"NEL CALCIO IL RICAMBIO GENERAZIONALE È UN PROBLEMA MAGGIORE CHE IN ALTRI SPORT. DOBBIAMO CAMBIARE MENTALITÀ" -AL CONVEGNO "ALLENARE L'AZZURRO", ORGANIZZATO DAL CONI, I C.T. DEI PRINCIPALI SPORT DI SQUADRA ITALIANI, ROBERTO MANCINI (CALCIO), GIANMARCO POZZECCO (BASKET) , FERDINANDO DE GIORGI (VOLLEY) E ALESSANDRO CAMPAGNA (PALLANUOTO), DISCUTONO IL FUTURO DELLO SPORT ITALIANO - IL "MANCIO": "QUANDO AI MONDIALI DI VOLLEY DE GIORGI HA MESSO DENTRO TUTTI I RAGAZZI E HA VINTO SONO RIMASTO ESTASIATO. AVESSIMO NOI LA POSSIBILITÀ DI FARE QUESTO..."

-

Condividi questo articolo


carlo mornati roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco carlo mornati roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco

Estratto dell'articolo di Luca Valdiserri per il "Corriere della Sera"

 

«Dopo il Giappone, l’Italia è il Paese più vecchio al mondo». Il segretario generale del Coni, Carlo Mornati, […]sintetizza alla fine del convegno […] «Allenare l’Azzurro, c.t. a confronto», nel Salone d’Onore del Coni, ha riunito Roberto Mancini (calcio), Gianmarco Pozzecco (basket) , Ferdinando De Giorgi (volley) e Alessandro Campagna (pallanuoto). […]

 

Il padrone di casa Giovanni Malagò ha ricordato che «tra Tokyo e Pechino abbiamo vinto 57 medaglie, una roba mostruosa. Ma c’è l’amaro in bocca per non essere saliti sul podio negli sport di squadra: vincere nel calcio, nella pallavolo, nel basket o nella pallanuoto dà un prestigio particolare. Vedrete che a Parigi interromperemo tutto questo». […]

giovanni malago roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco giovanni malago roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco

 

[…] «Nel calcio — ha detto Mancini, trionfatore a Euro 2020 — il ricambio generazionale è un problema maggiore che in altri sport. Dobbiamo cambiare mentalità, fare in modo che ragazzi di 18 anni possano avere la possibilità di competere ai massimi livelli[…]».

 

Mancini ha usato l’Italvolley campione del mondo 2022 come esempio: «Quando ha messo dentro tutti i ragazzi e ha vinto sono rimasto estasiato. Avessimo noi la possibilità di fare questo...». De Giorgi ha ricordato quando, da giocatore, tutti gli dicevano che era troppo basso per fare carriera nella pallavolo[…].

 

roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco

Campagna ha vinto medaglie olimpiche da giocatore e da allenatore: «Se schieri un giocatore navigato sai di ricevere meno critiche. Ai ragazzi dobbiamo dare obiettivi precisi e strumenti per raggiungerli. A 18 anni sei già uomo, non si è giovani a 23». Il più giovane e scanzonato è Pozzecco: «Per vincere ci vuole anche c... Quando penso alle convocazioni non mi preoccupo di chiamare i giocatori con le migliori statistiche ma quelli che mi permettono di creare un ambiente familiare».

roberto mancini roberto mancini roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco sandro campagna fefe de giorgi sandro campagna fefe de giorgi roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco roberto mancini sandro campagna fefe de giorgi gianmarco pozzecco gianmarco pozzecco gianmarco pozzecco

 

Condividi questo articolo

media e tv

“SONO STATO A UN FESTINO HARD CON MATTEO MESSINA DENARO” – A “LE IENE” ISMAELE LA VARDERA, VICEPRESIDENTE DELLA COMMISSIONE ANTIMAFIA DELLA REGIONE SICILIANA, RIVELA DI AVER PARLATO CON UN UOMO CHE SOSTIENE DI ESSERE STATO A UNA SERATA IN UNA VILLA IN PROVINCIA DI PALERMO CON IL BOSS – IL RACCONTO DEL TESTIMONE: “PRIMA DI ENTRARE A QUELLA FESTA TI PERQUISIVANO. L’ORDINE ERA DI NON RIVELARE CHI ERA PRESENTE. A MEZZANOTTE ARRIVAVANO LE ESCORT. SNIFFANO QUASI TUTTI. MESSINA DENARO ERA SEDUTO CON UNO DELLE FORZE DELL’ORDINE E CON UN MEDICO. C’ERA PURE UN NOTO POLITICO. IL BOSS SI PRESENTÒ A ME CON IL NOME DI ANDREA E…”

politica

VI RICORDATE DI VIRGINIA SANJUST DI TEULADA, EX SIGNORINA BUONASERA E GIÀ COCCA DI BERLUSCONI? LA PROCURA DI ROMA HA CHIESTO IL RINVIO A GIUDIZIO PER LA 45ENNE, CON UN PEDIGREE FAMILIARE NOBILE PER STALKING NEI CONFRONTI DELL’EX COMPAGNO E PER AVER DEVASTATO LA CASA DELLA NONNA, L'EX STELLA DEL CINEMA ANTONELLA LUALDI, CHE NON VOLEVA DARLE SOLDI – IL RAPPORTO CON L’AGENTE DEL SISDE FEDERICO ARMATI E LA “RELAZIONE PARTICOLARE” CON IL CAV: “MI AVEVA PRESO A CUORE MA È L’UOMO PIÙ IMPOTENTE DEL MONDO"

business

cronache

sport

FATE LEGGERE QUESTO PEZZO AI TIFOSI DELLA JUVENTUS - PER CAPIRE COME SIA STATA POSSIBILE LA PENALIZZAZIONE DI 15 PUNTI E PERCHE’ SIA STATA SANZIONATA SOLO LA JUVE PER LE PLUSVALENZE, BISOGNA COMPRENDERE CHE SONO CAMBIATE LE PROVE IN MANO MAGISTRATI GRAZIE ALLE CARTE DELL’INCHIESTA PRISMA - LE “EVIDENZE RELATIVE A INTERVENTI DI NASCONDIMENTO” O “MANIPOLATORI” SONO EMERSE SOLO PER LA JUVENTUS (CHE DA SOCIETÀ QUOTATA “DEVE RISPONDERE DEI PRINCIPI CONTABILI INTERNAZIONALI”), MENTRE A CARICO DELLE ALTRE SQUADRE (SAMPDORIA, EMPOLI, GENOA, PARMA, PISA, PESCARA, PRO VERCELLI, NOVARA), “NON SUSSISTONO EVIDENZE DIMOSTRATIVE SPECIFICHE”

cafonal

TENETEVI SALDI. TRATTENETE IL RESPIRO. GOVERNATE LO SHOCK. ROMA GODONA ESISTE E RESISTE. E SI SOLLAZZA AL FESTONE DI SANDRA CARRARO, STARRING PUPO CHE GORGHEGGIA CON MARA VENIER, BRU-NEO VESPA CHE TRILLA IL RITORNELLO DI “GELATO AL CIOCCOLATO, DOLCE E UN PO’ SALATO…”, MENTRE NICOLINO PORRO AGITA I PIEDINI. SCUTRETTOLA SENZA UNA CURVA FUORI POSTO MARIA ELENA BOSCHI. NON FA RIDERE, FA IMPRESSIONE ADRIANO ARAGOZZINI. INTORNO BOLGIA E PIGIA PIGIA DI PARTY-GIANI - CERTO, UN FESTONE ULTRA-CAFONAL, SPENSIERATO E GAUDENTE, MA PRIVO DELLA CILIEGINA CHE FA OGGI DI UN PARTY UN EVENTO: UN COLLEGAMENTO CON ZELENSKY DA KIEV SOTTO LE BOMBE... – VIDEO STRACULT!

viaggi

salute