QUI C'E' PUZZER DI NO VAX – L'EX LEADER DEI PORTUALI DI TRIESTE STEFANO PUZZER, SIMBOLO DELLE MOBILITAZIONI CONTRO IL GREEN PASS OBBLIGATORIO, SI PRESENTA ALLE ELEZIONI NELLE LISTE DI ITALEXIT DI GIANLUIGI PARAGONE: “IL MIO PROGRAMMA POLITICO È LA BATTAGLIA CONTRO IL VACCINO OBBLIGATORIO” – CON IL MOVIMENTO DI PARAGONE DATO INTORNO AL 4% DAI SONDAGGI, C'È LA FORTE POSSIBILITÀ CHE PUZZER PASSI DAGLI IDRANTI DI TRIESTE ALLA BOUVETTE DEL PARLAMENTO (CHIAMALO FESSO)

-

Condividi questo articolo


Annalisa Cangemi per www.fanpage.it

 

paolo puzzer 1 paolo puzzer 1

In vista del voto del 25 settembre Stefano Puzzer, l'ex leader dei portuali di Trieste, diventato il simbolo delle mobilitazioni contro il Green pass obbligatorio, annuncia la sua candidatura alle prossime elezioni nelle liste di Italexit di Gianluigi Paragone.

 

Con lui saranno in lista anche Andrea Donaggio e Franco Zonta, gli altri due fondatori del Comitato ‘La gente come noi'. Lo scrive il sito Trieste Cafè e lo ha confermato all'ANSA lo stesso Puzzer, il quale ha spiegato che "il programma politico è battaglia contro il vaccino obbligatorio, contro il Green pass e contro l'invio di armi all'Ucraina, con una particolare attenzione ai problemi finanziari dell'Italia, che sembra tutti sottovalutino".

 

La notizia era stata già confermata ieri sera su Twitter dall'ex pentastellato Gianluigi Paragone, espulso dal Movimento all'inizio del 2020: "Il mio Amico Stefano ….si candida con noi!".

 

STEFANO PUZZER PORTATO VIA A FORZA STEFANO PUZZER PORTATO VIA A FORZA

Da sei mesi proviamo a unire tutto il dissenso", unico modo "per andare avanti". Ognuno "giustamente ha fatto le sue scelte, per noi alla fine non è stato semplice scegliere di candidarci, non ci sembrava che fossimo noi quelli che dovevano candidarsi ma se possiamo unire il dissenso mettendoci un'altra volta la faccia, noi lo facciamo". Sono le ragioni che hanno spinto Stefano Puzzer a correre per le prossime elezioni.

 

GIANLUIGI PARAGONE GIANLUIGI PARAGONE

"Siamo consapevoli che andrà come andrà, io sono una persona semplice, sono un lavoratore portuale. Sono una persona che vuole solo giustizia e tornare a fare il suo lavoro". La candidatura è soltanto "un passo che faremo per non pentirci un domani di non averlo fatto e di soccombere di nuovo ai soprusi".

 

“Noi abbiamo deciso di metterci la faccia, crediamo nel programma di Italexit, e allora su le maniche e lotta contro il vaccino obbligatorio, contro il Green pass e contro l'invio di armi all'Ucraina, con particolare attenzione al problema finanziario che c'è in Italia in questo momento e che tutti sottovalutano".

 

Puzzer sa bene che "arriveranno delle critiche, da tutte le parti, ma noi  facciamo per il bene dei nostri figli, per il futuro. Noi non siamo qui per giudicare nessuno, dormiamo serenamente". 

stefano puzzer stefano puzzer STEFANO PUZZER STEFANO PUZZER puzzer puzzer stefano puzzer protesta portuali trieste stefano puzzer protesta portuali trieste stefano puzzer protesta portuali trieste 1 stefano puzzer protesta portuali trieste 1 STEFANO PUZZER STEFANO PUZZER paolo puzzer 3 paolo puzzer 3 gianluigi paragone 2 gianluigi paragone 2 gianluigi paragone gianluigi paragone

 

Condividi questo articolo

politica

ALTRO CHE CIOCCOLATINI - MATTEO RENZI HA SEMPRE DETTO CHE INCONTRO' MARCO MANCINI ALL'AUTOGRILL DI FIANO ROMANO PERCHÉ LO 007 DOVEVA PORTARGLI I "BABBI" DI CIOCCOLATO. MA GIOVEDÌ SCORSO, A TORINO, HA CAMBIATO VERSIONE: "SONO MOMENTI DELICATI, C'È LA CRISI DEL GOVERNO CONTE, IO DICO ALL'AGENTE DEI SERVIZI: O CONTE CAMBIA O VA A CASA..." - PRIMO: PERCHE' A MANCINI, SOTTOPOSTO DEL CAPO DEL DIS VECCHIONE, STA TANTO A CUORE IL GOVERNO DI CONTE? SECONDO: PERCHÉ RENZI PARLA CON LO SPIONE DELLA EVENTUALE CADUTA DEL GOVERNO? - L’AVVOCATO DELLA PROFESSORESSA, INDAGATA PER AVER RIPRESO L’INCONTRO TRA I DUE, POTREBBE CHIEDERE UN CONFRONTO TRA LA SUA ASSISTITA E MATTEUCCIO - VIDEO DI RENZI A “REPORT” DEL 3 MAGGIO 2021: “MI DOVEVA PORTARE I BABBI CHE SONO UN BELLISSIMO WAFER ROMAGNOLO CHE IL DOTTOR MANCINI MI MANDA TUTTI GLI ANNI E CHE IO MANGIO IN MODO VORACE...”