“MELONI NON HA MAI RISPOSTO ALLE MIE LETTERE. E LA SCHLEIN HA GESTITO MALE LA CANDIDATURA DI ILARIA” – ROBERTO SALIS, PADRE DELL'ITALIANA DETENUTA A BUDAPEST CON L’ACCUSA DI AVER AGGREDITO DUE MILITANTI DI ESTREMA DESTRA, MENA DURO SULLA SORA GIORGIA: "IL SILENZIO DI PALAZZO CHIGI È SURREALE, SPERO CHE LA PREMIER TRATTI IN SEGRETO. FINORA NON MI HA MAI RICEVUTO. IL PD? NON SI GETTA IL NOME DI MIA FIGLIA IN PASTO ALLE CORRENTI SE NON C'È UN'INTESA DA PARTE DI TUTTI"

-

Condividi questo articolo


Simone Canettieri per il Foglio - Estratti

 

ILARIA SALIS 2 ILARIA SALIS 2

“La premier non ha mai risposto alle mie lettere via Pec. E il Pd ha gestito male la questione della candidatura di mia figlia”. E’ severo con Giorgia Meloni, ma anche molto rigido con Elly Schlein. Roberto Salis, padre di Ilaria, si affaccia al quarto piano del Senato. E’ appena uscito da un incontro con Giuseppe De Cristofaro, senatore di Sinistra italiana, tra i primi a muoversi lo scorso gennaio per sollevare il caso della maestra detenuta, e mostrata in catene, a Budapest dal febbraio 2023 con l’accusa di aver aggredito due militanti di estrema destra. Roberto Salis si sfoga con il Foglio .

 

Ingegnere, qual è lo stato dell’arte della sua battaglia per riportare in Italia sua figlia? Il portavoce del governo ungherese non sembra darle speranze. “Stiamo portando avanti la nostra battaglia, io continuo nella campagna mediatica”. Ma come si spiega il silenzio di Giorgia Meloni?

 

ROBERTO E ILARIA SALIS ROBERTO E ILARIA SALIS

Crede che sia una scelta diplomatica, quella della premier? “Spero vivamente che stia trattando in silenzio, me lo auguro con tutte le mie forze. Finora però questo silenzio non ha portato miglioramenti, anzi”. Perché: cosa vuole dire? “Quello che è abbastanza allucinante è che uno degli obiettivi raggiunti dall’interessamento di Meloni è stato fare aggiungere un’udienza per accelerare il processo. Quella di fine marzo non era prevista, ce n’era solo una a maggio. Nell’udienza che alla fine si è celebrata la scorsa settimana gli interrogatori ai due testimoni e quelli alla vittima non sono stati fatti perché c’era un problema tecnico per il collegamento di un’imputata in Germania. Di fatto l’accelerazione del processo per ottenere i domiciliari, che si potevano chiedere anche in un altro modo, non c’è stata”.

 

GIORGIA MELONI - VIKTOR ORBAN GIORGIA MELONI - VIKTOR ORBAN

Si è sentito con Meloni? “No. Mai”. Nemmeno per messaggio? Se mentisse sarebbe comprensibile. “No, mai avuto rapporti con Palazzo Chigi. Io ho parlato con i ministri Tajani e Nordio e con il presidente del Senato La Russa. Ho mandato due email con tanto di Pec a Meloni e non ho mai ricevuto risposte. E’ incredibile”. Come se lo spiega? “Credo che la premier è naturale che possa avere delle cose più importanti da fare, ma che non abbia nel suo staff una persona per incontrarmi lo trovo surreale”.

 

Meloni tace in attesa delle europee? “Può darsi. Ci sono tante cose che devono succedere: Orbán deve trovare una casa in Europa, poi ci sono le elezioni, appunto. E comunque una serie di situazioni in Ungheria da considerare: se Orbán dovesse cedere verrebbe attaccato dall’estrema destra. Che non è come Forza Nuova, ma ha il sei per cento di consensi”. Lei sembra molto realista. “Io credo che il primo ministro ungherese debba continuare a mantenere questo pugno di ferro fino alle elezioni e poi spero che lo allenti”.

 

ILARIA SALIS IN CATENE IN TRIBUNALE ILARIA SALIS IN CATENE IN TRIBUNALE

Grazie a un intervento politico di Meloni? “Me lo auguro: la premier, che è leader dei Conservatori, potrebbe dirgli: ti faccio entrare nella nostra famiglia, ma adesso fai tu una cosa per noi”. La possibile candidatura di sua figlia con il Pd è stato un pasticcio. “La candidatura di Ilaria bisognava gestirla meglio, senza dubbio. Prima di fare uscire un’informazione così serviva che tutti fossero allineati”. Tutti chi, scusi? “Tutte le persone coinvolte nel Pd in questa scelta, come si fa nelle aziende.

 

Invece così si è innescato un dibattito interno fra le correnti sulla pelle di Ilaria”. Ma sua figlia sarebbe disponibile: cosa ne pensa? “Fintanto non c’è qualcosa sul tavolo di serio non ha senso parlare con lei. Non voglio andare a turbare una persona già scossa. Ma queste cose non si costruiscono così”. Ha mai parlato con Elly Schlein? “Sì, una volta mi ha chiamato per sapere di mia figlia”.

schlein taruffi schlein taruffi

(...)

ilaria salis 5 ilaria salis 5 ilaria salis 4 ilaria salis 4 ilaria salis 3 ilaria salis 3 LE CATENE AI PIEDI DI ILARIA SALIS LE CATENE AI PIEDI DI ILARIA SALIS ILARIA SALIS INCATENATA ILARIA SALIS INCATENATA ilaria salis ilaria salis ILARIA SALIS IN TRIBUNALE ILARIA SALIS IN TRIBUNALE

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT – ALLA VIGILIA DEL DERBY CHE FORSE CONSEGNERÀ ALL’INTER LA SECONDA STELLA IN FACCIA AI TIFOSI DEL MILAN, GIUSEPPE MAROTTA METTE A SEGNO UN ALTRO COLPO: OTTIENE DA PIMCO UN FINANZIAMENTO DA 400 MILIONI PER RIPAGARE IL DEBITO CON OAKTREE, DANDO FIATO AL SUO AZIONISTA-FANTOCCIO ZHANG – INVECE GERRY CARDINALE VINCE LO SCUDETTO DEL BILANCIO, CHE IN UNA NAZIONE DOVE COMANDANO I FURBETTI, SA TANTO DELLA COPPA DEL NONNO – OGGI AL “SOLE 24 ORE”, CARDINALE RIPETE DI NON AVER BISOGNO DI SOCI PER IL MILAN. INTANTO HA FATTO SCADERE L’ESCLUSIVA CON GLI ARABI DI PIF, CHE AVREBBERO PORTATO 550 MILIONI E ANTONIO CONTE IN OMAGGIO…

DAGOREPORT - UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI ACQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

DAGOREPORT – IL DIAVOLO TRA DUE FUOCHI. IL MATRIMONIO TRA LOPETEGUI E IL MILAN È A UN PASSO. L’ACCORDO ECONOMICO È STATO TROVATO. MA PER L’ARRIVO DEL BASCO AL POSTO DI STEFANO PIOLI MANCA L'OK DI IBRAHIMOVIC, NOMINATO DA CARDINALE SUO PLENIPOTENZIARIO NEL CLUB – ZLATAN SPINGE PER ANTONIO CONTE, SOLUZIONE PIÙ GRADITA ALLA PIAZZA, IN CERCA DI UN MISTER CON GLI ATTRIBUTI (E LOPETEGUI IN SPAGNA È DETTO “EL CAGON”…) – RIUSCIRÀ IBRA A CONVINCERE LA SOCIETÀ A PUNTARE SU UN TECNICO DALLA PERSONALITÀ STRARIPANTE E MOLTO COSTOSO?

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)