"IBRAHIMOVIC NON TORNA AL MILAN" - LEONARDO CHIUDE LA TELENOVELA: "IL MERCATO? DOBBIAMO FARE I CONTI CON L'UEFA, MA POTREBBERO ARRIVARE…” - PARI DEI ROSSONERI COL TORO, LA SERIE A E' MALATA DI "PAREGGITE", SCONCERTI: "TOLTE LE PRIME, SONO IN FORTE AUMENTO I PAREGGI (UN TERZO PIU’ RISPETTO A UN ANNO FA). RESTA DA DECIDERE SE QUESTO EQUILIBRIO SIGNIFICA FORZA O MODESTIA" - VIDEO

-

Condividi questo articolo

 

milan torino milan torino

Mario Sconcerti per il Corriere della Sera

 

l Torino è la squadra che con la Fiorentina ha pareggiato di più, 7 partite su 15, dopo il Cagliari a quota 8. Questo introduce un fatto nuovo da capire: sono in forte aumento i pareggi, un terzo in più rispetto a un anno fa.

 

Perché? Cosa sta accadendo di diverso?

E molto interessante notare che i pareggi aumentano con il tempo, sono un risultato più ambito via via che si va avanti nel calendario. Ma una cosa è non disprezzare il pareggio, altra ottenerlo. In poche parole il pareggio che cresce è un sintomo dell' equilibrio che tocca le squadre di seconda e terza fascia. Non pareggiano le prime cinque, pareggiano tutte le altre. Vuol dire che il campionato non ha certezze, c' è un equilibrio complessivo che esclude solo Juventus e Napoli. Resta da decidere se questo equilibrio significa forza o modestia.

 

milan torino milan torino

A me sembra si giochi meglio, Milan-Torino è stata forse un esempio corretto. Si è visto gioco solvibile a lungo e quasi mai un grande gioco. Per sbloccare il pareggio sarebbe servito una prodezza che non è nelle corde delle due squadre. Meglio organizzato il Torino che deve però cominciare a chiedersi cosa stia succedendo al suo centravanti, due gol su azione quest' anno, promettente sempre e sempre un po' elementare nelle esecuzioni. È questo che fa la differenza fra un pareggio e una possibile vittoria.

leonardo leonardo

 

Abituandosi al Milan si osserva invece sempre più qualcosa di elementare, senza Higuain, con Suso bravo e sempre uguale a se stesso, con gli assenti che cominciano a pesare, con un gioco che resta legato più a chi manca che a chi è rimasto. Non c' è crescita, sei il 7° nel campionato dei pareggi ma pareggi anche tu molte volte. Salva tutto il quarto posto buono per la Champions.

 

È questo il nuovo livello del calcio, essere buoni quarti? È questo il Milan di Elliott e Gazidis? E se non è questo qual è, quali sono eventualmente i mezzi a disposizione, le idee, i progetti, le astuzie? Elliott con il Milan ha comunque già fatto un grande affare. È tempo di capire come possono farlo i clienti di Elliott, i milanisti.

 

 

 

zlatan ibrahimovic zlatan ibrahimovic

2. LEONARDO

Da www.gazzetta.it

 

"Ibrahimovic non tornerà al Milan. Sarebbe stata una bella storia, ma non accadrà. Resterà ai Los Angeles Galaxy. Ci avevamo pensato e anche lui ci pensava, ma alla fine non si farà". La confessione è di Leonardo, direttore dell'area tecnica e sportiva del Milan. Finisce così una telenovela di mercato che sembrava a lieto fine. E invece no, niente ritorno di Ibra, a meno di clamorosi dietrofront.

 

TRA UEFA E MERCATO — Il Milan comunque si muoverà a gennaio. "A questa squadra potrebbe servire un centrocampista d'esperienza e magari un'opzione in più in attacco. Fabregas? Stiamo vedendo, ma non abbiamo fatto nessun affondo". Elliott e i rossoneri devono però fare i conti con i paletti imposti dall'Uefa, in attesa di sapere a che sanzione andrà incontro il club per il triennio precedente. "Il Fair play finanziario è un puzzle difficile da risolvere e anche se questa proprietà ha voglia di fare grandi cose, bisogna crescere piano piano, passo dopo passo". Ultime parole su Gattuso: "Sarebbe bello un giorno vincere qualcosa con Rino in panchina. Per il Milan sarebbe davvero una gran cosa".

IBRAHIMOVIC IBRAHIMOVIC MINO RAIOLA E IBRAHIMOVIC MINO RAIOLA E IBRAHIMOVIC ibrahimovic ibrahimovic

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute

LA LETTERA DI MELANIA RIZZOLI AI MALATI DI TUMORE AL CERVELLO: “NON FATEVI IMPRESSIONARE DALLA MORTE DI NADIA TOFFA, PERCHÉ LEI HA AVUTO UNO DI QUEI TIPI PER I QUALI NON CI SONO CURE CERTE E PER I QUALI LA SCIENZA E LA RICERCA STANNO LAVORANDO MOLTO. I SEGNI E I SINTOMI DELLA PRESENZA DI LESIONI OCCUPANTI SPAZIO NEL CRANIO SONO SIMILI, E RICONOSCERLI ALLO STADIO INIZIALE PUÒ MIGLIORARE LA PROBABILITÀ DI GUARIGIONE E DI SOPRAVVIVENZA, E QUANDO SI PRESENTA UNO DI QUESTI SINTOMI..."