IL PASSATO CHE CI TRAPASSA - BOBO CRAXI: “PAPÀ PAGÒ PER UN INTERO SISTEMA, SILVIO PAGA PER COLPE SOLO SUE”

“Mio padre fu il capro espiatorio. Berlusconi è entrato in politica per evitare i processi. Non sta crollando un sistema. C’è un uomo che paga colpe e incapacità personali. So che gli è stata consigliata la fuga. Potrebbe andare in Russia, se Putin gli darà asilo politico. Alfano al momento giusto, tradirà”

Condividi questo articolo

Fabrizio d'Esposito per il "Fattoquotidiano"

BOBO CRAXI BETTINO E SILVIO BERLUSCONIBOBO CRAXI BETTINO E SILVIO BERLUSCONI

Sarà la Mosca di Putin la Hammamet di Berlusconi latitante alla bisogna? Oppure il Kazakhstan? Quando un sistema crolla e la storia si ripete, il sipario rischia di aprirsi sulla farsa non su una tragedia.Bobo Craxi, figlio di Bettino, è stato sottosegretario nell'ultimo governo prodiano di centrosinistra.

Berlusconi come Craxi, Bettino.
Mio padre e Berlusconi erano amici. Con il Cavaliere non ho più rapporti ma guardo a lui con simpatia. Sono gli unici due ex primi ministri a essere inquisiti. Detto questo sono casi molto diversi se non opposti.

CRAXI E BERLUSCONI AL MARECRAXI E BERLUSCONI AL MARE

Però il risultato è lo stesso: la voglia di scappare.
Mio padre fu un esule. Era un capo politico e andò in uno Stato arabo, la Tunisia, pronto a difenderlo con le armi. Craxi fece come il generale Kutuzov, arretrò cercando poi di vincere. Berlusconi per i suoi guai giudiziari sarà un latitante.

LETTERA DI BERLUSCONI A CRAXILETTERA DI BERLUSCONI A CRAXI

Questione di sfumature.
Per niente. Craxi fu il capro espiatorio di un intero sistema. Finanziamento volgarmente illegale ai partiti, prassi che seguivano tutti dal 1945. Il pool di Mani pulite era una giunta militare e mio padre fu cacciato come hanno fatto i generali egiziani con Morsi.

E il Cavaliere?
È entrato in politica per evitare i processi. Si è trascinato dietro il fattore dell'impunità per vent'anni, piegando il Parlamento in una sartoria di leggi ad personam. E i suoi reati sono altri, legati a lui e alle sue aziende: frodi fiscali, storie di bordello e così via.

silvio berlusconi E CRAXIsilvio berlusconi E CRAXI

Niente sistema, quindi.
Per me è così. Qui non sta crollando un sistema. C'è un uomo che ha consumato la sua parabola e paga colpe e incapacità personali. Un caso singolare e al singolare. Non c'è alcuna giunta militare che lo vuole cacciare. Non c'è una guerra come quella tra il '92 e il '94.

CRAXI-BERLUSCONICRAXI-BERLUSCONI

E chi usa termini come pacificazione per salvare B.?
Conosco il potere e so che se una cosa la si vuol fare, la si fa. Evidentemente nessuno ha voluto fare qualcosa per salvarlo. Ma il problema è una persona, ripeto, non tutto il sistema.

B. non potrà vantarsi di essere un esule.
Rischia di passare da uno Stato all'altro, a meno che Putin o altri non gli concedano l'asilo politico.

craxi berlusconi langcraxi berlusconi lang

Fuggirà?
So che gli è stata consigliata anche questa opzione ma non so altro. Penso però che non gli convenga.

Perché?
Craxi fu isolato e cacciato. Berlusconi può ancora rovesciare tutto. Il governo, il Parlamento con l'Aventino e le dimissioni di massa, le elezioni anticipate. Per lui la battaglia in Italia non è finita, ha ancora molte garanzie.

CRAXI, BERLUSCONI E PANSECACRAXI, BERLUSCONI E PANSECA

Ma il Pdl può implodere dopo l'eventuale conferma della condanna.
Ci sarà una parte radicale che chiederà di fare l'Aventino e un'altra che per senso di responsabilità vorrà continuare a governare.

Responsabilità e tradimento. Chi sarà il Giuliano Amato del Pdl?
Angelino Alfano, mi sembra naturale per il ruolo che ricopre.

Berlusconi latitante e Alfano al governo. Altro remake di vent'anni fa, protagonisti Craxi e Amato.
Craxi non fu latitante. Anche Salvador Allende venne accusato di corruzione.

 

 

Condividi questo articolo

politica

DI MAIO ALL'ATTACCO DI ZANDA PER LA DONAZIONE DI 15 MILA € RICEVUTA DA CARLO DE BENEDETTI. “SAREBBE GRAVE SE FOSSE VERO: E POI CI VENGONO A PARLARE DI LIBERTA’ DI STAMPA?” - LA REPLICA DEL TESORIERE DEL PD (CHE ANNUNCIA QUERELA CONTRO IL VICEPREMIER): “IL CONTRIBUTO DI DE BENEDETTI (CHE DA TEMPO NON È PIÙ L' EDITORE DELL' ESPRESSO) È STATO REGOLARMENTE COMUNICATO E COMPARE NEI BOLLETTINI DELLE CAMERE. FORSE A DI MAIO DÀ FASTIDIO ANCHE LA TRASPARENZA”- LA NOTA DI "REPUBBLICA"