“SE GRILLO AVESSE UN MINIMO DI DIGNITÀ DOVREBBE OCCUPARE IL MINISTERO DELLA CATALFO” – UN DISABILE DA UNA SETTIMANA OCCUPA IL PALAZZO DELLA REGIONE TOSCANA E SCATENA UN BATTIBECCO TRA IL PRESIDENTE ENRICO ROSSI E BEPPE-MAO – L’ELEVATO ACCUSA IL GOVERNATORE USCENTE DI FREGARSENE: “QUELLO CHE STA SUCCEDENDO È INTOLLERABILE”, E LUI REPLICA FUMANTE…

-

Condividi questo articolo

<iframe width="560" height="315" src="https://www.youtube.com/embed/pKLvIcRLKBU" frameborder="0" allow="accelerometer; autoplay; encrypted-media; gyroscope; picture-in-picture" allowfullscreen></iframe>

 

 

 

Marco Gasperetti per www.corriere.it

 

luigi gariano 4 luigi gariano 4

Mancano i finanziamenti e un disabile occupa la sede della regione Toscana per protesta. Beppe Grillo accusa via social il presidente della Regione d’insensibilità ed Enrico Rossi replica, sempre via internet, che «se Grillo avesse un minimo di dignità personale dovrebbe andare a occupare il ministero della grillina Nunzia Catalfo e chiedere almeno di raddoppiare i finanziamenti e restare lì finché non ha ottenuto il risultato».

 

beppe grillo contro enrico rossi 1 beppe grillo contro enrico rossi 1

La querelle inizia nel pomeriggio di martedì quando Grillo scrive, probabilmente dalla villa di Bibbona dove trascorre le vacanze estive, un post al veleno. «Quello che sta succedendo in Toscana è intollerabile», scrive il fondatore del M5S, «persone con disabilità gravi chiedono che i propri diritti non vengano calpestati.

 

Da ormai una settimana Luigi Gariano, 45 anni, che da quando aveva 30 anni ha una malattia neurodegenerativa, ha occupato il palazzo della Regione e al suo esterno la protesta pacifica continua.

 

enrico rossi enrico rossi

Stefania Saccardi, assessore al sociale, non si fa vedere, così come il presidente della regione Toscana, Enrico Rossi, che ieri è passato vicino Luigi, ha voltato le spalle e se ne è andato senza proferire parola. Cosa c’è di più disumano di tutto questo? Vi prego di dare il massimo supporto a questa vicenda, non circoscritta solo alla Toscana».

 

Blog e vita reale

Il governatore Rossi legge il messaggio, sorride amaramente e poi replica con un contro-post. «Vale la pena ricordare che i finanziamenti per la vita indipendente vengono stanziati a livello nazionale dalla ministra grillina del lavoro e delle politiche sociali», scrive il governatore, «lei mette 15 milioni per tutta l’Italia.

 

enrico rossi contro beppe grillo enrico rossi contro beppe grillo

La Regione Toscana ne mette già 9 ora e sta valutando di aggiungere altre risorse». Poi Rossi spiega che è stato proprio Grillo a non farsi mai vedere quando c’erano da discutere i problemi veri delle persone, siano esse lavoratori o disabili.

 

«Ha costruito un partito basandosi solo sulle invettive, spesso pure violente», continua Rossi, Beppe Grillo pontifica, spara bordate e pure “cazzate”, come direbbe nel suo linguaggio, dal suo blog, dalla sua tribuna virtuale senza confrontarsi mai concretamente con i problemi.

stefania saccardi enrico rossi stefania saccardi enrico rossi

 

Lo fa anche ora, alzando il dito, sui problemi dei disabili che invece noi ogni anno affrontiamo e risolviamo con accordi e compromessi possibili con coloro che protestano, e giustamente, a partire dalla loro reale condizione».

beppe grillo contro enrico rossi beppe grillo contro enrico rossi

 

la protesta di luigi gariano in regione toscana 2 la protesta di luigi gariano in regione toscana 2 protesta dei disabili in regione toscana protesta dei disabili in regione toscana la protesta di luigi gariano in regione toscana la protesta di luigi gariano in regione toscana stefania saccardi 1 stefania saccardi 1

Poi, dopo aver spiegato «noi siamo la Regione che, con convinzione, spende di più per la vita indipendente», consiglia a Beppe (come aveva fatto in passato Matteo Renzi da premier) di «uscire dal blog ed entrare nella vita reale».

la protesta di luigi gariano in regione toscana 1 la protesta di luigi gariano in regione toscana 1 luigi gariano luigi gariano

 

Condividi questo articolo

politica

“MIA MADRE FA LA REGISTA, MA NON È SPIELBERG” – CALENDA FA FINTA DI ESSERE UN CANDIDATO DEL POPOLO: “SONO NATO E VISSUTO NEL QUARTIERE AFRICANO, NON AI PARIOLI, NON VENGO DA UNA FAMIGLIA RICCA COME SI PENSA” – “A UN RAGAZZO DELLA PERIFERIA DIREI CHE SERVE AVER STUDIATO E LAVORATO: MI RENDO CONTO CHE FORSE QUEL RAGAZZO PENSA GLI SIA PIÙ VICINO UNO CHE HA VENDUTO LE BIBITE AL SAN PAOLO, MA POI…” – VIDEO: QUANDO DICEVA “SAREI UN CIALTRONE SE MI CANDIDASSI A ROMA”

NON BASTAVA LA FAMIGLIA TATUATA DEL CONSUMISMO: CONTE PARLA PURE CON GRETA - IN MEZZO ALL'EMERGENZA COVID, A CHE SERVONO GLI ECO-CONSIGLI DELLA SVEDESE? - I PUBBLICITARI CRITICI SULLA SCELTA DEI FERRAGNEZ: ''SONO GLI ALBANO E ROMINA 4.0, È IL MAINSTREAM, E QUELLO VIENE SCELTO QUANDO NON SI HA TROPPA FANTASIA. SPONSORIZZANO DECINE DI PRODOTTI, PER CARITÀ PIACCIONO, MA CREDO SIANO L’ULTIMO RIFUGIO DI CHI NON HA IDEE, INSOMMA È UNA RESA DEL CLIENTE (IN QUESTO CASO IL GOVERNO) AL PENSIERO UNICO''

IL GOVERNO IN BOLLETTA CHIEDE L'ANTICIPO SULLO STIPENDIO - GUALTIERI VORREBBE CHE 15 DEI 39 MILIARDI DELLA MANOVRA FOSSERO GIÀ NELLA COLONNINA ''RECOVERY FUND''. MA IL VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE VALDIS DOMBROVSKIS, CHE GERARCHICAMENTE È IL CAPO DI PAOLO GENTILONI, IERI HA DATO UN ULTERIORE COLPO DI FRENO, AVVERTENDO CHE I BONIFICI AGLI STATI PARTIRANNO ''SOLO QUANDO I PAESI DIMOSTRERANNO DI AVER RAGGIUNTO TRAGUARDI CHIARI E OBIETTIVI IDENTIFICATI NEI LORO PIANI NAZIONALI''