CAIRO STAVOLTA RISCHIA L’OSSO DEL COLLO – ‘’NELLA TRATTATIVA CON RCS PER L'ACQUISTO DELL'IMMOBILE DI VIA SOLFERINO NESSUN COMPORTAMENTO USURAIO DA PARTE DI BLACKSTONE”. E' QUANTO SI LEGGE NEL LODO ARBITRALE CONSULTATO DA RADIOCOR – E A MILANO SUBITO DEFLAGRANO LE VOCI DI UNA CORDATA MESSA SU DALL’AVV. EREDE, IN PRIMA FILA LEONARDO DEL VECCHIO, PER PRENDERSI IL CORRIERONE DI URBANO. CHE FARÀ BANCA INTESA?

-

Condividi questo articolo


urbano cairo urbano cairo

(Il Sole 24 Ore Radiocor Plus) - "Non è dato ravvisare nel comportamento di Blackstone (e, per essa, di Kryalos) nulla che appaia indiscutibilmente contrario ai doveri di correttezza e buona fede" e quindi "le domande del risarcimento del danno proposte di Rcs sul presupposto che la controparte abbia tenuto un comportamento qualificabile come usuraio o abbia comunque violato i doveri di correttezza e buona fede nella trattativa e nella conclusione dei contratti non possono essere accolte".

 

E' quanto si legge nel Lodo arbitrale definito tra Rcs e Blackstone - consultato da Radiocor - per la vendita al fondo Usa dell'immobile di Via Solferino.

 

Nella trattativa con Rcs per l'acquisto dell'immobile di Via Solferino, Blackstone "ha legittimamente cercato di conseguire le condizioni per essa più vantaggiose, senza che sia emersa la prova di alcuna indebita pressione operata sulla controparte, all'esito di un procedimento competitivo che sarebbe arbitrario considerare fittizio".

BLACKSTONE BLACKSTONE

 

Se il prezzo pagato da Blackstone a Rcs per il complesso immobiliare di Via Solferino a Milano fosse stato "davvero così macroscopicamente sproporzionato rispetto al valore dei beni posti in vendita, con ogni verosimiglianza gli operatori di mercato concorrenti non avrebbero lasciato cadere la possibilità realizzare un buon affare, offrendo a propria volta condizioni di acquisto più allettanti per la venditrice".

 

sede del corriere della sera in via solferino a milano 1 sede del corriere della sera in via solferino a milano 1

Dal Lodo emerge che è stata chiesta una consulenza tecnica, secondo la quale si può ipotizzare per il complesso immobiliare un valore di circa il 20% più alto rispetto a quello pagato da Blackstone.

 

"Non vi è alcuna evidenza" che nel contratto di compravendita tra Blackstone e Rcs per il complesso immobiliare di Via Solferino a Milano gli amministratori della passata gestione di Rcs (pre Cairo, ndr) "abbiano concorso col proprio comportamento a favorire un'operazione speculativa di Blackstone, al punto di inscenare una fittizia procedura di vendita competitiva".

 

sede del corriere della sera in via solferino a milano 4 sede del corriere della sera in via solferino a milano 4

E' quanto si legge nel Lodo arbitrale definito tra Rcs e Blackstone - consultato da Radiocor - per la vendita al fondo Usa dell'immobile di Via Solferino. Questa precisazione viene fatta nel lodo alla luce dell'ipotesi avanzata dalla società editoriale che "il procedimento competitivo in realtà sarebbe stato null'altro che una messa in scena, allo scopo di mascherare accordi di vendita già precedentemente raggiunti tra il management di Rcs all'epoca e Blackstone" in virtù dei "rapporti esistenti tra il Cfo di Rcs e il referente in Italia di Blackstone".

urbano cairo tim cook andrea ceccheriniurbano cairo tim cook andrea ceccherini urbano cairo tim cook andrea ceccherini L'ARTICOLO DEL FINANCIAL TIMES SU CAIRO-BLACKSTONE

 

Condividi questo articolo

business

ALTAVILLA, ALTA QUOTA - FINALMENTE UNO DEI MANAGER PIÙ CAPACI DEL NOSTRO SVENTURATO PAESE HA RICEVUTO CIÒ CHE MERITA. SARÀ ALFREDO ALTAVILLA, BRACCIO DESTRO DI MARCHIONNE, A PRENDERSI SULLE SPALLE IL FARDELLO DI QUEL CHE RESTA DI ALITALIA, ORA DIVENTATA ITALIA TRASPORTO AEREO (ITA) – IL DURO SCONTRO CON ELKANN - CHIAMATO DAL MEF PER GUIDARE LEONARDO, ARRIVÒ IL NO DI GENTILONI PREMIER. CHE SCELSE IL SUO AMICO, EPOCA VERDE CON REALACCI E RUTELLI (CON SABINA RATTI ALL’ENI), ALESSANDRO PROFUMO (SPOSO DELLA RATTI)

DAGOREPORT: COSA FRULLA NELLA TESTA DI ORCEL? – A PIAZZA AFFARI SI SUSSURRA CHE IL NEO-BOSS DI UNICREDIT VOGLIA PUNTARE LE SUE FICHES PRIMA SUL BANCO BPM, PER POI PRENDERSI MPS O UNA PARTE – ORCEL È INGOLOSITO DALLA “DOTE” DA OLTRE 5 MILIARDI (DTA), MA ANCHE DALLE “FABBRICHE PRODOTTI” DI BPM, DI CUI UNICREDIT È SGUARNITA DOPO LA (S)VENDITA DI PIONEER E FINECO BY MUSTIER – INTELLIGENCE SULLA SCELTA DI ORCEL DELLA CINESE JINGLE PANG - DIVERSITA' DI VEDUTE TRA TONONI E CASTAGNA - LO SMEMBRAMENTO DI MPS E IL VOTO PER IL SEGGIO DI SIENA DESTINATO A ENRICO LETTA