QUANTO SONO VICINE CINA E RUSSIA? - XI JINPING ANDRÀ A MOSCA IN PRIMAVERA PER RAFFORZARE LA COOPERAZIONE ECONOMICA E MILITARE CON PUTIN IN CHIAVE ANTI-OCCIDENTALE - MA PECHINO CONTINUA A SPINGERE LA RUSSIA AL NEGOZIATO PER UN CESSATE IL FUOCO IN UCRAINA - IL COMMERCIO BILATERALE TRA I DUE PAESI È CRESCIUTO DI UN QUARTO NELL'ULTIMO ANNO E, ENTRO FINE 2024, POTREBBE RAGGIUNGERE LA CIFRA RECORD DI 200 MILIARDI DI DOLLARI. SUL PIANO FINANZIARIO IL RUBLO RUSSO SI LEGA SEMPRE PIÙ ALLA VALUTA CINESE, LO YUAN…

-

Condividi questo articolo


xi jinping vladimir putin a samarcanda xi jinping vladimir putin a samarcanda

Estratto dell’articolo di Riccardo Ricci per “la Repubblica”

 

Il presidente russo Vladimir Putin punta sulla prossima visita di Stato dell'omologo cinese Xi Jinping per dar prova della solidarietà di Pechino «nel contesto di pressioni e provocazioni senza precedenti da parte dell'Occidente». La visita, prevista in primavera, è stata annunciata nel corso dei colloqui in videocollegamento di ieri tra i due leader, mentre in Russia continuavano i raid ucraini. Ma, pur chiamando Putin "caro amico", Xi pragmaticamente ha mantenuto le distanze e invitato velatamente il capo del Cremlino a non chiudere la porta al negoziato con Kiev, pur consapevole che «la strada verso i colloqui di pace non sarà agevole».

vladimir putin xi jinping a samarcanda vladimir putin xi jinping a samarcanda

 

La Russia, difatti, ha più volte aperto ai colloqui, ma pur sempre insistendo su condizioni inaccettabili per la controparte, come la cessione dei territori attualmente sotto il controllo di Mosca. […] a febbraio a Pechino, alla vigilia dell'intervento armato russo in Ucraina, i due capi di Stato avevano siglato una partnership strategica "senza limiti" ispirata al comune rifiuto dell'ordine globale dettato dall'Occidente.

 

La Cina finora si è guardata bene dal fornire qualsiasi tipo di sostegno materiale diretto a Mosca che possa farla finire nel mirino di sanzioni secondarie. Non ha tuttavia mai rifiutato di cooperare con il suo vicino settentrionale nei campi militare, economico e diplomatico. Ed è proprio sul ruolo di Mosca e Pechino nel riscrivere regole e agenda del sistema internazionale che ha incentrato il suo caloroso discorso il presidente russo.

putin xi jinping putin xi jinping

 

[…] Se sull'Ucraina le posizioni dei due Paesi continuano a non collimare, non vi è invece dubbio che in campo economico la Russia abbia trovato nel vicino orientale, così come in altri Paesi non allineati, nuovi mercati di sbocco e fornitori alternativi per rispondere ai colpi inferti dalle sanzioni occidentali.

 

Il commercio bilaterale tra i due Paesi è cresciuto di un quarto nell'ultimo anno e, stando alle stime di Putin, entro fine 2024 potrebbe raggiungere la cifra record di 200 miliardi di dollari. Sul piano finanziario il rublo russo si lega sempre più alla valuta cinese, lo yuan, abbandonando progressivamente il "volatile" dollaro nelle transazioni internazionali. Il ministero delle Finanze ne ha raddoppiato, al 60 per cento, la quota massima nel Fondo di previdenza. La Russia, inoltre, è al secondo posto per le forniture di gas alla Cina via gasdotto e al quarto per quello liquefatto, ha superato l'Arabia Saudita come principale esportatore di greggio e ha aumentato le forniture di energia elettrica di circa il 16 per cento per un totale stimato di 4,5 miliardi di kilowattora. […]

xi jinping vladimir putin a samarcanda 2 xi jinping vladimir putin a samarcanda 2 xi jinping vladimir putin a samarcanda 1 xi jinping vladimir putin a samarcanda 1

 

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! LA VENDETTA DEL CALTA – DOPO AVER RICEVUTO DUE PORTE IN FACCIA AL TENTATIVO DI CONQUISTARE PRIMA GENERALI E POI MEDIOBANCA, IL COLPO FATALE AI SOGNI DI GLORIA VENEZIANI DI CALTAGIRONE È STATO AFFONDATO DA “FURBIZIO” PALENZONA, CHE HA SPOSTATO CRT E BENETTON A SUPPORTO DI DONNET E NAGEL - CON MILLERI CHE SI SAREBBE RIAVVICINATO A NAGEL, CALTA “HA RIMASTO” SOLO CON FAZZOLARI A TRASTULLARSI COL DL CAPITALI – QUANDO LA MILIARDARIA VENDITA DELLA PRELIOS DI PALENZONA AL PIGNATARO RIMANE INCAGLIATA, PARTE LA VENDETTA DI CALTA. E SUL SUO “MESSAGGERO” DI IERI….

DAGOREPORT! - TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. AVVISATE I CITTADINI ABRUZZESI: IL CICLONE SARDO AVANZA E NON PERDONA - SECONDO L’ULTIMO SONDAGGIO, IL DISTACCO CHE SEPARA IL MELONE MARSILIO DAL CAMPO LARGHISSIMO DI D’AMICO SI È RIDOTTO ALLA MISERIA DELL’1,2% (APPENA QUATTRO MESI FA IN ABRUZZO LA DESTRA GODEVA DI UN VANTAGGIO DI BEN 20 PUNTI) - PARADOSSALMENTE, IN CASO DI DISFATTA, CON DUCETTA RIBASTONATA, PER MATTEO SALVINI POTREBBE ESSERE L’OCCASIONE DI AVER MAGGIOR POTERE NEL GOVERNO (FERROVIE, CDP, AISI) - SE INVECE “FASCIO TUTTO IO!” VINCE CON IL SUO MARSILIO, PER IL CAPITONE SI AVVICINA IL CAPOLINEA - A QUEL PUNTO TUTTO PUO’ SUCCEDERE: ANCHE CHE GLI PARTA L’EMBOLO DI UN PAPEETE2 SFANCULANDO IL GOVERNO MELONI (QUANTI PARLAMENTARI LO SEGUIREBBERO, SAPENDO CHE IN CASO DI VOTO ANTICIPATO, QUELLO SCRANNO NON LO VEDREBBERO PIÙ?)

DAGOREPORT - COME MAI I QUOTIDIANI DEGLI ANGELUCCI (“LIBERO” A FIRMA SECHI, “IL GIORNALE” CON MINZOLINI) HANNO SPARATO A PALLE INCATENATE CONTRO LA MELONA, DOPO LA SCONFITTA IN SARDEGNA, BEN EVIDENZIANDO I SUOI ERRORI E LA SUA ARROGANZA? - MAGARI L'ANGELUCCI FAMILY E’ SCONTENTA PER LE PROMESSE NON MANTENUTE DALLA DUCETTA? - O FORSE LE RASSICURAZIONI RICEVUTE, DOPO LA PRESA DEL SECONDO QUOTIDIANO A MILANO, SI SONO RIVELATE ARIA FRITTA? - LA CAUTELA DI SALLUSTI CHE, PER NON IRRITARE LA DUCETTA, HA LASCIATO SCRIVERE L'EDITORIALE A MINZOLINI…