PARIS, UN SUPERGIGANTE D’ORO! AI MONDIALI DI SCI, L’AZZURRO TRIONFA AL TERMINE DI UNA GARA TIRATISSIMA - NONOSTANTE GLI ERRORI, È STATO IL PIÙ VELOCE: “E’ STATO MOLTO DIFFICILE: SI VEDEVA ZERO PER TERRA CON QUESTA LUCE PIATTA” - E’ IL PRIMO ORO MONDIALE PER L’ITALIA DOPO QUELLO VINTO A GARMISCH 2011 DA CHRISTOF INNERHOFER, SEMPRE IN SUPERG...

-

Condividi questo articolo

Da gazzetta.it

 

PARIS PARIS

L’Italia conquista il primo oro di questi Mondiali di sci: Dominik Paris ha vinto il superG di Are al termine di una gara emozionante e tiratissima.

 

Come nel superG femminile di ieri, in cui la Goggia ha conquistato la medaglia d’argento a 2/100 dalla Shiffrin, il podio è ristretto in un pugno di centesimi. Paris ha chiuso in 1’24”20, di 9 centesimi più veloce dell’austriaco Kriechmayr e del francese Clarey (38 anni), argento a pari merito. Ai piedi del podio c’è Innerhofer, quarto a 35/100 da Paris dopo un errore. Grande gara anche per Mattia Casse, ripescato all’ultimo in squadra, ha chiuso a 50 centesimi dall’oro. Hanno deluso i norvegesi: 8° Sejersted a 50/100, 16° Svindal a 92/100.

 

ADRENALINA — Ad aggiungere un po’ di pepe c’è stato il cambio di visibilità, che ha fatto soffrire Paris fino alla fine: dal pettorale numero 20 in poi il sole ha illuminato la pista. E’ il primo oro dell’Italia maschile ai Mondiali dopo quello vinto a Garmisch 2011 da Christof Innerhofer, sempre in superG. Paris, 29enne della Val d’Ultimo, aveva già vinto una medaglia, l’argento in discesa ai Mondiali di Schladming 2013. E’ la sua annata più bella: dopo i successi in discesa e superG a Bormio, ha vinto per la terza volta la discesa di Kitzbuehel.

dominik paris dominik paris

 

LA GARA — Dominik Paris è partito con il pettorale numero 3 — lo stesso della Goggia di ieri — dopo aver visto gli errori di Beat Feuz, partito con l’1, e l’uscita dell’altro elvetico, Tumler. Non è stato perfetto sul tracciato tecnico disegnato dall’allenatore dei norvegesi Reto Nydegger. Su una pista che gli uomini frequentano solo ai Mondiali o alle finali di Coppa del Mondo, con una visibilità piatta che non ha reso semplice l’interpretazione dei dossi, Paris ha avuto il coraggio di mollare. "E’ stato molto difficile - ha commentato Paris -.

 

Con questa visibilità, con queste onde è stata una guerra: si vedeva zero per terra con questa luce piatta. In qualche modo sono riuscito a mollare comunque. Si vede che tutti fanno fatica". A partire dall’austriaco Mathias Mayer, uno dei favoriti: era in vantaggio rispetto a Paris ma che ha saltato una porta. Tra i primi 30 al via usciti anche Kline (Slo), Cook (Can), Ganong (Usa), Mauro Caviezel (Svi), Reichelt (Aut), Kosi (Slo) e l’azzurro Matteo Marsaglia.

dominik paris dominik paris

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute