COME È SBUCATO IL CONIGLIO PADOAN? – FALLITE LE OPPORTUNITÀ DI TRASLOCARE ALL’ESTERO, FINO A DOMENICA MUSTIER PUNTAVA SU LUCREZIA REICHLIN. LUNEDÌ, DI COLPO, ARRIVA LA STERZATA CON LA COMPLICITÀ DEL VICE PRESIDENTE DI UNICREDIT, LAMBERTO ANDREOTTI: SCUSATE, CERCATE UN PRESIDENTE ACCOMODANTE? CHI MEGLIO DI PADOAN? - UNA SCELTA CHE DAVVERO NESSUNO POTEVA IMMAGINARE VISTO CHE L’EX MINISTRO È ATTUALMENTE UN MEMBRO DEL PARLAMENTO, ELETTO A SIENA IN QUOTA PD, QUINDI INVESTITURA CARICA DI UN CONFLITTO D’INTERESSI GRANDE COME IL BUCO NERO DI MONTE DEI PASCHI

-

Condividi questo articolo

DAGOREPORT

padoan padoan

Da quale cilindro è uscita l’improvvisa nomina di Pier Carletto Padoan alla presidenza di Unicredit? Una scelta che davvero nessuno poteva immaginare visto che l’ex ministro è attualmente un membro del Parlamento, eletto a Siena in quota Pd, quindi investitura carica di un conflitto d’interessi grande come il buco nero di Monte dei Paschi.

 

Non solo: la nomina contravviene a tutte regole di governance tant’è che la società che ha selezionato i candidati, la Spencer Stuart, non ha mai messo il nome di Padoan, ed infatti la nomina non è stata presa molto bene (eufemismo) dai “cacciatori di teste” ma soprattutto ha arricciare il naso al primo azionista di Unicredit, il fondo americano Blackrock che ha in tasca il 5%,. Altro problema: le dimissioni di Padoan devono ora essere accettate dal Parlamento: visto quello che è successo a Crosetto, andrà tutto liscio?

mustier parzani mustier parzani

 

Come è sbucato il coniglio Padoan? Intanto, negli ultimi tempi, Mustier era speranzoso di traslocare al Credit Suisse o all’Ubs. Due opportunità che sono fallite. Quindi, dovendo stare in Italia, insieme con l’eminenza grigia e compagna di vita Claudia Parzani, ha pensato a un presidente acquiescente che non lo disturbasse nelle sue trame di Amministratore Delegato.

 

LAMBERTO ANDREOTTI LAMBERTO ANDREOTTI

Fino a domenica il nome del duplex Mustier-Parzani era quello di Lucrezia Reichlin, l’ex vicepresidente di banca Carige cara al chiacchierato finanziere Mincione. Lunedì, di colpo, arriva a sterzata con la complicità del vice presidente di Unicredit, Lamberto Andreotti, figliolo di Giulio e in procinto di sposarsi col suo compagno, cupido dell’incontro tra Mustier e Parzani in casa di Roberto Spada.

 

Scusate, cercate un presidente accomodante? chi meglio di Padoan, un ministro che veniva comandato a bacchetta dall’allora premier Renzi (chiedere a Viola)? Aggiungere che l’ex ministro dell’economia, oltre a essere un pezzo di pane, potrebbe essere capace di togliere le castagne dal rogo di Monte dei Paschi.

 

LAMBERTO ANDREOTTI DI BRISTOL MYERS SQUIBB LAMBERTO ANDREOTTI DI BRISTOL MYERS SQUIBB

Infatti Mustier ha ricevuto molteplici solleciti dal ministro Gualtieri per acquisire quel buco nero chiamato MPS. Messaggio recepito. A questo punto Palazzo Chigi non potrà ostacolare il piano di Mustier di spacchettare in due Unicredit: da una parte Uni-estero, dall’altra Uni-Italia che poi ingloberà la banca senese.

 

 

 

 

 

Condividi questo articolo

business