A SUA INSAPUTA - IL SINDACO DI MILANO GIUSEPPE SALA, IMPUTATO PER FALSO, NON AVEVA LA CONSAPEVOLEZZA DELLA RETRODATAZIONE DEI VERBALI RELATIVI ALLA COMMISSIONE DI GARA PER LA PIASTRA DI EXPO – IN AULA: "C'ERA SEMPRE IL TEMA DELL'URGENZA. OGNI GIORNO, NONOSTANTE FOSSIMO A TRE ANNI DALLA CHIUSURA, ERA CHIARISSIMO CHE ERAVAMO IN RITARDO. E' STATA UNA LOTTA CONTRO IL TEMPO"

-

Condividi questo articolo

Ansa.it

 

SALA EXPO SALA EXPO

Il sindaco di Milano Giuseppe Sala non aveva la consapevolezza della retrodatazione dei verbali relativi alla commissione di gara per la Piastra di Expo. Lo ha detto lo stesso Sala in aula rispondendo alle domande e spiegando che "della data non me ne sono preoccupato" e di non ricordare il momento esatto della firma.

 

matteo renzi giuseppe sala matteo renzi giuseppe sala

Sala, imputato per falso in relazione alla retrodatazione di due verbali per sostituire in corso d'opera due componenti della commissione di gara per la Piastra, ha ricordato che la questione della incompatibilità dei due commissari, posta da Ilspa (Infrastrutture Lombarde spa, società partecipata da Regione Lombardia), per lui "era uno dei tanti problemi sorti in Expo e che era stato risolto in modo abbastanza veloce", in quanto ha ribadito in aula, "c'era sempre il tema dell'urgenza. Ogni giorno, nonostante fossimo a tre anni dalla chiusura, era chiarissimo che eravamo in ritardo. Ogni giorno perso era un giorno in meno. E' stata una lotta contro il tempo".  Rispondendo ai cronisti, a chi gli ha chiesto se spera di essere assolto ha replicato: "Spero fortemente di sì".

michelle obama con agnese renzi maurizio martina emma bonino giuseppe sala a milano michelle obama con agnese renzi maurizio martina emma bonino giuseppe sala a milano sala sala SGARBI BERLUSCONI SALA EXPO SGARBI BERLUSCONI SALA EXPO

 

Condividi questo articolo

politica

IL DURO J’ACCUSE DI BATTISTA NEI CONFRONTI DEL M5s GOVERNATIVO DI DI MAIO – “ABBIAMO AVUTO PAURA. PAURA DI ATTACCARE LA LEGA SUI 49 MILIONI RUBATI, DI PRENDERE POSIZIONI SCOMODE SULL’UE, PAURA DI APPARIRE NOVELLINI. SIAMO DIVENTATI BUROCRATI RINCHIUSI 18 ORE AL GIORNO NEI MINISTERI MENTRE SALVINI AL MINISTERO NON C’ERA MAI" - "SIAMO SEMPRE STATI SFRONTATI DI FRONTE AL POTERE. ABBIAMO IL DOVERE DI ESSERLO ANCHE SE AL POTERE CI SIAMO NOI. NON ABBIAMO POLTRONE DA PERDERE. SONO GLI ALTRI I POLITICI DI PROFESSIONE, NON NOI…"