COME MAI I GIOCATORI CHE LASCIANO LA JUVE PARLANO MALE DELLA SOCIETA'? - DOPO DE LIGT, ANCHE DENIS ZAKARIA SPERNACCHIA LA SUA EX SQUADRA: "LO STILE DI GIOCO DELLA JUVE NON FACEVA PER ME. CON QUELL’ORGANICO, LA JUVENTUS DOVREBBE VINCERLE TUTTE 3-0. ALLEGRI? NON PARLAVO MOLTO CON LUI" - IL DIFENSORE OLANDESE PASSATO AL BAYERN: "IL BAYERN HA L’AMBIZIONE DI VINCERE LA CHAMPIONS, MENTRE ALLA JUVE QUESTA SENSAZIONE L’HO AVVERTITA DI MENO…"

-

Condividi questo articolo


Da www.gazzetta.it

 

DENIS ZAKARIA DENIS ZAKARIA

Mal di Juve o mal d’Allegri? Un tratto comune ai giocatori che hanno lasciato la Signora in estate: tanta fatica per mettersi in forma per la loro nuova squadra. Che fa eco alle polemiche già aperte a Torino sui problemi di condizione e di infortuni che seminano dubbi sul lavoro alla Continassa. Il caso di Arthur, chiamato a fare sedute extra e aggregato all’Under 21 per ritrovare il ritmo partita, non è l’unico. C’era stato il caso di Matthijs De Ligt all’arrivo al Bayern, di cui Nagelsmann rivelò: “Ha detto che l’allenamento è stato il più duro degli ultimi quattro anni. Allo stesso tempo, è stato duro, ma non così duro. Ho sentito che in Italia poi non è facile tenersi in forma”.

DENIS ZAKARIA DENIS ZAKARIA

 

DALLA SVIZZERA

Qualche problema simile ad Arthur deve averlo trovato al Chelsea Denis Zakaria, che non deve essere stato giudicato pronto a mettere piede in campo se al momento è ancora a zero minuti con la maglia dei Blues. Ma dal ritiro della Svizzera dice: “Penso che mi troverò meglio in Inghilterra che a Torino. Forse lo stile di gioco della Juve non faceva per me, la squadra giocava molto bassa e non avevo molto spazio. Sono un giocatore a cui serve tanto spazio per per correre. Forse in questo mi troverò meglio in Inghilterra”. E ancora: “Comunque, con quell’organico, la Juventus dovrebbe vincerle tutte 3-0”. E su Allegri, “un allenatore che ha ottenuto grandi risultati”, rivela: “Non parlavo molto col mister”.

 

Matthijs de ligt bayern monaco Matthijs de ligt bayern monaco

ANCHE DE LIGT

Il secondo tratto comune tra chi lascia la Juve sono infatti le dichiarazioni affatto carine sull’ambiente lasciato a Torino, come con un senso di liberazione per il fatto di essere arrivati in realtà dove si fa calcio in maniera diversa. Matthijs De Ligt, che dall’arrivo al Bayern ha già avuto modo di rilasciare dichiarazioni del genere, ha aggiunto in queste ore: “Alla Juventus mi sono divertito molto, ma ho sentito che era giunto il momento per una nuova sfida. La Juve è sicuramente un’ottima squadra, ma per me trasferirmi al Bayern Monaco è stato un ulteriore salto di qualità.

 

matthijs de ligt 2 matthijs de ligt 2

Penso solo che il Bayern abbia l’ambizione di vincere la Champions, mentre alla Juve questa sensazione l’ho avvertita di meno. Quando sono arrivato avevano preso giocatori come Higuain e Ronaldo e la situazione era diversa. Dopo un po’ è iniziato il rinnovamento e le cose sono cambiate”. Se a Torino è il momento delle riflessioni, queste frasi aggiungono ulteriori elementi anche sul modo in cui la Juventus è vista in questo momento dai giocatori, con quel che ne consegue in termini di appeal sul mercato.

ARTICOLI CORRELATI

DENIS ZAKARIA DENIS ZAKARIA DENIS ZAKARIA DENIS ZAKARIA Matthijs de ligt bayern monaco 1 Matthijs de ligt bayern monaco 1 matthijs de ligt 1 matthijs de ligt 1 DENIS ZAKARIA DENIS ZAKARIA

 

Condividi questo articolo

media e tv

GRANDE BORDELLO! GINEVRA, TU QUOQUE: E’ STATA CACCIATA DALLA CASA DEL GRANDE FRATELLO LA LAMBORGHINI. CON UNA STORIA DI BULLISMO ALLE SPALLE AVEVA DETTO CHE ERA GIUSTO CHE MARCO BELLAVIA VENISSE BULLIZZATO! ANCHE CIACCI ELIMINATO A FUROR DI POPOLO – IL PRIMO BACIO AL “GF VIP” E’ TRA DUE UOMINI (MA UNO DEI DUE E’ PAZZO DI ANTONELLA FIORDELISI) – ERA DAMIANO DEI MANESKIN L’UOMO ATTOVAGLIATO CON BARBARA POLITI A MILANO? IL COACH CUBANO AMAURYS PEREZ: “OGNUNO CON IL SUO SEDERE CI FA QUELLO CHE VUOLE” (NON SOLO CON QUELLO!)

politica

VAI AVANTI TU CHE A ME VIENE DA RIDERE – MENTRE PER GLI ITALIANI È IN ARRIVO UNA MAXI-STANGATA SULLE BOLLETTE DA 2.942 EURO SU BASE ANNUA A FAMIGLIA, LA MELONI PREFERISCE MANDARE DRAGHI A TRATTARE A BRUXELLES SUL GAS - LA "DRAGHETTA" GIURERÀ DOPO IL CONSIGLIO EUROPEO DEL 20-21 OTTOBRE SULL'ENERGIA (L'ITALIA SARÀ RAPPRESENTATA DAL PREMIER USCENTE). AL COLLE NON DISPIACE QUESTA SOLUZIONE. MA PER LA MELONI IL PROBLEMA E’ L'ASSE GERMANIA-FRANCIA CHE TAGLIA FUORI L'ITALIA MALDESTRA

business

cronache

sport

cafonal

CAFONAL MONSTRE! – UN BOMBARDAMENTO DI ZIGOMI RIGONFI E COLATE DI BOTOX HANNO INVASO LA FESTA DI COMPLEANNO DI GIACOMO URTIS. PER FESTEGGIARE I 44 ANNI DEL CHIRURGO DEI VIP SI SONO RITROVATI LA PRINCIPESSA FAKE LULÙ SELASSIÉ, SANDROCCHIA MILO CON LE GUANCE SMALTATE CHE FACEVANO SCOPA CON QUELLE DI CARMEN RUSSO. NELLA GALLERIA DEGLI ORRORI FINISCONO PER DIRETTISSIMA LA GIACCA IN PELLE DI MASSIMO BOLDI, I CAPELLI DI GIUCAS CASELLA E… - LE PRIMAVERE SFIORITE DELLA CALDONAZZO E IL MISTERO DELLA COTONATISSIMA MARIA MONSE'

viaggi

salute