MA ALLORA ‘STA SECONDA ONDATA ARRIVERÀ DAVVERO? – IL VIROLOGO MASSIMO GALLI: “CREDO SIANO POSSIBILI DUE SCENARI: UNA SECONDA ONDATA A BREVE TERMINE A GENESI LOCALE E UN RITORNO DELL'EPIDEMIA IN STILE SIMIL-INFLUENZALE IN AUTUNNO-INVERNO. LA PRIMA IPOTESI MI SEMBRA ABBASTANZA IMPROBABILE. NEL SECONDO CASO SI VERIFICHEREBBE UN ADATTAMENTO GRADUALE DEL MICRORGANISMO ALL'UOMO” – “IL PROBLEMA È CHE SIAMO INDIETRO SU TEST E TRACCIAMENTO” – E SUL VACCINO ANTINFLUENZALE…

-

Condividi questo articolo

Laura Cuppini per il "Corriere della Sera"

 

coronavirus 3 coronavirus 3

I nuovi focolai di Sars-CoV-2, in Paesi dove l'epidemia era ritenuta sotto controllo come Italia e Cina, hanno fatto salire la preoccupazione per un possibile ritorno del virus nella sua veste più aggressiva, quella che a marzo e aprile ha cambiato la vita di tutti noi. Sulla possibilità di essere travolti da una «seconda ondata» in autunno gli esperti sono divisi.

 

MASSIMO GALLI MASSIMO GALLI

Ma la forza del virus dipende anche dalla nostra capacità di reagire, dalla strategia che abbiamo saputo mettere in campo. «Credo siano possibili due scenari: una seconda ondata a breve termine a genesi locale e un ritorno dell'epidemia in stile simil-influenzale in autunno-inverno, con numeri importanti - riflette Massimo Galli, primario del reparto di Malattie infettive III dell'Ospedale Sacco e professore ordinario all'Università degli Studi di Milano -. La prima ipotesi mi sembra abbastanza improbabile, perché il distanziamento ha rallentato in modo consistente la diffusione dell'infezione e la riapertura delle attività non ha determinato la temuta esplosione di contagi e ricoveri.

il centro di milano durante l'emergenza coronavirus 19 il centro di milano durante l'emergenza coronavirus 19

 

Generalmente nella fase post-sintomatica avanzata i pazienti sono portatori di una forma del virus non completa, con una bassa capacità di trasmissione. Nel secondo scenario si verificherebbe un adattamento graduale del microrganismo all'uomo, come è successo nel corso dei decenni ai tanti virus che si sono ridotti a provocare semplici raffreddori stagionali». «Ritengo che alcune carenze gestionali di cui abbiamo avuto prova nei mesi scorsi si potrebbero ripresentare - spiega Galli -. Sul cosiddetto contact tracing non siamo molto avanti, nonostante l'avvio dell'app Immuni. Lo stesso vale per i test: la sensazione è che l'Italia si affidi più a misure non sanitarie, come il distanziamento e i separatori in plexiglas.

ospedale di wuhan 4 ospedale di wuhan 4

 

È necessario invece riconvertisti al test & tracing , l'unica strategia efficace nel caso di un ritorno del virus in grande stile». «Quando la pandemia ci ha travolto, abbiamo messo in atto tutti gli strumenti terapeutici possibili, alcuni dei quali hanno mostrato di poter combattere le varie fasi della malattia causata dal Sars-CoV-2 - sottolinea ancora Massimo Galli -. Al Sacco e in altri ospedali abbiamo messo a punto un protocollo di cure per i pazienti più gravi: la sperimentazione, chiamata "Ammuravid", è stata approvata dall'Agenzia italiana del farmaco ma non è mai partita perché i ricoveri si sono ridotti quasi a zero.

 

CORONAVIRUS - SPEDALI CIVILI DI BRESCIA CORONAVIRUS - SPEDALI CIVILI DI BRESCIA

Se torneranno ad aumentare avremo a disposizione diverse opzioni». «Una volta creato e acquistato, il nuovo vaccino dovrà essere prodotto, distribuito e somministrato alle persone. Nessuno di questi passaggi è scontato o banale. Purtroppo non siamo nelle condizioni migliori perché tutti i connazionali possano riceverlo - afferma Galli -: la rete dei centri vaccinali andrebbe revisionata con urgenza». «In Italia, ma anche negli altri Paesi, è mancato un piano pandemico : l'ultimo è stato fatto nel 2006 per il virus H1N1 (influenza suina) - afferma Paolo Bonanni, epidemiologo e professore ordinario di Igiene all'Università di Firenze -. Se vogliamo essere preparati a tutti i possibili scenari, anche i peggiori, dobbiamo mettere in campo un esercito di tracciatori, persone in grado di seguire e testare coloro che hanno avuto contatti con infetti.

vaccino vaccino

 

Non devono essere necessariamente medici: si può pensare agli assistenti sanitari, agli studenti di medicina. In generale, in Italia, gli aspetti legati alla prevenzione sono stati messi all'angolo negli ultimi anni e i risultati si vedono. È il momento di invertire la rotta». «Si sta discutendo a livello ministeriale di come allargare la platea di coloro che riceveranno gratuitamente il vaccino (ad oggi solo gli ultra 65enni) - spiega ancora Bonanni, che è anche il coordinatore scientifico del Board "Calendario per la Vita" -. Sarà fondamentale proteggere, oltre agli anziani e ai malati cronici, anche i bambini e gli operatori sanitari.

emergenza coronavirus disinfestazione emergenza coronavirus disinfestazione

 

Per rispettare il distanziamento si potrebbe pensare per esempio di effettuare i vaccini in spazi grandi, come le palestre, o a un sistema drive-in . Ogni Regione decide per sé, sia sugli aspetti organizzativi che sulla scelta dei vaccini, e non sempre viene rispettata l'indicazione terapeutica: quadrivalente

massimo galli massimo galli MASSIMO GALLI MASSIMO GALLI vaccino anti-covid vaccino anti-covid coronavirus, la terapia intensiva di un ospedale di new york 3 coronavirus, la terapia intensiva di un ospedale di new york 3 vaccino vaccino vaccino coronavirus vaccino coronavirus massimo galli ospite di peter gomez a sono le venti 1 massimo galli ospite di peter gomez a sono le venti 1

 

Condividi questo articolo

media e tv

politica

business

cronache

sport

“SE AVESSE RAGIONE CONTE VORREBBE DIRE CHE SIAMO SEMPRE STATI TUTTI IN MANO A UN CALCIO IRREGOLARE” - FINALMENTE MARIO SCONCERTI SI SVEGLIA E SI FA QUALCHE DOMANDA SU CONTE E LE SUE LAGNE CONTRO LA DIRIGENZA NERAZZURRA: “L'INTER NON SI SENTIREBBE PROTETTA. MA CONTRO CHI? SE LO DICONO GENTE COME CONTE E COME BERGOMI (NEL PREPARTITA) VUOL DIRE CHE DAVVERO C'È DIFFERENZA DI TRATTAMENTO A FAVORE DELLE GRANDI SQUADRE. CONTE SAREBBE POI UN TESTIMONE DIRETTO DI QUESTI PRIVILEGI CON IL SUO INFINITO PASSATO JUVENTINO…”

cafonal

viaggi

salute