LA RESA DEI PONTI – IL MINISTRO DELL'AMBIENTE, IL FORZISTA GILBERTO PICHETTO FRATIN, SI METTE DI TRAVERSO NEL PROGETTO DEL PONTE SULLO STRETTO FORTISSIMAMENTE VOLUTO DA SALVINI: RICHIEDE ALLA SOCIETÀ “STRETTO DI MESSINA S.P.A” BEN 239 “INTEGRAZIONI”, IN GRAN PARTE LEGATE ALL'IMPATTO AMBIENTALE DELL'OPERA – LE OPPOSIZIONI COLGONO LA PALLA AL BALZO: “SALVINI VIENE CLAMOROSAMENTE SCONFESSATO DAL MINISTERO DELL'AMBIENTE”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di www.corriere.it

 

GILBERTO PICHETTO FRATIN GILBERTO PICHETTO FRATIN

Il ministero dell'Ambiente e della sicurezza energetica guidato da Gilberto Pichetto Fratin ha richiesto 239 integrazioni di documenti alla Società Stretto di Messina S.p.A, nell'ambito della valutazione del progetto del Ponte sullo Stretto.

 

Per la Valutazione di impatto ambientale (Via) della grande opera, che il ministro delle Infrastrutture Matteo Salvini considera tra le fondamentali per rinnovare il Paese,  sono state richieste 155 integrazioni. Altre 66 integrazioni sono state richieste per la Valutazione di incidenza (Vinca), che verifica le conseguenze di un'opera sui siti Natura 2000, i siti protetti di interesse Ue. Per il Piano di utilizzo terre (Put) sono state richieste 16 integrazioni, per la Verifica di ottemperanza (Vo) sono infine due le richieste di integrazioni e di documenti supplementari.

 

matteo salvini con il plastico del ponte sullo stretto di messina matteo salvini con il plastico del ponte sullo stretto di messina

Ponte Stretto: Pichetto, richiesta integrazione è normale

«La richiesta di integrazione a un progetto di un'opera è normale nella prima parte della procedura di Valutazione di impatto ambientale (Via)», ha comunque dichiarato il ministro dell'Ambiente e della sicurezza energetica Pichetto Fratin sulle osservazioni avanzate dalla Commissione tecnica Via al progetto del Ponte sullo Stretto di Messina.  […]

 

Nel comunicato ufficiale si legge anche che il parere della Commissione Via-Vas del ministero dell'Ambiente e della sicurezza energetica, arrivato «nella giornata di lunedì 15 aprile, entro il termine stabilito dalla legge»  ha trasmesso alla società Ponte sullo Stretto di Messina spa la richiesta di integrazioni sulla istanza presentata da quest'ultima lo scorso 26 febbraio».

 

GILBERTO PICHETTO FRATIN GILBERTO PICHETTO FRATIN

Con questa istanza - aggiunge il ministro - «si è dato avvio, ai fini del relativo aggiornamento e completamento, alla procedura di valutazione di impatto ambientale relativa all'opera». Il procedimento era stato avviato addirittura nel 2011 e proseguito con una nota che la presidenza del Consiglio dei ministri ha trasmesso alla Commissione Ue l'8 novembre 2023.

 

Associazioni e opposizioni hanno rimarcato che lo “stop” imposto dal Ministero dell'Ambiente mette in dubbio la realizzazione dell’opera: l’intervento della Commissione, ha affermato Marco Simian, capogruppo Pd in Commissione Ambiente della Camera, “sconfessa clamorosamente Matteo Salvini bloccando di fatto il progetto del Ponte sullo Stretto i cui lavori, secondo il governo Meloni, sarebbero dovuti partire entro l'anno. Oltre 12 miliardi di euro già stanziati”.

MATTEO SALVINI E IL PONTE SULLO STRETTO - MEME MATTEO SALVINI E IL PONTE SULLO STRETTO - MEME

 

Per il deputato di AVS Angelo Bonelli, “la commissione tecnica VIA del ministero dell'Ambiente ha demolito il progetto definitivo sul ponte sullo stretto di Messina chiedendo 221 richieste di integrazioni. Dopo il comitato scientifico della società ponte sullo stretto, che aveva fatto 68 osservazioni contestando l'assenza di studi sismici e di prove del vento, arrivano le richieste di integrazione della commissione tecnica”

 

GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI - PONTE SULLO STRETTO E LEGGE FORNERO - VIGNETTA BY OSHO GIORGIA MELONI MATTEO SALVINI - PONTE SULLO STRETTO E LEGGE FORNERO - VIGNETTA BY OSHO meme su Matteo Salvini e il ponte sullo stretto meme su Matteo Salvini e il ponte sullo stretto gilberto pichetto fratin foto di bacco (3) gilberto pichetto fratin foto di bacco (3)

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT - CHE SUCCEDE SE IL 10 GIUGNO, APERTE LE URNE, IL DIVARIO TRA M5S E PD RISULTASSE MOLTO FORTE, O ADDIRITTURA ELLY SCHLEIN RIUSCISSE A DOPPIARE LA PERCENTUALE DEI 5STELLE? - I SOGNI DI GLORIA DI CONTE "LEADER DELLA SINISTRA” FINIREBBERO NEL CESTINO DELLE AMBIZIONI SBAGLIATE MA SOPRATTUTTO COMINCEREBBE LA GUERRA CIVILE NEL MOVIMENTO - CONTE HA CONTRO LA NOMENKLATURA CHE È STATA TAGLIATA FUORI DALLA NORMA DEL DOPPIO MANDATO: FICO, FRACCARO, BONAFEDE, BUFFAGNI, TAVERNA, RAGGI, DI BATTISTA, TUTTI MIRACOLATI CHE SI ERANO ABITUATI ALLA CUCCAGNA PARLAMENTARE DEI 15 MILA EURO AL MESE - ALL’OSTILITÀ DEI REDUCI E COMBATTENTI DEL GRILLISMO CON AUTO BLU, AGGIUNGERE LA FRONDA DEI PENTASTELLATI CHE NON HANNO PER NULLA DIGERITO L’AUTORITARISMO DI CONTE QUANDO HA SCELTO I SUOI FEDELISSIMI DA PIAZZARE IN LISTA PER LE EUROPEE, SENZA PASSARE DALLE SELEZIONI ONLINE E FACENDOLI VOTARE DAGLI ATTIVISTI IN UN ELENCO BLOCCATO... 

"NELLA CHIESA C'È TROPPA ARIA DI FROCIAGGINE" - IERI DAGOSPIA HA SANTIFICATO LA SANTA DOMENICA CON UNO SCOOP SU BERGOGLIO COATTO CHE OGGI IMPAZZA SU TUTTI I SITI (A PARTE ''REPUBBLICA'') - PAPALE PAPALE: I VESCOVI DEVONO SEMPRE   "METTERE FUORI DAI SEMINARI TUTTE LE CHECCHE, ANCHE QUELLE SOLO SEMI ORIENTATE"  - LO RIFERISCONO PARECCHI VESCOVI ITALIANI INTERVENUTI ALL’ASSEMBLEA GENERALE DELLA CEI, DOVE PAPA FRANCESCO HA RIBADITO PUBBLICAMENTE, MA A PORTE CHIUSE, LA SUA NOTA CONTRARIETÀ AD AMMETTERE AL SACERDOZIO CANDIDATI CON TENDENZE OMO - BERGOGLIO NON È NUOVO A UN LINGUAGGIO SBOCCATO. DURANTE LA RECENTE VISITA A VERONA, HA RACCONTATO UNA STORIELLA… - VIDEO