“L’OPERAZIONE HAMILTON FA PIÙ BENE AL PILOTA CHE ALLA FERRARI” – L’EX PILOTA JARNO TRULLI AL VELENO: “PUOI METTERCI I CAMPIONI CHE VUOI, MA IL RISULTATO NON CAMBIERÀ SE MACCHINA E TEAM NON RIUSCIRANNO A COMPETERE. HAI PRESO UN FUORICLASSE, CON GRANDISSIMA ESPERIENZA E UNA CERTA ETÀ. MA NON HAI GARANZIE DI VINCERE. LA MACCHINA CONTA TROPPO…”

-

Condividi questo articolo


Giuseppe Antonio Perrelli per “la Repubblica” - Estratti

 

jarno trulli jarno trulli

Jarno Trulli, 256 gare in Formula Uno e una vittoria, a Monaco nel 2004, cosa pensa del trasferimento di Hamilton alla Ferrari dal 2025?

«Che notizia! Un sette volte campione del mondo nella scuderia più importante e prestigiosa. Ma non è che cambiano le cose, eh».

 

In che senso?

«Puoi metterci i campioni che vuoi, ma il risultato non cambierà se macchina e team non riusciranno a competere. Hai preso un fuoriclasse, con grandissima esperienza e una certa età. Ma non hai garanzie di vincere».

 

E quindi?

«Hamilton realizza un sogno, a quarant’anni: correrà per la Ferrari e quello che doveva vincere comunque l’ha già vinto. Maranello ha altre priorità: conquistare titoli.

Per me l’operazione fa più bene a Lewis che alla Ferrari».

 

Hamilton arriverà a quarant’anni. Fernando Alonso, che ne ha quarantadue, è reduce da un’ottima stagione con la Aston Martin.

hamilton ferrari hamilton ferrari

«Lewis è integro e non ha famiglia, particolare che ti fa correre con la mente libera. Ma i ritmi della Formula Uno si fanno sentire: nel 2024 ci saranno ventiquattro gare, sempre in viaggio, sempre col jet lag. E in pista affronti avversari che hanno poco più della metà dei tuoi anni».

 

Ferrari e Hamilton però è un binomio fortissimo.

«Indiscutibile. Senza dimenticare che Hamilton è stato fin da ragazzo un pilota McLaren e poi, dal 2013, è il simbolo della Mercedes. Mi ricorda un po’ la storia di Schumacher, che a ventuno anni firmò un contratto con la Mercedes ma non riuscì a esordire in Formula Uno. Quando tornò alle gare, a quarantuno anni, scelse la Mercedes per chiudere il cerchio. Ma Schumacher sarà per sempre un simbolo della Ferrari. Lui è la storia di Maranello. Così come Lewis rimarrà la storia della Mercedes».

 

lewis hamilton lewis hamilton

(...) Il rapporto tra macchina e pilota è così sbilanciato?

«Adesso sì. Guardate Alonso nel 2023: 6 podi nei primi 8 gp. Poi, con aggiornamenti peggiori dei rivali, nelle 14 successive solo un 2° e un 3° posto. E non è certo un pilota incostante. La macchina conta troppo. Con o senza Hamilton».

hamilton leclerc hamilton leclerc hamilton leclerc hamilton leclerc

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

DAGOREPORT! - FORZA ITALIA, SI CAMBIA MUSICA: LETIZIA MORATTI RITORNA PREPOTENTEMENTE IN FORZA ITALIA MA NON NEL RUOLO DI COMPARSA: PER IMPRIMERE UNA SVOLTA MODERATA AL PARTITO DEL FU CAVALIERE, PIER SILVIO E MARINA HANNO SCELTO UN POLITICO DISTANTE 'ANNI DUCE' DALLA DESTRA DEI FEZ-ZOLARI, UNA CHE NON MANCA MAI DI RICORDARE IL PADRE PARTIGIANO, TANT'È CHE ALLE REGIONALI IN LOMBARDIA SCESE IN CAMPO, E FU SCONFITTA, DA MELONI-SALVINI - L'ADDIO ALL'ERA POLITICA DI SILVIO BERLUSCONI E' GIÀ INIZIATO A MEDIASET CON LO SBARCO DELLA BERLINGUER. SI È AVUTA ULTERIORE PROVA DEL CAMBIO DI STRATEGIA DI PIER SILVIO CON LA MIELOSA PROFFERTA DI ASSUNZIONE RIVOLTA PUBBLICAMENTE A FABIO FAZIO, SBARCATO NON A CASO SU CANALE5 COME CONDUTTORE DELLO SPECIALE IN MEMORIA DI MAURIZIO COSTANZO - IL NUOVO BISCIONE SECONDO IL BERLUSCONINO: MENO TRALLALA' PER CASALINGHE E PIU' PROGRAMMI INTELLETTUALMENTE VIVACI. I TALK DI RETE4? CALMA. FINCHE' C'E' CONFALONIERI... - VIDEO

DAGOREPORT – SOLO IN ITALIA LE ELEZIONI EUROPEE SONO VISTE COME UNA SFIDA DE' NOANTRI PER PESARE IL CONSENSO E ARRIVARE A UN REGOLAMENTO DI CONTI TRA I DUELLANTI MELONI E SALVINI - AL DI LA' DELLE ALPI SONO INVECE CONSAPEVOLI CHE, NELL'ATTUALE DISORDINE MONDIALE, CON STATI UNITI E RUSSIA CHE HANNO DAVANTI LE PIU' DIFFICILI ELEZIONI PRESIDENZIALI, IL VOTO DEL 9 GIUGNO RAPPRESENTA UN APPUNTAMENTO CHE PUO' CAMBIARE LA STORIA DELL'UNIONE - "IO SO' GIORGIA", ATTRAVERSO IL FEDELE PROCACCINI, INVOCA L'ALLEANZA TRA ECR E IL PPE BUTTANDO FUORI I SOCIALISTI. IDEA SUBITO STRONCATA DAL LEADER DEI POPOLARI WEBER. PERCHE' IL CLIMA È CAMBIATO IN GERMANIA: CDU-CSU E SOCIALISTI MIRANO DI TORNARE ALLA 'GROSSE KOALITION' PER ARGINARE L’AVANZATA DEI NEONAZI DI AFD E SFANCULARE I VERDI…