IN PAKISTAN STA SUCCEDENDO UN CASINO – DOPO LE ELEZIONI 50 PERSONE SONO MORTE IN ESPLOSIONI E SPARATORIE. DAL CARCERE, L’EX PRIMO MINISTRO IMRAN KHAN ESULTA: LA SUA “LISTA INDIPENDENTE” HA OTTENUTO 101 PARLAMENTARI NONOSTANTE LA REPRESSIONE CONTRO DI LUI E I SUOI SOSTENITORI - L’EX PREMIER AMATO DALL’ESERCITO, NAWAZ SHARIF, SOSTIENE DI AVER VINTO, NONOSTANTE LA "LEGA MUSULMANA" ABBIA SOLO 73 PARLAMENTARI – LE MANOVRE DEL CAPO DELL'ESERCITO, ASIM MUNIR...

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Carlo Pizzati per “La Repubblica”

 

IMRAN KHAN IMRAN KHAN

Tutti vincitori. Ma tutti perdenti. L’intero Pakistan ha perso le elezioni, checché ne dica il vero manovratore del potere, il generale Asim Munir a capo delle Forze Armate. Per rappacificare gli animi, dopo che in due giorni sono morte più di 50 persone in esplosioni, attacchi e sparatorie, Munir si è congratulato per come si sono svolte le elezioni: «Ora servono mani stabili dal tocco guaritore per formare un governo».

 

Ma a parte le vittime, come fanno notare Unione europea, Gran Bretagna e Stati Uniti, qui servono inchieste sui possibili brogli. Denunciata da più parti la sospensione dei collegamenti dei cellulari «per questioni di sicurezza». Che il governo poi ha detto essere la causa di misteriosi ritardi nello spoglio, forse per coprire un tentativo di falsificazioni.

 

Asim Munir Asim Munir

Dal carcere, l’ex primo ministro Imran Khan canta vittoria. La “lista indipendente” legata al suo Partito Tehreek-e-Insaf (Pti) ha 101 parlamentari, in una gara che ricorda un incontro di box in cui uno dei pugili ha le braccia legate, ma vince comunque. Il Pti non ha potuto usare il simbolo della mazza da cricket riconoscibile per il 40 % della popolazione analfabeta. Gli è stato proibito di presentarsi come partito. La sua leadership è stata incarcerata, torturata, minacciata. I sostenitori arrestati alle manifestazioni. Per aggirare la censura del carcere, Khan ha diffuso un video prodotto con l’Intelligenza artificiale: «Sono orgoglioso di voi», dice l’avatar di Khan, «siete accorsi in massa e avete vinto. Ora dovete proteggere il risultato». […]

 

IMRAN KHAN IMRAN KHAN

In un comizio, l’ex premier e attuale beniamino dei militari, Nawaz Sharif, reclama anche lui la vittoria, nonostante la sua Lega musulmana abbia solo 73 parlamentari, lontani dai 136 necessari per formare un governo: «Siamo il primo partito in Pakistan» assicura. Tecnicamente ha ragione perché la “lista indipendente” non è un partito, anche se entro 24 ore potrà diventarlo, secondo il portavoce di Khan. «Ma non siamo riusciti ad avere la maggioranza per andare al governo», spiega Sharif, «quindi ora aprirò le consultazioni per una coalizione».

 

NAWAZ SHARIF NAWAZ SHARIF

Il suo primo interlocutore sarà Bilawal Zardari Bhutto, figlio della premier Benazir Bhutto assassinata nel 2007. Il suo Partito popolare per il Pakistan (Ppp) ha 54 seggi parlamentari. Tanti, ma non si arriva a 136 sommandoli a quelli di Sharif. Bisognerà forse aprire ai quarti qualificati, i centristi del Movimento Muttahida Qomi, che hanno 17 parlamentari. Questa non è la stabilità auspicata. Non è ciò di cui il Pakistan ha bisogno. Tutto il contrario.

 

L’estate scorsa questa nazione così travagliata, con inflazione al 40%, scarsità di carburante, blackout costanti ed economia con crescita debole era sull’orlo del default. S’è salvato grazie ai soccorsi del Fondo monetario internazionale che, a fronte di garanzie su una rappresentatività democratica, ha sborsato 3 miliardi di dollari. Dureranno fino a marzo. Poi bisognerà rinegoziare. Per questo ci vuole un governo forte in grado di prendere impegni credibili.

NAWAZ SHARIF E NARENDRA MODI NAWAZ SHARIF E NARENDRA MODI

 

E non una coalizione con un leader con un quarto dei voti, costretto a mediare tra interessi diversi, che ha contro quasi mezzo parlamento guidato da Khan. A questo caos pakistano, s’aggiunge l’accerchiamento senza precedenti dei Paesi confinanti. I talebani pakistani che nel 2014 furono cacciati in Afghanistan, con il ritorno al potere degli studenti coranici a Kabul nel 2021, ora colpiscono nel Nord-ovest con armi sofisticate abbandonate dagli americani.  […]

arresto di imran khan arresto di imran khan

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…