“DOVREBBE ESSERE DICHIARATA LA FINE DELLA PANDEMIA” – IL VIROLOGO GIORGIO PALÙ, PRESIDENTE DI AIFA: “IL COVID È DIVENTATO ASSAI POCO VIRULENTO, SE NON PROPRIO INNOCUO. LA VARIANTE ARTURO, ORA CIRCOLANTE, HA UN’INCUBAZIONE MOLTO BREVE E CONTAGIA DI PIÙ, MA SI FERMA ALLE PRIME VIE NASALI” – “LA VERITÀ SUI VACCINI? QUELLI ATTUALI PROTEGGONO AL 30% DALL’INFEZIONE E AL 90% DA MORTE E MALATTIA GRAVE. HANNO SALVATO DECINE DI MILIONI DI PERSONE NEL MONDO. MA IL VIRUS È STATO COSÌ RAPIDO DA NON PERMETTERCI DI STARGLI DIETRO”

-

Condividi questo articolo


Estratto dell’articolo di Margherita De Bac per il “Corriere della Sera”

 

GIORGIO PALU AIFA GIORGIO PALU AIFA

«La fine della pandemia dovrebbe essere dichiarata. Credo che l’Organizzazione mondiale della Sanità sia prossima a farlo e il ritardo sia dovuto a un residuo di prudenza».

 

Il virologo Giorgio Palù, presidente di Aifa (Agenzia italiana del farmaco), quattro mesi fa aveva declassato il Sars-CoV-2 a virus endemico, presente nella popolazione e quasi inoffensivo. Oggi va oltre.

 

terapia intensiva covid terapia intensiva covid

In Usa il presidente Biden ha decretato la fine dell’emergenza. L’Oms temporeggia, c’è ancora rischio?

«No, un rischio significativo non c’è. Oggi questo virus è diventato assai poco virulento se non proprio innocuo. È mutato diverse volte fino a diventare, con la variante ora circolante soprannominata in modo non scientifico Arturo, causa di raffreddore e congiuntivite nei bambini. Ha un’incubazione molto breve, due giorni rispetto ai sette-otto dell’inizio, quindi contagia di più perché ha una fase infettiva più veloce. Si ferma alle prime vie nasali, non scende in bronchi e polmoni».

 

[…] Come mai non annunciare lo stop all’emergenza?

COVID RAFFREDDORE 4 COVID RAFFREDDORE 4

«L’Oms ha ribadito che la pandemia, dichiarata tale a fine marzo 2020, è ancora un’emergenza di sanità pubblica di preoccupazione internazionale (Pheic), ma lo era anche a inizio gennaio 2020 quando tutto cominciò. Sono state denominate tali tante altre infezioni virali mai diventate pandemiche.  Noi aspettiamo il segnale ufficiale di fine. Certo stiamo vivendo in un contesto che dal punto di vista virologico è senza dubbio post-pandemico. Lo dicono anche i dati di mortalità, incidenza, ricoveri italiani e internazionali, in continua discesa».

 

Una malattia stagionale?

«Non siamo a questo punto, presto lo diventerà e probabilmente avrà una diffusione legata alla stagione fredda come l’influenza».

 

[…] La verità sui vaccini?

GIORGIO PALU OSPITE DI TV7 GIORGIO PALU OSPITE DI TV7

«Quelli attuali proteggono al 30% dall’infezione e al 90% da morte e malattia grave. Hanno salvato decine di milioni di persone nel mondo. Ma il virus è stato così rapido nell’assumere mutazioni da non permetterci di stargli dietro».

 

[…] Come rigettare le colpe?

«Chi è responsabile della salute pubblica a livello scientifico, medico, politico deve per forza agire nell’interesse superiore della conoscenza e del bene comune. Inconcepibile pensare a decisioni strategiche che non siano state prese per il meglio, in scienza e coscienza. Riconosciamo però con umiltà che, soprattutto dovendo decidere in tempi critici, possiamo essere fallaci. Sarebbe grave sbagliare e farsi trovare impreparati in futuro, se colpiti da altre minacce, non avendo fatto tesoro dell’esperienza vissuta».

GIORGIO PALÙ GIORGIO PALÙ terapia intensiva covid 4 terapia intensiva covid 4 GIORGIO PALU GIORGIO PALU

 

Condividi questo articolo

ultimi Dagoreport

UN PUCCINI ALL’IMPROVVISO! – SCOOP! UN BRANO INEDITO DI GIACOMO PUCCINI SARA’ ESEGUITO PER LA PRIMA VOLTA AL LUCCA CLASSICA MUSIC FESTIVAL, IL PROSSIMO 28 APRILE – COMPOSTO NEL 1877 DA UN GIOVANE PUCCINI, S’INTITOLA “I FIGLI DELL’ITALIA BELLA – CESSATO IL SUO DELL’ARMI”: ERA RIMASTO A LUNGO “NASCOSTO”, POI DISPONIBILE SOLO IN FORMA INCOMPIUTA E, INFINE, RIPORTATO ALLA LUCE NELLA SUA INTEGRITA’ GRAZIE AL CENTRO STUDI PUCCINI – IL MISTERO DIETRO ALLA PARTITURA E I DIRITTI AQUISITI ORA DAL CONSERVATORIO “LUIGI BOCCHERINI” DI LUCCA...

MADONNA? EVITA-LA! – QUELLA VOLTA CHE MADONNA VENNE A ROMA PER LA PRIMA DI “EVITA’’ E SI INCAZZÒ FACENDO ASPETTARE IL PUBBLICO PER UN’ORA E MEZZO - IL PATTO ERA CHE SUA FIGLIA, LOURDES, VENISSE BATTEZZATA NEGLI STESSI GIORNI DAL PAPA ALLA PRESENZA DEL PADRE, CHE SI CHIAMAVA JESUS - IL PRODUTTORE VITTORIO CECCHI GORI CONOSCEVA UN CARDINALE: “PRONTO, AVREI MADONNA, L’ATTRICE, CHE VORREBBE BATTEZZARE LA FIGLIA, LOURDES, COL PADRE, JESUS… E SE FOSSE DISPONIBILE IL PAPA…” – VIDEO

DAGOREPORT - CON AMADEUS, DISCOVERY RISCHIA: NON È UN PERSONAGGIO-FORMAT ALLA STREGUA DI CROZZA E FAZIO. È SOLO UN BRAVISSIMO CONDUTTORE MA SENZA UN FORMAT FORTE CHE L’ACCOMPAGNI, SARÀ DURISSIMA FAR DIGITARE IL TASTO 9. NELLA TV DI OGGI I PRODUTTORI DI CONTENUTI VENDONO CHIAVI IN MANO IL PACCHETTO FORMAT+CONDUTTORE ALLE EMITTENTI - ALLA CRESCITA DI DISCOVERY ITALIA, NEL 2025 SEGUIRA' ''MAX'', LA PIATTAFORMA STREAMING DI WARNER BROS-HBO CHE PORTERÀ A UNA RIVOLUZIONE DEL MERCATO, A PARTIRE DALLA TORTA PUBBLICITARIA. E LE RIPERCUSSIONI RIMBALZERANNO SUI DIVIDENDI DI MEDIASET E LA7 - A DIFFERENZA DI RAI E IN PARTE DI MEDIASET, DISCOVERY HA UNA STRUTTURA SNELLA, SENZA STUDI DI REGISTRAZIONE, SENZA OBBLIGHI DI ASSUNZIONI CLIENTELARI NÉ DI FAR TALK POLITICI - LIBERI DI FARE UN CANALE5 PIÙ GIOVANE E UN’ITALIA1 PIÙ MODERNA, IL PROSSIMO 9 GIUGNO DOVRANNO DECIDERE SE FARE O MENO UNO SPAZIO INFORMATIVO. NEL CASO IN CUI PREVARRA' IL SÌ, SARÀ UN TG MOLTO LEGGERO, UNA SORTA DI ANSA ILLUSTRATA (E QUI RICICCIA L'OPZIONE ENRICO MENTANA)    

DAGOREPORT – L’INTELLIGENCE DI USA E IRAN HANNO UN PROBLEMA: NETANYAHU - L'OPERAZIONE “TERRORISTICA” CON CUI IL MOSSAD HA ELIMINATO IL GENERALE DELLE GUARDIE RIVOLUZIONARIE IRANIANE NELL'AMBASCIATA IRANIANA A DAMASCO E LA SUCCESSIVA TENSIONE CON TEHERAN NON È SPUNTATA PER CASO: È SERVITA AL PREMIER ISRAELIANO A "OSCURARE" TEMPORANEAMENTE LA MATTANZA NELLA STRISCIA DI GAZA, CHE TANTO HA DANNEGGIATO L'IMMAGINE DI ISRAELE IN MEZZO MONDO - NETANYAHU HA UN FUTURO POLITICO (ED EVITA LA GALERA) SOLO FINCHÉ LA GUERRA E LO STATO D'ALLARME PROSEGUONO...

DAGOREPORT – BIDEN HA DATO ORDINE ALL'INTELLIGENCE DELLA CIA CHE LA GUERRA IN UCRAINA DEVE FINIRE ENTRO AGOSTO, DI SICURO PRIMA DEL 5 NOVEMBRE, DATA DEL VOTO PRESIDENZIALE AMERICANO - LO SCENARIO E' QUESTO: L’ARMATA RUSSA AVANZERÀ ULTERIORMENTE IN TERRITORIO UCRAINO, IL CONGRESSO USA APPROVERÀ GLI AIUTI MILITARI A KIEV, QUINDI PUTIN IMPORRÀ DI FARE UN PASSO INDIETRO. APPARECCHIATA LA TREGUA, FUORI ZELENSKY CON NUOVE ELEZIONI (PUTIN NON LO VUOLE AL TAVOLO DELLA PACE), RESTERA' DA SCIOGLIERE IL NODO DELL'UCRAINA NELLA NATO, INACCETTABILE PER MOSCA – NON SOLO 55 MILA MORTI E CRISI ECONOMICA: PUTIN VUOLE CHIUDERE PRESTO IL CONFLITTO, PER NON DIVENTARE UN VASSALLO DI XI JINPING...