POLITICA & AFFARI (TUTTO AMUNDI È PAESE) - CHE HA FATTO ENRICHETTO LETTA DAL MOMENTO DELLO SCAMBIO DELLA CAMPANELLA CON RENZI A QUELLO DEL SUO RITORNO A ROMA COME SEGRETARIO DEL PD? HA FATTO OTTIMI AFFARI! – NEL 2016, COME ADVISOR DI AMUNDI, IL MAGGIOR GRUPPO DI RISPARMIO GESTITO FRANCESE CHE ACQUISI' PIONEER DA UNICREDIT - DAL 2016 AL 2018, ABERTIS, AUTOSTRADE DI SPAGNA, LO PAGAVA 115MILA EURO L’ANNO PER STARE NEL CDA, POI CONSULENZE CON MANDREDI CATELLA, SPENCER AND STUART, EURASIA GROUP E GRUPPO AMBROSETTI - 14 MARZO 2021 TORNA E ANNUNCIA: “LASCIO TUTTI GLI INCARICHI CON RETRIBUZIONE” 

-

Condividi questo articolo


ENRICO LETTA -EVENTO AMUNDI DEL 21 FEBBRAIO 2021 ENRICO LETTA -EVENTO AMUNDI DEL 21 FEBBRAIO 2021

 

1 - DAGONOTA

Che cosa ha fatto Enrico Letta nei 7 anni e poco più che sono passati dal velenoso scambio della campanella con Renzi al suo ritorno a Roma come segretario del PD?

 

Più che alla nobile arte dell’insegnamento a Science Po, a Parigi si è occupato di affari! Nel maggio del 2016 fu nominato membro dell’advisory board di “Amundi”, colosso francese del risparmio gestito che a dicembre dello stesso anno rilevò Pioneer da Unicredit. Sempre in quell’anno entrò nel consiglio di Abertis in cambio di un compenso da 115mila euro all’anno.

MATTEO RENZI ENRICO LETTA MEME MATTEO RENZI ENRICO LETTA MEME

 

Come scriveva Francesco Bonazzi in un articolo pubblicato da “La Verità” nel 2017, Letta ha avuto incarichi remunerati anche in “Spencer and Stuart Italia”, “Eurasia group” e “European house Ambrosetti”. Incarichi che il “Sotti-Letta” ha detto di aver lasciato il giorno della nomina a segretario del Pd: “tengo solo la presidenza, non retribuita, della fondazione Delors”.

 

enrico letta enrico letta

Ha fatto la scelta giusta, anche se la sua storia di questi anni è l'ennesima dimostrazione della prassi consolidata di commistione tra pubblico e privato tra i politici (ed ex premier in particolare). In tempi di pace e di quiete, niente di male. Ma cosa succede quando gli interessi dell’Italia entrano in conflitto con uno dei gruppi di potere che hanno pagato bei soldoni per quelle consulenze? Ah, saperlo...

 

 

 

2 - PROGRESSISTI NEI VALORI RIFORMISTI NEL METODO

Estratto del discorso di Enrico Letta all’assemblea del PD - 14 marzo 2021

ENRICO LETTA -EVENTO AMUNDI DEL 21 FEBBRAIO 2021 ENRICO LETTA -EVENTO AMUNDI DEL 21 FEBBRAIO 2021

 

Io scelgo il partito perchè ritengo che questa sia la sfida essenziale per l’Italia ma anche per l’Europa. Dobbiamo fare un partito con le porte aperte. Io arrivo da persona libera che ha imparato che la vita è molto bella ed è piena di sorprese.

 

Lascio tutti gli incarichi che avevo con retribuzione ma tengo la presidenza, non retribuita della fondazione Delors. Non arriva qui un segretario sulle ali dell’esaltazione di quelli che lo osannano. Sono qui per fare le cose. E citando Nino Andreatta: ‘Non c’è nulla di più sovversivo della verità'”.

ENRICO LETTA GIOCA A CALCIO ENRICO LETTA GIOCA A CALCIO

 

3 - ENRICO LETTA ENTRA IN CASA AMUNDI

Da www.citywire.it - 31 maggio 2016

 

Enrico Letta entra in casa Amundi. L’ex presidente del Consiglio è stato nominato membro del neocreato advisory board del gruppo francese dell’asset management.

 

Il gruppo di esperti è guidato da Hubert Védrine, ex ministro francese degli Esteri, e conta tra i suoi componenti Helen Alexander, ex presidente della Confederation of British Industry, Maurice Levy, presidente e direttore generale del gruppo Publicis, Jürgen Stark, ex membro del direttivo Bce.

JURGEN STARK JURGEN STARK

 

Ma ci sono anche un ex vicepresidente di Morgan Stanley, un ex viceministro delle Finanze giapponese, un ex ministro dell’Ambiente spagnolo.

 

Il gruppo si riunirà varie volte all’anno e affronterà temi strategici, legati a macroeconomia e geopolitica.

 

LETTA-RENZI LETTA-RENZI

Letta ricopre varie cariche di peso a livello internazionale: dal 2015 è alla guida della scuola di Affari Internazionali dell’istituto di studi politici Paris-Sciences Po.

 

4 - IL PD IN IMBARAZZO PER I RAPPORTI DI ENRICO LETTA E COMPAGNI COI BENETTON. PAOLINA DE MICHELI FACEVA PARTE DELLA 'FONDAZIONE VEDRÒ' DI LETTA, A LUNGO FINANZIATA GENEROSAMENTE DA AUTOSTRADE - UNA VOLTA PREMIER, LETTA AL GOVERNO CHIAMA DALL'ASPI SIMONETTA GIORDANI. DEFENESTRATO DA RENZI, IL PIO LETTA ENTRA NEL CDA DI a E SE NE ESCE POCO PRIMA CHE BENETTON LANCI L'OPA SULLA SOCIETÀ SPAGNOLA

https://www.dagospia.com/rubrica-3/politica/chi-era-ministro-che-ha-chiamato-castellucci-alitalia-era-forse-252720.htm – DAGOSPIA DEL 13 NOVEMBRE 2020

 

simonetta giordani simonetta giordani

 

5 - LETTA STA SERENO (CON LE AUTOSTRADE): IL CINCINNATO DEL TERZO MILLENNIO INCASSERÀ 115MILA EURO L'ANNO PER SEDERE NEL CDA DI ABERTIS, GIGANTE SPAGNOLO CHE CONTROLLA LA RICCA BRESCIA-PADOVA - MA LO PAGANO ANCHE AMUNDI (GESTIONE DEL RISPARMIO), SPENCER AND STUART (CON LO ZIO GIANNI), EURASIA GROUP E AMBROSETTI. NON MALE PER UNO CHE DICE DI FARE ANCORA IL POLITICO E TRAMA DA PARIGI, DOVE INSEGNA ALL'UNIVERSITÀ, PER FAR CADERE L'ODIATO RENZI

Estratto dell’articolo di Francesco Bonazzi per “La Verità” - 15 aprile 2017

 

ENRICO LETTA RENZI ENRICO LETTA RENZI

Letta però è un democristiano a 24 carati. Uno di quelli che arretra solo per avanzare, come i suoi mentori Romano Prodi e Giovanni Bazoli. E se acchiappa una poltrona non la sta a sventolare, specie se l' incarico è remunerato.

 

E bisogna dire che la sua stagione «lontano da Roma» costerà una certa fatica al commercialista di fiducia. Non solo per i 115.000 euro di emolumento annuo previsto da Abertis per i consiglieri semplici. Nel bilancio del gruppo autostradale si legge che Letta siede anche nel consiglio di Liberty London, fondazione britannica, a titolo gratuito. Mentre i suoi incarichi remunerati sono, oltre che nel colosso autostradale spagnolo, in Amundi, Spencer and Stuart Italia, Eurasia group e European house Ambrosetti.

ENRICO LETTA PARLA DI DRAGHI A PORTA A PORTA ENRICO LETTA PARLA DI DRAGHI A PORTA A PORTA

 

Amundi è il maggior gruppo di risparmio gestito francese e uno dei colossi del settore a livello mondiale. Letta è entrato il 31 maggio 2016 e a dicembre Amundi ha rilevato Pioneer da Unicredit per 3,5 miliardi. Una campagna d' Italia davvero fortunata. Chissà che rischi avrà segnalato, sull' Italia e su Renzi, il buon Letta.

 

(…)

ENRICO LETTA E MATTEO SALVINI ENRICO LETTA E MATTEO SALVINI enrico letta e oscar camps enrico letta e oscar camps enrico letta sebastien maillard enrico letta sebastien maillard enrico letta sebastien maillard enrico letta sebastien maillard

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LUGLIO SI CONFERMA IL MESE PIÙ CRUDELE PER IL FASCISMO DI IERI (25 LUGLIO, LA CADUTA DEL DUCE) E PER IL POST-FASCISMO DI OGGI (18 LUGLIO, L’EURO-CAPITOMBOLO DELLA DUCETTA) - IL "NO" A URSULA VON DER LEYEN SEGNA LO SPARTIACQUE DEL GOVERNO MELONI NON SOLO IN EUROPA MA ANCHE IN CASA: SI TROVERÀ CONFICCATA NEL FIANCO NON UNA BENSÌ DUE SPINE. OLTRE ALL'ULTRA' SALVINI, S'AVANZA UNA FORZA ITALIA CON VOLTI NUOVI, NON PIÙ SUPINA MA D’ATTACCO, CHE ''TORNI AD ESSERE RIFERIMENTO DEI TANTI MODERATI DEL PAESE” (PIER SILVIO) - ORA I PALAZZI ROMANI SI DOMANDONO: CON DUE ALLEATI DI OPPOSIZIONE, COSA POTRÀ SUCCEDERE AL GOVERNO DELLA UNDERDOG DELLA GARBATELLA? NELLA MENTE DELLA DUCETTA SI FA STRADA L’IDEA DI ANDARE AL VOTO ANTICIPATO (COLLE PERMETTENDO), ALLA RICERCA DI UN PLEBISCITO CHE LA INCORONI “DONNA DELLA PROVVIDENZA” A PIAZZA VENEZIA - MA CI STA TUTTA ANCHE L’IDEA DI UNA NUOVA FORZA ITALIA CHE RIGETTI L'AUTORITARISMO DI FDI PER ALLEARSI CON IL PARTITO DEMOCRATICO E INSIEME PROPORSI ALL’ELETTORATO ITALIANO COME ALTERNATIVA AL FALLIMENTO DEL MELONISMO DEL “QUI COMANDO IO!”

DAGOREPORT - ANZICHÉ OCCUPARSI DI UN MONDO SOTTOSOPRA, I NOSTRI SERVIZI SEGRETI CONTINUANO LE LORO LOTTE DI POTERE - C’È MARETTA AL SERVIZIO ESTERO DELL’AISE, IL VICE DIRETTORE NICOLA BOERI VA IN PENSIONE. CARAVELLI PUNTA ALLA NOMINA DEL SUO CAPO DI GABINETTO, LEONARDO BIANCHI, CHE È CONTRASTATA DA CHI HA IN MENTE UN ESTERNO – ACQUE AGITATE ANCHE PER IL CAPO DELL’AISI, BRUNO VALENSISE: IL SUO FEDELE VICE DIRETTORE CARLO DE DONNO VA IN PENSIONE, MENTRE L’ALTRO VICE, GIUSEPPE DEL DEO, USCITO SCONFITTO DALLA CORSA PER LA DIREZIONE, SCALPITA – MENTRE I RAPPORTI CON PALAZZO CHIGI DELLA DIRETTORA DEL DIS, ELISABETTA BELLONI, SI SONO RAFFREDDATI…

DAGOREPORT – GIORGIA VOTA NO E URSULA GODE – VON DER LEYEN È DESCRITTA DAI FEDELISSIMI COME “MOLTO SOLLEVATA” PER IL VOTO DI GIOVEDÌ, SOPRATTUTTO PERCHÉ ORA NON È IN DEBITO IN NESSUN MODO CON LA DUCETTA – LA PRESIDENTE DELLA COMMISSIONE UE ERA DETERMINATA A METTERSI NELLE CONDIZIONI DI NON CHIEDERE L'APPOGGIO DI FDI E AVEVA DATO DISPOSIZIONI DI CALCOLARE IN ANTICIPO IL NUMERO DEI FRANCHI TIRATORI – I DUE CONTATTI TELEFONICI CON MELONI PRIMA DEL VOTO E IL TIMORE CHE, SOTTO LA SPINTA DI TAJANI, LA SORA GIORGIA AVREBBE GIOCATO LA CARTA DEL VOTO FAVOREVOLE DI FDI PER INCASTRARLA POLITICAMENTE…

FLASH! - ALLA DIARCHIA DEI BERLUSCONI NON INTERESSA ASSOLUTAMENTE AVERE UN RUOLO POLITICO (MARINA HA IMPOSTO IL VETO A PIER SILVIO). MOLTO MEGLIO AVERE UN PESO POLITICO - DI QUI L'IDEA DI COMPRARE UN QUOTIDIANO GIA' IN EDICOLA ( "IL GIORNO" DI RIFFESER?), VISTO CHE "IL GIORNALE" DI SALLUSTI E ANGELUCCI SERVE ED APPARECCHIA SOLO PER GIORGIA MELONI - IMPOSSIBILITATI PER RAGIONI DI ANTI-TRUST, L'OPERAZIONE DI MARINA E PIER SILVIO VERREBBE PORTATA A TERMINE DA UN IMPRENDITORE AMICO, FIANCHEGGIATORE DI FORZA ITALIA... 

DAGOREPORT - SE "AMERICA FIRST" DI TRUMP CONQUISTERA' LA CASA BIANCA PER L'EUROPA NULLA SARA' COME PRIMA - NEI SUOI 4 ANNI DA PRESIDENTE TRUMP NON HA MANCATO DI EVIDENZIARE L’IRRILEVANZA DELL'UNIONE EUROPEA, ENTRANDO IN CONFLITTO PER LO SCARSO IMPEGNO ECONOMICO A FINANZIARE LA NATO - AL 'NYT' IL TRUCE VANCE HA GIA' MESSO IN CHIARO CHE IL FUTURO DELL'UCRAINA "NON E' NEL NOSTRO INTERESSE" - SE LO ZIO SAM CHIUDE I RUBINETTI, DOVE VA UN'EUROPA DISSANGUATA DALLA GUERRA RUSSO-UCRAINA? AL VECCHIO CONTINENTE NON RESTERA' ALTRO CHE RICOMINCIARE A FARE AFFARI CON IL PRINCIPALE COMPETITOR DEGLI STATI UNITI PER LA SUPREMAZIA GLOBALE, L'ONNIPRESENTE CINA DI XI JINPING - DAVANTI A UNO SCENARIO DEL TUTTO NUOVO, CON L'UE COSTRETTA A RECUPERARE I RAPPORTI CON PECHINO E MOSCA (ORBAN E' GIA' AL LAVORO), COME REAGIRA' L'EX "SCERIFFO DEL MONDO"?