AGOSTO, NOMINA MIA TI CONOSCO – IL VALZER DI POLTRONE TRA CDP E FINCANTIERI: FABIO GALLIA, EX AD DI CDP È STATO SCELTO DA BONO COME NUOVO DIRETTORE GENERALE, NONOSTANTE I DUBBI DI MASSOLO E DEL MEF – INTANTO CDP POTREBBE RATIFICARE GIÀ LUNEDÌ LE NOMINE DI CALCAGNINI E TONETTI COME VICE DI PALERMO. CHE DOVREBBE PESCARE PROPRIO IN FINCANTIERI IL NUOVO DIRETTORE FINANZIARIO, PIERFRANCESCO RAGNI

-

Condividi questo articolo

Fabrizio Palermo Giuseppe Bono Fabrizio Palermo Giuseppe Bono

1 – VALZER DI NOMINE INCROCIATE – IN FINCANTIERI, GIUSEPPE BONO HA SCELTO COME NUOVO DIRETTORE GENERALE FABIO GALLIA, EX AD DELLA CASSA DEPOSITI E PRESTITI E PREDECESSORE DI FABRIZIO PALERMO – IN CDP, PALERMO PESCA IN FINCANTIERI IL DIRETTORE FINANZIARIO, PIERFRANCESCO RAGNI. E NOMINA PAOLO CALCAGNINI A VICE DG, INSIEME AD ALESSANDRO TONETTI

https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/valzer-nomine-incrociate-ndash-fincantieri-giuseppe-bono-ha-scelto-242797.htm

 

FABIO GALLIA FABIO GALLIA

2 – GALLIA NUOVO DIRETTORE IN FINCANTIERI

Camilla Conti per “la Verità”

 

Dallo sportello al cantiere passando per la Cassa. La carriera di Fabio Gallia, dopo due anni di «panchina», fa tappa in Fincantieri dove l' ad Giuseppe Bono ha chiamato (anche se al momento in cui è andato in stampa non c' era comunicazione ufficiale) l' ex timoniere di Cdp per affidargli la poltrona di direttore generale del gruppo. Confermando, dunque le indiscrezioni raccolte dalla Verità lo scorso 22 luglio.

 

giampiero massolo giampiero massolo

La nomina di Gallia è finita ieri sul tavolo del cda del colosso industriale nonostante le iniziali perplessità che, secondo fonti qualificate, avrebbero manifestato inizialmente sia il Mef sia Cassa depositi e prestiti sia il presidente Giampiero Massolo, senza però muovere rilievi formali sulla scelta.

 

Dubbi che avrebbero riguardato quelle che gli anglosassoni chiamano le skills richieste dall' incarico che forse richiedeva competenze diverse da quelle di banchiere ed esperto di finanza. Soprattutto in vista delle prossime sfide per il gruppo che deve fare i conti con l' impatto del Covid-19 sul settore cantieristico, seppure compensato dal business della Difesa e anche se Bono non ha avuto alcuna cancellazione di ordini di navi, dopo aver negoziato nel pieno della pandemia.

FABIO GALLIA FABIO GALLIA

 

«Contiamo di riuscire a utilizzare le risorse che non saranno utilizzate nell' immediato nei progetti delle navi da crociera nel settore militare», ha detto di recente l' ad. Annunciando anche che Fincantieri rileverà a Genova Quarto uno stabile di proprietà di Cdp che dopo una ristrutturazione sarà trasformato nel polo per la ricerca tecnologica del gruppo a partire dai sistemi di cyber security a bordo delle navi.

 

Resta il fatto che il mercato delle crociere è un po' fermo con visibilità limitata sui tempi e l' entità della ripresa. Lo ha confermato anche la concorrente Carnival che ha riportato una perdita netta nel secondo trimestre di 2,4 miliardi di dollari, escluse le voci straordinarie. Non sarà dunque semplice, in questo comparto, tenere la barra dritta sebbene Bono sia un «capitano» assai esperto.

EMANUELA BONO EMANUELA BONO

 

Certo, con Gallia si conoscono da tempo. In via Goito l' ex banchiere di Bnl e Capitalia aveva chiamato la figlia di Giuseppe, Emanuela Bono, che aveva già lavorato con lui quando era ai vertici della Bnl.

 

Entrata in Cdp nel settembre 2015 come componente della segreteria dell' allora amministratore delegato, la Bono è stata poi promossa capo dello staff dell' amministratore delegato, con responsabilità sul monitoraggio dell' implementazione del piano industriale e in seguito è stata nominata cfo (direttore finanziario) di Cdp equity.

 

ALESSANDRO TONETTI ALESSANDRO TONETTI

Quanto a Gallia, poco dopo aver lasciato il timone di Cdp a Fabrizio Palermo nel 2018, ha costituito la Simple equity partners, una srl basata a Milano che ha per oggetto la consulenza aziendale ma anche l' assunzione e gestione di partecipazioni.

 

Gallia attualmente è socio amministratore di due società agricole a Capalbio assieme alla moglie e al figlio Francesco, e siede nei consigli d' amministrazione di Manifatture sigaro toscano, Sisalpay, Edison e Be shaping the future.

PAOLO CALCAGNINI PAOLO CALCAGNINI

 

Nel frattempo, con uno scambio di poltrone, un mini valzer torna a suonare in Cdp dove già il prossimo cda del 3 agosto potrebbe ratificare la nomina di Paolo Calcagnini a vice direttore generale, insieme ad Alessandro Tonetti.

 

I due manager saranno vice di Fabrizio Palermo, che oltre a essere ad è anche direttore generale. In passato Calcagnini è stato anche manager e consigliere in Tercas, al tempo controllata dalla Popolare di Bari, per poi approdare in Cassa nel 2015 come responsabile pianificazione e controllo di gestione ed essere stato promosso a ottobre 2018 cfo nella gestione Palermo.

PIERFRANCESCO RAGNI PIERFRANCESCO RAGNI

 

I cacciatori di teste sono dunque al lavoro per riempire la casella di direttore finanziario che rimarrà scoperta e il favorito è Pierfrancesco Ragni, attuale responsabile della divisione offshore e navi speciali di Fincantieri dove ha lavorato con Palermo quando l' attuale timoniere di Cdp era alla corte di Bono.

GIUSEPPE BONO FABRIZIO PALERMO MARCO ALVERA GIUSEPPE BONO FABRIZIO PALERMO MARCO ALVERA

EMANUELA BONO EMANUELA BONO

 

Condividi questo articolo

business

 

MICA SOLO L'AIR FORCE RENZI: ECCO COME L'ACCORDO CON ETIHAD HA SVENATO ALITALIA (E ORA I CONTRIBUENTI ITALIANI) - L'INGRESSO DEGLI EMIRATINI NELLA COMPAGNIA DI BANDIERA FU ACCOMPAGNATO DA MOLTE OPERAZIONI SOSPETTE, CHE SERVIVANO A ''COMPENSARE'' IL FATTO CHE ETIHAD NON POTESSE AVERE PIù DEL 49%. TIPO I 50 MILIONI INVESTITI PER INSEGNARE (AD ABU DHABI!) LE BUONE MANIERE AGLI ASSISTENTI DI VOLO - LA SVENDITA DEL PROGRAMMA MILLEMIGLIA E I DUBBI DEI PERITI SU LAGHI COMMISSARIO STRAORDINARIO

 

MONTE DEI PEGNI – SEI MILIARDI E PASSA DELLO STATO NON SONO SERVITI A NIENTE: DOPO TRE ANNI IN MANO AL TESORO MPS STA MESSA PEGGIO DI PRIMA – A DIRLO SONO I CONTI SEMESTRALI PRESENTATI DAI VERTICI DI ROCCA SALIMBENI, CHE HANNO SPOSTATO IL RITORNO DELL’UTILE DI ALTRI TRE ANNI – E LA FONDAZIONE (EX AZIONISTA DI MAGGIORANZA) CHIEDE 3,8 MILIARDI DI RISARCIMENTO. ORA BISOGNA VENDERLA, MA A QUESTE CONDIZIONI CHI SE LA COMPRA? CONTATTI TRA IL SOTTOSEGRETARIO BARETTA E I FRANCESI DI BNP E CREDIT AGRICOLE