON DESANTIS NIKKI HALEY E RON DESANTIS

Seidel ha rifiutato di dire quanto la rete Koch abbia intenzione di spendere per sostenere Haley. Ha detto che il gruppo ha aggiunto 120 volontari da quando ha annunciato l'appoggio a Haley e che ha già raggiunto 350.000 elettori nei primi stati delle primarie.

 

Bill Riggs, portavoce di Americans for Prosperity, ha dichiarato che il gruppo ha avuto più volontari quest'anno che nei tre precedenti cicli elettorali. Ma i documenti fiscali dell'organizzazione no-profit mostrano un calo dei volontari che sostengono le politiche conservatrici, dal picco di 20.000 nel 2014 ai 1.814 dello scorso anno. Riggs ha attribuito il calo dei volontari all'aggressiva assunzione di dipendenti a contratto da parte del gruppo.

 

SPILLETTE PER NIKKI HALEY SPILLETTE PER NIKKI HALEY

Gran parte del budget complessivo della famiglia Koch viene convogliato su una no-profit chiamata Stand Together Chamber of Commerce, che ha raccolto 275 milioni di dollari nel 2022, secondo i documenti fiscali depositati il mese scorso. In quanto no-profit, Stand Together non è tenuta a rivelare i suoi donatori.

 

Finanzia altre organizzazioni, tra cui Americans for Prosperity, nonché il comitato di azione politica di AFP, che segnala i donatori alla Federal Election Commission. Alla fine di giugno, il PAC aveva raccolto quasi 78 milioni di dollari per le elezioni del 2024, tra cui 25 milioni di dollari dalle Koch Industries.

nikki haley nikki haley

 

Charles e David Koch, che hanno fatto fortuna alle Koch Industries, un conglomerato multinazionale con sede in Kansas fondato dal padre, hanno iniziato a impegnarsi nella politica repubblicana durante l'amministrazione del presidente repubblicano George W. Bush, spinti dall'opposizione ai suoi aumenti della spesa sociale.

 

Hanno iniziato a incontrarsi con altri donatori conservatori e libertari due volte l'anno in "seminari politici" in luoghi di lusso come Palm Springs, con la partecipazione di stelle nascenti del GOP.

nikki haley jewish coalition annual leadership meeting las vegas 3 nikki haley jewish coalition annual leadership meeting las vegas 3

 

Il denaro di Koch ha contribuito a finanziare il movimento antitasse e di piccolo governo noto come Tea Party e ha combattuto l'approvazione dell'Affordable Care Act dell'amministrazione Obama, che ha ampliato la copertura sanitaria. Avendo perso quella battaglia, ha impiegato anni, e più di 200 milioni di dollari, per chiederne l'abrogazione.

 

La rete Koch è ancora una forza nelle elezioni del Senato e della Camera, ma non è ancora diventata un attore importante nelle elezioni presidenziali.

 

11 settembre bush cheney 11 settembre bush cheney

Nella competizione del 2012, i Koch hanno investito 400 milioni di dollari, cercando di aiutare senza successo il candidato del GOP Mitt Romney, ora senatore dello Utah, a rovesciare l'ex presidente Barack Obama. Il miliardo di dollari che i donatori Koch avevano pianificato di spendere prima delle elezioni del 2016 è sceso a 250 milioni di dollari dopo l'ascesa dell'ex uomo d'affari newyorkese.

 

David Koch, che era il fratello politicamente più attivo e che una volta si era candidato alla vicepresidenza con la lista dei Libertari, è morto nel 2019. Charles Koch, 88 anni, ha fatto un passo indietro e ha detto pubblicamente di essersi pentito della sua appartenenza partitica. Un rappresentante delle Koch Industries ha rifiutato commenti da parte di Koch.

joe biden barack obama joe biden barack obama

 

Chart Westcott, un donatore della rete Koch, ha sottolineato l'ironia del fatto che un gruppo fondato per opporsi alle politiche di Bush sostenga ora un repubblicano più tradizionale, sullo stampo di Bush. Il Partito Repubblicano non è più il Partito Repubblicano di tuo nonno", ha detto, e la rete Koch è ora "più establishment". È strano chiudere il cerchio".

 

La rete Koch non è sempre stata fan di Haley.  Americans for Prosperity ha speso denaro contro di lei quando era governatore della Carolina del Sud. I volontari Koch nello Stato hanno fatto campagna contro la sua proposta di tassa sul gas. Le sue posizioni di politica estera sono in contrasto con le politiche ampiamente non interventiste del network.

 

"Non ci aspettiamo che nessun candidato sia mai d'accordo con noi su tutto e non abbiamo cartine di tornasole", ha detto Seidel.

 

CHARLES KOCH 1 CHARLES KOCH 1

Lee Canaday è stato un volontario di Americans for Prosperity che ha contribuito a raccogliere l'opposizione alla tassa sul gas proposta da Haley. Ha detto di aver smesso di lavorare per il gruppo sostenuto da Koch negli ultimi anni perché non era sicuro dei loro principi politici e ora vede il loro appoggio a Haley come un riflesso di questa incertezza.

 

"Stanno solo spingendo le solite cose", ha detto, aggiungendo che sta decidendo tra votare per Trump o non partecipare alle primarie e votare per Robert F. Kennedy Jr, un ex democratico che si candida come indipendente.

 

TRUMP E NIKKI HALEY TRUMP E NIKKI HALEY

Chris Maidment, che ha iniziato come volontario e poi ha ricoperto il ruolo di direttore delle operazioni di base per la sezione del New Hampshire di Americans for Prosperity, ha lasciato il gruppo dopo aver criticato pubblicamente l’endorsement su X, precedentemente noto come Twitter. Ora lavora per il super PAC Never Back Down del rivale alle primarie repubblicane, il governatore della Florida Ron DeSantis.

 

"Non era in linea con ciò che avevamo sostenuto", ha detto, sottolineando le sue posizioni interventiste in politica estera.

 

DAVID KOCH DAVID KOCH

Kerry Baldwin, che ha ricoperto il ruolo di direttore delle coalizioni per la sezione del New Mexico, ha dichiarato di essere stata licenziata per la sua opposizione all'appoggio di Haley. “È antitetico a tutto ciò che i Koch e l'AFP hanno sostenuto", ha dichiarato.

 

La decisione di entrare questa volta nella corsa presidenziale e di appoggiare Haley è stata complicata e ha richiesto mesi per essere presa, secondo quanto riferito da persone che hanno familiarità con le discussioni interne.

 

NIKKI HALEY CON IL SARI NIKKI HALEY CON IL SARI

A febbraio, in una nota, i funzionari della rete Koch hanno annunciato pubblicamente l'intenzione di sostenere un candidato alle primarie del GOP. All'epoca, le conversazioni si erano concentrate su DeSantis. Ma la battaglia del governatore della Florida con la Disney sulle questioni sociali e i suoi mandati sull'insegnamento dell'identità di genere e della razza nelle scuole sono stati considerati dai donatori Koch non in linea con i loro valori libertari.

 

Con l'avvicinarsi dei caucus dell'Iowa, il network ha dovuto affrontare le pressioni di alcuni donatori per sostenere un'alternativa a Trump. Uno dei principali donatori, il magnate del commercio al dettaglio della Carolina del Nord Art Pope, che ha donato un milione di dollari agli sforzi dell'AFP per il 2024, aveva deciso di appoggiare Haley dopo averla incontrata. Alla domanda se avesse presentato il caso ai funzionari Koch, Pope ha risposto: "Ho avuto molte conversazioni. Non ho intenzione di ripetere conversazioni private. Sono giunto alla conclusione di sostenere il governo Haley prima che l'AFP decidesse di appoggiarla".

 

CHARLES KOCH 3 CHARLES KOCH 3

C’È UNA SOLA ALTERNATIVA A DONALD TRUMP: NIKKI HALEY - LA CANDIDATA ALLE PRIMARIE REPUBBLICANE HA OTTENUTO IL SOSTEGNO DELLA FAMIGLIA KOCH (UN IMPERO DA 125 MILIARDI) E LA BENEDIZIONE DEL CEO DI JP MORGAN, JAMIE DIMON - MA L’EX AMBASCIATRICE ALL’ONU, CHE NEI SONDAGGI HA SUPERATO RON DESANTIS, DEVE FARE I CONTI CON “THE DONALD” CHE MANTIENE UNA PRESA SENZA PRECEDENTI SULL’ELETTORATO CONSERVATORE CON IL SUO MESSAGGIO POPULISTA - UN SONDAGGIO L’HA MOSTRATA OGGI AVANTI DI DIECI PUNTI IN UNO SCONTRO CON BIDEN CONTRO I 4 PUNTI DI TRUMP - IL DAGOREPORT

 

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/rsquo-sola-alternativa-donald-trump-nikki-haley-376926.htm

 

TRUMP E NIKKI HALEY TRUMP E NIKKI HALEY la governatrice della carolina del sud nikki haley la governatrice della carolina del sud nikki haley barack obama joe biden 2 barack obama joe biden 2 CHARLES KOCH 2 CHARLES KOCH 2

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

SCURTI, LA SCORTA DI GIORGIA - SEMPRE "A PROTEZIONE" DELLA MELONI, PATRIZIA SCURTI GIGANTEGGIA PERSINO AL G7 DOVE È...ADDETTA AL PENNARELLO - LA SEGRETARIA PERSONALE DELLA DUCETTA (LE DUE SI ASSOMIGLIANO SEMPRE DI PIU' NEI LINEAMENTI E NEL LOOK) ERA L’UNICA VICINA AL PALCO: AVEVA L'INGRATO COMPITO DI FAR FIRMARE A BIDEN & FRIENDS IL LOGO DEL SUMMIT - IL SOLO CHE LE HA RIVOLTO UN SALUTO, E NON L'HA SCAMBIATA PER UNA HOSTESS, È STATO QUEL GAGA'-COCCODE' DI EMMANUEL MACRON, E LEI HA RICAMBIATO GONGOLANDO – IL SELFIE DELLA DUCETTA CON I FOTOGRAFI: “VI TAGGO TUTTI E FAMO IL POST PIU'…” - VIDEO

LA SORA GIORGIA DOVRÀ FARE PIPPA: SULL'ABORTO MACRON E BIDEN NON HANNO INTENZIONE DI FARE PASSI INDIETRO. IL TOYBOY DELL'ELISEO HA INSERITO IL DIRITTO ALL'INTERRUZIONE DI GRAVIDANZA IN COSTITUZIONE, E "SLEEPY JOE" SI GIOCA LA RIELEZIONE CON IL VOTO DELLE DONNE - IL PASTROCCHIO DELLA SHERPA BELLONI, CHE HA FATTO SCOMPARIRE DALLA BOZZA DELLA DICHIARAZIONE FINALE DEL G7 LA PAROLA "ABORTO", FACENDO UN PASSO INDIETRO RISPETTO AL SUMMIT DEL 2023 IN GIAPPONE, È DIVENTATO UN CASO DIPLOMATICO - FONTI ITALIANE PARLANO DI “UN DISPETTO COSTRUITO AD ARTE DA PARIGI ”

DAGOREPORT! GIORGIA MELONI È NERVOSA: GLI OCCHI DEL MONDO SONO PUNTATI SU DI LEI PER IL G7 A BORGO EGNAZIA. SUL TAVOLO DOSSIER SCOTTANTI, A PARTIRE DALL’UTILIZZO DEGLI ASSET RUSSI CONGELATI PER FINANZIARE L’UCRAINA - MINA VAGANTE PAPA FRANCESCO, ORMAI A BRIGLIE SCIOLTE – DOPO IL G7, CENA INFORMALE A BRUXELLES TRA I LEADER PER LE EURONOMINE: LA DUCETTA ARRIVA DA UNA POSIZIONE DI FORZA, MA UNA PARTE DEL PPE NON VUOLE IL SUO INGRESSO IN  MAGGIORANZA - LA SPACCATURA TRA I POPOLARI TEDESCHI: C'È CHI GUARDA A DESTRA (WEBER-MERZ) E CHI INORRIDISCE ALL'IDEA (IL BAVARESE MARKUS SODER) - IL PD SOGNA UN SOCIALISTA ITALIANO ALLA GUIDA DEL CONSIGLIO EUROPEO: LETTA O GENTILONI? - CAOS IN FRANCIA: MACRON IN GUERRA CON LE PEN MA I GOLLISTI FLIRTANO CON LA VALCHIRIA MARINE

DAGOREPORT – DOPO LE EUROPEE, NULLA SARÀ COME PRIMA! LA LEGA VANNACCIZZATA FA PARTIRE IL PROCESSO A SALVINI: GOVERNATORI E CAPIGRUPPO ESCONO ALLO SCOPERTO E CHIEDONO LA DATA DEL CONGRESSO – CARFAGNA E GELMINI VOGLIONO TORNARE ALL’OVILE DI FORZA ITALIA MA TAJANI DICE NO – CALENDA VORREBBE TORNARE NEL CAMPO LARGO, MA ORMAI SI È BRUCIATO (COME RENZI) – A ELLY NON VA GIÙ RUTELLI: MA LA VITTORIA DEL PD È MERITO DEI RIFORMISTI DECARO,BONACCINI, GORI, RICCI, CHE ORA CONTERANNO DI PIÙ – CONTE NON SI DIMETTE MA PATUANELLI VUOLE ACCOMPAGNARLO ALL’USCITA