CIMBRI TOGLIE CASTAGNA DAL FUOCO – NELLA LISTA DI UNIPOL PER IL RINNOVO DEL CDA DI BPER NON C’È L’AMMINISTRATORE DELEGATO ALESSANDRO VANDELLI, CHE SI OPPONE ALLA FUSIONE CON BANCO BPM - CIMBRI, DA MESI IN CONTATTO CON L’AD DI BPM GIUSEPPE CASTAGNA,VUOLE ACCELERARE SULLA FUSIONE PER CONTRASTARE IL POSSIBILE ATTIVISMO DI UNICREDIT, CHE POTREBBE PUNTARE BANCO BPM SE SFUMASSERO LE NOZZE CON MPS

-

Condividi questo articolo


carlo cimbri carlo cimbri

1 – DAGO-FLASH! - AUTOREVOLI FONTI FINANZIARIE MILANESI DANNO PER FATTA LA FUSIONE DELLA BANCA POPOLARE DI MILANO (CASTAGNA) CON BPER BANCA (CIMBRI). A QUESTO PUNTO A ORCEL NON RESTA CHE L'OPERAZIONE UNICREDIT-MONTE DEI PASCHI DI SIENA – 15 MARZO 2021

https://www.dagospia.com/rubrica-4/business/flash-autorevoli-fonti-finanziarie-milanesi-danno-fatta-fusione-263994.htm

giuseppe castagna banco bpm giuseppe castagna banco bpm

 

2 – UNIPOL CAMBIA I VERTICI DI BPER ACCELERA LA FUSIONE CON BPM

Gianluca Paolucci per “La Stampa”

 

Unipol stringe la presa su Bper e accelera per la fusione con Banco Bpm. Il gruppo assicurativo, primo socio della banca emiliana, ha presentato la lista per il rinnovo del consiglio di Bper: una lista di sette nomi, nei quali non c'è attuale amministratore delegato di Bper Alessandro Vandelli.

alessandro vandelli bper 1 alessandro vandelli bper 1

 

Al suo posto arriva in Bper Piero Montani, una lunga esperienza al vertice di importanti banche, già alla guida di Carige dopo essere stato amministratore delegato di Antonveneta, Mediocredito centrale e brevemente anche della stessa Bpm.

 

PIERO MONTANI PIERO MONTANI

A essere rinnovato è l'intero cda, ma proprio Vandelli era emerso come oppositore di una fusione tra Bper e Banco Bpm. Fusione alla quale sta lavorando da mesi il numero uno di Unipol, Carlo Cimbri, a stretto contatto con l'ad di Banco Bpm Giuseppe Castagna.

 

andrea orcel di unicredit andrea orcel di unicredit

Tra i due i contatti sono in corso da mesi, ma l'accelerazione sarebbe stata decisa da Unipol, spiega una delle fonti interpellate, per contrastare il possibile attivismo di Unicredit che con l'arrivo di Andrea Orcel viene visto come il pivot del processo di aggregazioni del sistema bancario italiano.

 

Proprio Banco Bpm viene indicata come una delle possibili alternative per Unicredit nel caso Orcel non ritenga conveniente la fusione con Montepaschi. Per la banca senese invece continuano le sorprese. Quella di ieri è un'offerta dagli Usa, che valorizza la Mps più di quanto capitalizza in Borsa però non viene ritenuta credibile dal Tesoro.

giuseppe castagna 1 giuseppe castagna 1

 

Piazza Affari la ignora, come alla vigila ha ignorato un'altra notizia di segno contrario come l'allarme di Pwc sulla continuità aziendale. Come se non bastasse in una storia che ha già abituato gli osservatori ai paradossi, il collegio sindacale mette nero su bianco nella sua relazione al bilancio 2020 della banca che, se dovesse slittare l'entrata in vigore di una modifica normativa, l'istituto potrebbe fare a meno dell'aumento di capitale.

 

MPS MPS

Al momento di questo slittamento, al di là di alcune indiscrezioni, non c'è traccia. L'offerta Usa è stata resa nota da Bloomberg: a presentarla, per conto di un gruppo d'investitori, un ex parlamentare democratico, Norman D. Dicks, 80 anni, già membro delle commissioni Difesa e Intelligence del Congresso e attualmente lobbista a Washington per importanti gruppi del settore della difesa e dell'aerospazio. Con lui, l'ex gestore di un importante fondo pensione Usa uno studio legale di Seattle.

Norman D. Dicks Norman D. Dicks

 

L'offerta, inviata direttamente al Mef, prevederebbe 900 milioni per il 64% del capitale in mano al ministero e un piano da 4 miliardi euro per trasformare Mps per «costruire un business con gli italiani all'estero», scrive Bloomberg. La banca ha fatto sapere di non essere stata contattata, mentre al Tesoro l'offerta non viene ritenuta accettabile a causa delle insufficienti credenziali finanziarie degli offerenti e per la mancanza di un serio track-record nel settore bancario.

carlo cimbri carlo cimbri monte dei paschi di siena monte dei paschi di siena carlo cimbri 10 carlo cimbri 10 alessandro vandelli bper alessandro vandelli bper Giusepe Castagna Giusepe Castagna giuseppe castagna giuseppe castagna Cimbri Cimbri

 

Condividi questo articolo

business

FALCHI VOLTEGGIANO SUL MONTE – IN VISTA DELL'AUMENTO DI CAPITALE DA 2,5 MILIARDI DI EURO DI METÀ OTTOBRE, È SCATTATO IL RAGGRUPPAMENTO DELLE AZIONI DEL MONTE DEI PASCHI DI SIENA. E IL TITOLO, POCO LIQUIDO E PREDA DEGLI SPECULATORI, NON È RIUSCITO A FARE PREZZO. COSÌ LA BORSA HA IMPOSTO UN DIVIETO DI IMMISSIONE DI ORDINI SENZA LIMITE DI PREZZO PER AGEVOLARE GLI SCAMBI – INTANTO IL CEO LOVAGLIO HA RICEVUTO L’ENDORSMENT DA FRATELLI D'ITALIA: “HA L'ESPERIENZA PER GESTIRE L'AUMENTO DI CAPITALE”