UN MICROCHIP PER TORNARE A VEDERE - ALL'UNIVERSITÀ DI TOR VERGATA È PARTITA LA SPERIMENTAZIONE DI "PRIMA", LA RETINA ARTIFICIALE PER RESTITUIRE PARTE DELLE IMMAGINI AI PAZIENTI AFFETTI DA MACULOPATIOA DEGENERATIVA - PER TRATTARE LA MALATTIA SI RICORRE AD UNA PROTESI INSERITA CHIRURGICAMENTE DIETRO LA RETINA E ATTIVATA DA OCCHIALI DOTATI DI UNA MICRO-VIDEOCAMERA - L'IMMAGINE POI VIENE ELABORATA E INVIATA AL MICROCHIP SOTTO FORMA DI UNA SEGNALE A RAGGI INFRAROSSI…

-

Condividi questo articolo


Margherita De Bac per il “Corriere della Sera”

 

PROTESI RETINA PROTESI RETINA

Gioire del sorriso del nipotino. Assaporare la libertà di prendere la metropolitana da solo, senza l'aiuto di qualcuno che legga i cartelli direzionali per tuo conto. Stupirsi nell'abbracciare in un unico sguardo le cinque dita della mano, tutte insieme. Sono i piccoli e, allo stesso tempo, immensi piaceri sognati dai candidati all'impianto della (minuscola) protesi che promette di restituire parte delle immagini sottratte dalla maculopatia degenerativa, una malattia legata all'età che da noi colpisce un milione di persone.

PROTESI RETINA PROTESI RETINA

 

Stavolta ci sono anche pazienti italiani, cinque, fra i partecipanti alla sperimentazione di «Prima», protesi della retina già provata con successo su altri 17 soggetti fra Usa, Francia e Germania. «È uno studio multicentrico di importanza straordinaria», annuncia Andrea Cusumano, docente di oftalmologia e ricercatore all'università di Tor Vergata dove i microchip verranno impiantati nell'ambito di un Consorzio col presidio Britannico presso l'Azienda ospedaliera San Giovanni Addolorata di Roma.

PROTESI RETINA PROTESI RETINA

 

Al progetto «PRIMAvera» partecipano 38 pazienti europei affetti da degenerazione della macula, la parte centrale della retina. «La prospettiva per loro, praticamente ciechi e non autonomi, è il recupero di una certa visione centrale e di un bene prezioso, l'indipendenza», spiega Cusumano. Il tipo di maculopatia da correggere è quella definita «geografica»: di un'immagine si percepisce al massimo la periferia. Quindi è impossibile leggere, non solo un libro ma anche il più semplice dei cartelli stradali che appaiono oscurati da una macchia nera.

PROTESI RETINA PROTESI RETINA

 

E questo dà il senso della limitazione cui si è condannati se lo strato di cellule fotosensibili al di sotto della retina perdono funzionalità. Per sopperire alla loro mancanza si ricorre ad una protesi inserita chirurgicamente dietro la retina e, a distanza di un mese, attivata da occhiali dotati di una micro-videocamera tascabile. L'immagine viene elaborata e inviata al microchip sotto forma di una segnale a raggi infrarossi.

 

PROTESI RETINA PROTESI RETINA

Tanto sforzo per restituire la visione parziale? Cusumano conosce il senso di impotenza che inibisce i malati e li conduce verso una condizione di profondo disagio psicologico: «Rivedere lettere e numeri, leggere brevi frasi è tantissimo per chi vive al buio quasi completo e si era ormai rassegnato all'assenza di cure». La selezione dei candidati allo studio è in corso. Chi è interessato a partecipare al «PRIMAvera» può scrivere a cusumano@cusumano.com .

PROTESI RETINA PROTESI RETINA

 

Condividi questo articolo

media e tv

"COME SI DIVENTA UN'ICONA POP? È SEMPLICE, BISOGNA DECIDERE MOLTO PRESTO DI NON VOLER MAI FARE UN VERO LAVORO NELLA VITA" - JOHN WATERS, IL "PAPA DEL TRASH" E LEGGENDA DEL CINEMA INDIPENDENTE AMERICANO: "UN TEMPO ERA L'AMERICA VECCHIA E STUPIDA A VOLERMI CENSURARE, ADESSO SONO I GIOVANI E RICCHI LIBERAL. È BUFFO, PERCHÉ IN TEORIA SAREI D'ACCORDO CON MOLTE LORO BATTAGLIE" - "ADORO PASOLINI. ERA CATTOLICO, COMUNISTA E OMOSESSUALE: TUTTE COSE CHE MANDANO FUORI DI TESTA LA GENTE..."

politica

business

cronache

sport

cafonal

viaggi

salute