1. QUANTO PUÒ DURARE ANCORA LA PARTITA DI POKER CON BLUFF DI MELONI CON L’EUROPA?
2. DAL 1 GENNAIO DEL 2024, SE ROMA NON RATIFICA IL MES, TUTTI GLI ALTRI 26 STATI MEMBRI DELL'UNIONE EUROPEA SAREBBERO SENZA OMBRELLO DI SALVATAGGIO IN CASO DI DEFAULT
3. NEGOZIANDO, COME SE FOSSE AL MERCATINO DI PORTA PORTESE, LA CONTRATTAZIONE SUL PATTO DI STABILITÀ IN CAMBIO DEL MES, LA DUCETTA RISCHIA DI RESTARE COL CERINO ACCESO
4. PER BRUXELLES, IL “PACCHETTO MELONI” È UNA MINACCIA CHE REGGE POCO: L’UNICO PAESE CHE RISCHIA IL DEFAULT, DALL’ALTO DI UN DEBITO PUBBLICO MOSTRUOSO (2.844 MILIARDI DI EURO) SAREBBE L’ITALIA. E SENZA MES, I MERCATI LA PUNIREBBERO CON LO SPREAD IN SALITA
6. PER LA DUCETTA LA RIUSCITA DELLA TRATTATIVA SAREBBE L’UNICA VIA D’USCITA PER EVITARE DI VENIR SBERTUCCIATA COME “CAMALEONTE” - O PEGGIO: “LA CAZZARA DELLA FIAMMA” - NON SOLO DALL’OPPOSIZIONE MA SOPRATTUTTO INFILZATA DA MATTEO SALVINI, CHE NON ASPETTA ALTRO CHE GIORGIA RATIFICHI IL MES PER SPUTTANARLA E RIACCHIAPPARE I VOTI PERDUTI

Condividi questo articolo


 

 

giorgia meloni contro il mes giorgia meloni contro il mes

DAGOREPORT

Dal 1 gennaio del 2024, se il governo Meloni non ratifica il Mes, tutti gli Stati membri dell'UE sarebbero senza ombrello di salvataggio in caso di default. Portando avanti, come se fosse al mercatino di Porta Portese, la contrattazione di scorporare nel Patto di Stabilità alcuni investimenti in cambio della ratifica del Fondo Salva Stati (Mes), l’Evita Peron di Colle Oppio rischia di rimanere col cerino acceso in mano. 

 

giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato giovanbattista fazzolari giorgia meloni al senato

Cotonandosi l’ego di arroganza mista a incoscienza, il duplex Meloni-Fazzolari ha cogitato che non era il caso di presentarsi al Consiglio Europeo del 15 dicembre con le armi spuntate, cioè col Mes approvato, meglio, molto meglio ingaggiare una tosta battaglia contro gli euro-burocrati e far vedere quante palle ha l’Italia della destra-destra.  

 

Non siamo per niente Gentiloni, da una parte. Dall’altra, per il duplex Meloni-Fazzolari la riuscita della trattativa sarebbe l’unica via d’uscita per cantar mediaticamente vittoria e contemporaneamente nascondere sotto il polverone la firma di un trattato internazionale che ieri l’ex compagna di Giambruno liquidava come “anticamera della troika” e “cappio al collo”

 

SALVINI CONTRO L EURO SALVINI CONTRO L EURO

Ecco perché, in barba alla calendarizzazione in Parlamento fissata per il 14 dicembre, lo stop al Mes arrivato dalla Lega per bocca del capogruppo alla Camera Riccardo Molinari, non ha creato alcun dispiacere ai Fratellini d’Italia. 

 

Anzi: Giorgetti è troppo tonto per riuscire a trasformare una sconfitta in un successo, qui ci vuole l’eloquio coattello della Sora Giorgia, una capace di mutare la Coca Cola in Pepsi, il fascismo in un fascio di rose, un cognato in un ministro.

 

QUANDO GIORGIA MELONI ERA CONTRARIA AL MES - 3 QUANDO GIORGIA MELONI ERA CONTRARIA AL MES - 3

Il camaleonte Meloni, ingranata la modalità democristiana, sa bene come gestire davanti alle telecamere la comunicazione di una tale dirompente “rogna”, evitando di così di venir sbertucciata come “Giorgia Zelig” - o peggio: “la cazzara della Fiamma” - non solo dall’opposizione (si fa per dire) ma soprattutto infilzata come un tordo dal suo nemico più intimo Matteo Salvini, che sulla ratifica del Mes non aspetta altro per sputtanarla e riacchiappare i voti perduti.

 

Per gli euro-poteri di Bruxelles, che non vogliono sentir parlare del “pacchetto Meloni”, quella del governo italiano è una mera minaccia da mercatino arabo, che regge poco, in quanto nell’Unione sanno che l’unico paese a correre un serio rischio di default, dall’alto di un debito pubblico mostruoso (2.844 miliardi di euro), sarebbe l’Italia. E senza la ratifica, i mercati la punirebbero con lo spread in salita e conseguente aumento del debito pubblico. 

 

GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN GIORGIA MELONI E URSULA VON DER LEYEN

La furbetta della Garbatella, scrivono oggi “La Stampa” e “Repubblica”, potrebbe siglare il trattato a gennaio, nella bolgia delle feste tra capodanno e l’Epifania, con l’opinione pubblica in prognosi riservata sul divano per overdose di panettoni e cotechini, ma avrebbe contro i ventisei paesi incazzati che hanno già firmato. A questo punto, la domanda sorge spontanea: fino a quando può andare avanti il poker con bluff di Giorgia Meloni con l’Unione Europea?

 

 

ARTICOLI CORRELATI

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

fazzolari meloni fazzolari meloni

 

 

 

 

 

 

 

 

QUANDO GIORGIA MELONI ERA CONTRARIA AL MES - 2 QUANDO GIORGIA MELONI ERA CONTRARIA AL MES - 2

 

 

 

QUANDO GIORGIA MELONI ERA CONTRARIA AL MES - 1 QUANDO GIORGIA MELONI ERA CONTRARIA AL MES - 1

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - LA FESTA APPENA COMINCIATA È GIÀ FINITA? NO: MA LA SARDEGNA SARÀ L’INIZIO DELLA FINE SE LA DUCETTA NON SI FICCA NELLA TESTOLINA CHE LA POLITICA NON È “QUI COMANDO IO!” - GRAZIE A SU POPULU SARDU, IL CENTROSINISTRA UNITO HA PIÙ NUMERI DEL CENTRODESTRA A PEZZI - FINO A IERI, ALLE AVVISAGLIE DI SALVINI DI TOGLIERE L’APPOGGIO AL GOVERNO, LA MELONA GHIGNAVA MINACCIANDO DI RIPORTARE LA “NAZIONE” AL VOTO. E CON LA VITTORIA DI TRUZZU, AVREBBE CAPITALIZZATO LA SUA PREMIERSHIP DA EROE DEI DUE MONDI - CON LA DISFATTA SARDA E SALVINI AL MURO, DOVE VA “IO SO’ GIORGIA E VOI NON SIETE UN CAZZO”? - SENZA IL TERZO MANDATO, ZAIA PRONTO A SCENDERE DAL CARROCCIO E ADERIRE ALLA LIGA VENETA, LA LEGA SI SPACCA. PER LA DUCETTA INIZIANO GIORNI MOLTO, MOLTO DIFFICILI…

FLASH! – SABATO 24 FEBBRAIO I GIORNALI FILO-MELONIANI TUTTI IN SOLLUCCHERO PER LA NOTIZIA DELLA NUOVA VISITA DI GIORGIA MELONI ALLA CASA BIANCA, ENFATIZZANDO IL VIAGGIO DEL 1 MARZO DELLA DUCETTA NEGLI USA (“LIBERO”: “L’ITALIA PROTAGONISTA”; “IL MESSAGGERO”: “OGGI PATTO CON ZELENSKY. E POI VERTICE DA BIDEN”). MA ERANO I SOLITI SPECCHIETTI PER GLI ALLOCCONI, VISTO CHE SI TRATTA DI UNA PRASSI DEL G7: OGNI ANNO, IL PRIMO MINISTRO DEL PAESE CHE ASSUME LA PRESIDENZA, VA IN TOUR TRA LE CAPITALI DEI PAESI CHE FANNO PARTE DEL GRUPPO DEI 7. INFATTI, È GIÀ STATA IN GIAPPONE E IL 2 MARZO ANDRÀ IN CANADA...

MELONI MARCI - DOMENICA 18 FEBBRAIO DAGOSPIA MEJO DEL MAGO OTELMA: UNICO ORGANO DI INFORMAZIONE A PREVEDERE LA DISFATTA SARDA! "FRA 7 GIORNI, LE REGIONALI IN SARDEGNA POTREBBERO RIVELARSI MOLTO SORPRENDENTI - L’ULTIMO SONDAGGIO RISERVATO È UNA DOCCIA GELATA PER I SOGNI DI GLORIA DI MELONI: TODDE SORPASSA TRUZZU, SINDACO DI CAGLIARI IMPOSTO DALLA DUCETTA IN CULO A SALVINI - SE TALI RILEVAZIONI DIVENTASSERO REALTÀ, IL CENTRODESTRA PERDEREBBE LA REGIONE SARDEGNA E PER MELONI SAREBBE LA PRIMA BRUCIANTE SCONFITTA. MENTRE PER PD-M5S IL SOGNO DI UNIRE LE FORZE POTREBBE DIVENTARE REALTÀ -. DOPO UN ANNO E MEZZO, LA LUNA DI MIELE E' FINITA? 

1968, IL “MIRACOLO” DEL TEATRO VIVENTE – “ODIO E AMORE”, LA BELLISSIMA E ANCORA ATTUALISSIMA POESIA DEL LIVING THEATRE, BALBETTATA DA DAGO IN ‘’ROMA SANTA E DANNATA’’, ACCENDE LA CURIOSITÀ DEI LETTORI – PER LA RAPPRESENTAZIONE DI ‘’PARADISE NOW’’ ALL'UNIVERSITÀ LA SAPIENZA DI ROMA, DAVANTI ALLA FACOLTÀ DI LEGGE, COVO DEI FASCISTI, LO SCONTRO ERA DATO PER SCONTATO. INVECE ACCADDE IL “MIRACOLO DELL’AMORE”: MENTRE JUDITH MALINA COMINCIÒ A DECLAMARE LA POESIA, I RAGAZZI DEL LIVING COMINCIARONO A FARE A MENO DEI LORO VESTITI… - VIDEO E TESTO INTEGRALE